Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (job o pixbuster)

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Pro e Contro
 36V? E perché non 48V?

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista Insert YouTube
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
Clicca qui per sottoscrivere questa Discussione.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
trespass Inserito il - 12/12/2016 : 19:02:55
Salve a tutti,
Ho una domanda forse ingenua, comunque:
Perché praticamente tutti i principali produttori offrono motori e batterie da 36V?
Perché non da 48V?
Non si avrebbe maggiore autonomia e potenza con un sistema a 48V?

Ora mi rendo conto che Bosch, Yamaha eccetera non sono stupidi, quindi evidentemente ci sono degli svantaggi ad usare un sistema a 48V, ma quali sono?
Grazie mille
50   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
SHILAH Inserito il - 12/08/2020 : 12:38:44
claudio02 ha scritto:

a 72v e soli 4A si va come il vento

Già, ma il motore lo vuoi vendere.
Magari ricordarsi di parlare di bici a norma ottimizzate per andare ad una velocità di 25 km orari massimi non sarebbe male.
Altrimenti si fa solo confusione.
claudio02 Inserito il - 11/08/2020 : 22:45:42
a 72v e soli 4A si va come il vento
Barba 49 Inserito il - 10/08/2020 : 21:08:44
Quoto, già una batteria che quando è completamente carica raggiunge i 58,8V come capita con le 48V-14S inizia ad essere considerata a rischio "scosse", quindi usare 72v pone il mezzo al di fuori delle norme di sicurezza "basiche" che una bici elettrica di solito ha: Gli scooter lavorano con tensioni assai più elevate, ma hanno anche molte più protezioni rispetto ad una Bipa... Comunque quello che ci "salva" da scosse impreviste è il fatto che nella bici elettriche contrariamente a quanto accade per le auto e le moto il telaio è isolato rispetto ad ambedue i poli dell'impianto elettrico, quindi per poter prendere la scossa occorre toccare ambedue i cavi di alimentazione anzichè solo uno.
job Inserito il - 10/08/2020 : 09:34:36
claudio02 ha scritto:

Perché no 72?


meglio di tutto, anche se credo che nelle normative di sicurezza i 60V sono considerati il limite in cui non occorrano sicurezze aggiuntive di protezione .
job Inserito il - 10/08/2020 : 09:11:02
Barba 49 ha scritto:

Sbloccare la potenza della NCM secondo me è perfettamente inutile, riesce a percorrere tutte le salite che si trovano su asfalto anche settata come arriva dalla casa, e siccome per fare off road non è indicata non vedo a cosa servano 350W continui invece che 250W continui: Alle ultime due Milano che ho avuto per le mani non ho fatto nessuna modifica della potenza e vanno più che bene ovunque.


Quoto: anch'io l'ho rimessa ad assistenza normale e va benissimo lo stesso.

claudio02 Inserito il - 09/08/2020 : 14:17:29
Perché no 72?
-sandro- Inserito il - 09/08/2020 : 12:45:12
Allora io perché l'ho sbloccata? :D
La memoria mi dice che la velocità in salita era aumentata.
Barba 49 Inserito il - 08/08/2020 : 10:15:07
Sbloccare la potenza della NCM secondo me è perfettamente inutile, riesce a percorrere tutte le salite che si trovano su asfalto anche settata come arriva dalla casa, e siccome per fare off road non è indicata non vedo a cosa servano 350W continui invece che 250W continui: Alle ultime due Milano che ho avuto per le mani non ho fatto nessuna modifica della potenza e vanno più che bene ovunque.
andrea 104KG Inserito il - 06/08/2020 : 14:10:13
Che sia limitata di fabbrica non ci piove, il resto è per me molto fumoso, allora anche brose, bosch ecc. Che di picvo vanno ben oltre i 700w dovrebbero essere da nominali 350w...
-sandro- Inserito il - 06/08/2020 : 13:48:07
blindo7 ha scritto:

@sandro, la NCM sbloccata a 700w ha un nominale di 350w,
come tutte le centraline semplici il picco è il doppio del nominale,
per questo motivo è illegale,

che poi su una bici kittata dia più nell'occhio di una nativa modificata, è un'altro discorso


Ah ecco cosa mi sfuggiva. Ma secondo voi è nominale a 350W di fabbrica e limitato via software?
job Inserito il - 06/08/2020 : 12:32:50
gizeta ha scritto:

Il BBS 01 48V dato per 350W (centralina 15A) è un gran bel motore. Lo stesso BBS con centralina 36V/18A transformer (che io ho "tirato a 20A) e che quindi sempre 720 watt di picco dovrebbe fornire - come il 48v - è molto più pedalabile ma come prestazione pura è inferiore. Ma è un tipo di "risposta" che puoi apprezzare solo con l'acceleratore. Insomma, nel caso del BBS non ho dubbi che 48V siano meglio di 36. Dopodichè, se il motore è tanto bello ma gli piace viaggiare a 120 rpm devi cambiare qualcosa. Ma il presupposto rimane: secondo me meglio 48V


E' ovvio che il motore deve essere progettato correttamente, noi abbiamo sempre cambiato i voltaggi per forzare caratteristiche costruttive di base che ritenevamo non adeguate al nostro scopo, non è questo il concetto di un motore nuovo. Piuttosto io nei miei test ho notato (e non centra niente con la potenza pura), mi ripeto, che a 60 volt tutto funziona meglio per il semplice motivo che passa meno corrente nel circuito e questo fa bene a tutto: dalla batteria, alla centralina, agli avvolgimenti ecc. Non parliamo poi della monoruota che ho che è un hub senza ingranaggi da quasi 70 volt, mai dato un problema e ha un range di utilizzo da 3km/h (con oltre il 30% di pendenza superabile) fino a 40 km/h .

Capisco che le potenze in gioco sono enormemente differenti, ma i motori di automobile hanno voltaggi dai 400 volt in su, ci sarà un motivo, la porsche addirittura 800 V .
blindo7 Inserito il - 06/08/2020 : 10:11:08
@sandro, la NCM sbloccata a 700w ha un nominale di 350w,
come tutte le centraline semplici il picco è il doppio del nominale,
per questo motivo è illegale,

che poi su una bici kittata dia più nell'occhio di una nativa modificata, è un'altro discorso
andrea 104KG Inserito il - 06/08/2020 : 01:14:59
In teoria niente, considerato che poi è un hub e se lo metti sotto sforzo per mezzora continuativa si brucia di sicuro. L'unico inconveniente e se si sblocca anche la velocità.
-sandro- Inserito il - 05/08/2020 : 23:28:54
Io non ho ancora visto la risposta alla mia domanda... cioè cosa ha di illegale NCM se portata al picco più alto ma rimane a 250W nominale?
gizeta Inserito il - 05/08/2020 : 22:44:12
Il BBS 01 48V dato per 350W (centralina 15A) è un gran bel motore. Lo stesso BBS con centralina 36V/18A transformer (che io ho "tirato a 20A) e che quindi sempre 720 watt di picco dovrebbe fornire - come il 48v - è molto più pedalabile ma come prestazione pura è inferiore. Ma è un tipo di "risposta" che puoi apprezzare solo con l'acceleratore. Insomma, nel caso del BBS non ho dubbi che 48V siano meglio di 36. Dopodichè, se il motore è tanto bello ma gli piace viaggiare a 120 rpm devi cambiare qualcosa. Ma il presupposto rimane: secondo me meglio 48V
andrea 104KG Inserito il - 05/08/2020 : 19:38:45
Che l'età media si stia abbassando è vero, più che altro si delinea che e-mtb e mtb sono sport diversi. Probabilmente usciranno altre e-mtb leggere come la levo sl, verso le quali si indirizzeranno i giovani e i pedalatori in gamba.
Poi pian piano, visto che chi ha comperato le e-mtb prima non ci andava e ci sarà un certo abbandono, prevedo un certo assestamento sugli "over", specialmente nelle zone più evolute. Qui in provincia arriva tutto con qualche anno di ritardo e siamo ancora in fase espansiva, ma almeno nelle marche, vista l'esigua popolazione, la saturazione sarà abbastanza veloce.
SHILAH Inserito il - 05/08/2020 : 17:05:53
Secondo me gli hub sono meglio a 48v sempre che si diano una svegliata sulle centraline che sono infami. Per i centrali la cosa è diversa perchè la coppia che viene espressa dipende anche dal cambio. Bafang per il legale europeo ha 4 motori tutti a 36 v oltra al bbs. I 48v sono l'M600 che è un 500w e pesa di più dei 250 w. Bikeebike sta uscendo con tutta una serie di motori e il 250w è a 36v mentre i più potenti sono a 48v.
Sul 48v del TQ Haibike sono montate corone grandi e queste limitano la coppia e tolgono sensibilità. Per me sono motori da ultra 75enni e anche malmessi mentre l'età media di chi usa una bici elettrica secondo me si è abbassata. Non cambio bici perché mi dicono che è più potente quando invece la potenza è sempre quella legale. Se faccio qualcosa in più con Shimano rispetto al bbs di inizio 2014 è solo perchè la diversa ciclistica me lo permette e perchè il motore è più facile da gestire con il torsiometro ma la potenza è quella.
job Inserito il - 05/08/2020 : 09:58:07
SHILAH ha scritto:

il TQ è sicuramente il più potente ma, visto che l'ho provato ( anche se per poco tempo) posso dire che è continuamente incartato da continui interventi dell'elettronica. Non servono sempre 48v e nessun dei player più importanti è recentemente passato da 36 a 48v. I 60v non mi sembrano proprio all'orizzonte.


Chi vivrà vedrà, hanno ancora tempo per cambiare tutti voltaggio, adesso stanno finalmente mettendo batterie adeguate, anche qui si è passati da 300 poi 400 poi 500 poi 700 900 adesso si comincia andar sopra i mille, ovvero con una lentezza disarmante si sta arrivando a quello che noi si usa da più di 10 anni . Certo che ci sono e ci saranno sempre più prodotti di nicchia per appassionati e veri esperti ma io parlo del mercato di massa (basta vedere come usano le bici quelli che le noleggiano, ne abbiamo già parlato): i parametri sono sempre gli stessi, cavalleria e batteria come se non ci fosse un domani cercando ovviamente di limitare peso e costi. Cominciano ad adeguarsi anche agli oversize omologando bici per gente che pesa 150 kg (hai voglia se questi non li devi tirar su con l'argano) .

Basti poi pensare che adesso la prima cosa che chiedono tutti e che viene adeguatamente pubblicizzata dalle case è: ma quanta coppia ha ? (che tradotto significa quanta potenza riesce a mettere a terra)

Shilah , io, sempre più di 10 anni fa ho provato i vari voltaggi sugli stessi motori, e non roba da 8 kg ma motori piccoli da 350W, i miei esperimenti mi hanno insegnato che un motore fatto girare a 60 volt è sempre andato meglio per tutto il sistema rispetto ai voltaggi inferiori: meno stress batteria, meno consumi, meno surriscaldamento, più performance (eccezione fatta per il discorso sicurezza ovviamente).

pixbuster Inserito il - 05/08/2020 : 00:09:38
(((((

Bicifacile ha scritto:

Tutto vero se le strade fossero a pendenza costante. Ma siccome esistono le salite con pendenze molto variabili, quel 5% che il centrale perde per via dei maggiori attriti meccanici se lo riprende, con gli interessi, per la maggior efficenza garantita dall'uso del cambio.


Ehm 10-15% e non 5 di differenza

Comunque certamente è giusto il tuo discorso, ma solo se si parla di salite sopra al 10 12 14% a seconda degli hub: ovvero fino a quando la velocità non scende sotto ai 10-12 km/h, da qui in poi i centrali sono in vantaggio

Se i percorsi sono pianeggianti con salite "automobilistiche", l'hub ha un rendimento migliore

Quando la strada ha pendenze dal 10% in poi viene generalmente segnalato con un apposito cartello



)))))
SHILAH Inserito il - 04/08/2020 : 22:48:22
il TQ è sicuramente il più potente ma, visto che l'ho provato ( anche se per poco tempo) posso dire che è continuamente incartato da continui interventi dell'elettronica. Non servono sempre 48v e nessun dei player più importanti è recentemente passato da 36 a 48v. I 60v non mi sembrano proprio all'orizzonte. In più troppa coppia può essere controproducente in passaggi difficili. E per fare i 25 km orari non serve a niente. Un motore moderno è tale quando si adatta bene alla pedalata del ciclista anche senza cambiare livello di assistenza. Ultimamente poi, sul mercato, sono usciti motori molto leggeri sia hub (compreso l'italiano FSA) che centrali che sono ben al di sotto dei 500w di picco in quanto sulle bici da corsa, sulle gravel e anche su qualche bici da xc o anche enduro la leggerezza è considerata più importante della potenza.
I 72v con un padellone da 8kg sulla ruota posteriore non lo vuole nessuno (quasi).

Comunque un kit a 48v esiste, va benissimo e si chiama Hillraser. Non teme confronti con i migliori in fatto di potenza.
Steu851 Inserito il - 04/08/2020 : 17:17:25
-sandro- ha scritto:

Quindi torniamo alla domanda originale...

Se non c'è
- limite massimo di W di picco
- limite di quanto tempo può rimanere nel picco

Quale sarebbe l'illegalità di NCM hub portato al picco di 750W se rimane omologato a reggere solo 250W continui?


il limite di quanto tempo può rimanere nel picco c'è e mi pare sia 30 minuti. Si parla poi di potenza meccanica alla ruota, non elettrica sulla batteria. Col torsimetro il motore eroga una potenza che fluttua continuamente c'à chi ha messo la banco un motre Bosch ed ha messo un motore al posto della pedivella per fare delle misure, ebbene il sistema trovandosi una spinta costante è andato in errore. I sistemi PAS non hanno fluttuazioni quindi la potenza misurata deve essere minore in quanto è continua
-sandro- Inserito il - 04/08/2020 : 17:06:35
Quindi torniamo alla domanda originale...

Se non c'è
- limite massimo di W di picco
- limite di quanto tempo può rimanere nel picco

Quale sarebbe l'illegalità di NCM hub portato al picco di 750W se rimane omologato a reggere solo 250W continui?
job Inserito il - 04/08/2020 : 16:14:50
La polemica sul legale non legale mi sembra del tutto sterile e quoto Barba,sta agli altri produttori adeguarsi, Bosch è stata la prima a capire che c'era margine perchè nessun governo europeo gli avrebbe rotto le balle (e forse perchè si chiamano Bosch ? ) , poi giustamente tutti gli altri si sono adeguati tanto se non multano bosch non multano neanche noi. I poveri giapponesi di Panasonic che erano più ligi all'inizio se la presero in quel posto.

Comunque Andrea un test serio è stato fatto, l'ho già postato , una rivista tedesca ha misurato su una salita di quasi 30 minuti i motori più gettonati impostandoli alla massima assistenza.

Questo è il grafico del bosch, come si vede il motore sta praticamente sempre sui 400W per mezz'ora continuativamente (alla faccia di qualche minuto) (e qui si parla di netti, quindi dalla centralina ne esce una bella cavalleria)

Immagine:

22,02 KB

Hanno anche intervistato il capo sviluppatore di Brose chiedendo il motivo del leggero calo di prestazioni di tutti i motori rispetto all'inizio: lui risponde con gli argomenti noti: ovvero che la batteria all'inizio ha più volt e che i circuiti quando sono caldi vanno un po' meno ma non parla di surriscaldamento.

A domanda precisa se un brose si può rompere se usato sempre a massima potenza, la risposta è laconica: no!

Non parliamo poi del motore TQ e chissà adesso i vari sachs a 48V ecc. che potenze medie sono in grado di sviluppare.

Immagine:

27,94 KB


Quindi parliamoci chiaro, se sono omologati sono legali , punto e a capo, ma alcuni a lungo tempo hanno sostenuto che 250W erano già esagerati per far tutte le salite e che altrimenti non si potevano più equiparare a biciclette mentre i kittaioli e gli hubbisti erano fuorilegge scansafatiche che volevano andare in moto senza assicurazione .

ps- concordo con Andrea: mettete via i soldini in musina se volete sempre l'ultimo grido perchè 36V suona già come obsoleto e passeranno tutti a 48V e poi a 52V e poi a 60 tanto lo sappiamo da una vita che i voltaggi ancora più alti sono migliori (sempre se la legge glielo consentirà) .

-sandro- Inserito il - 04/08/2020 : 15:00:54
Quindi l'illegalità di aumentare il picco di NCM dove sarebbe?
SHILAH Inserito il - 04/08/2020 : 13:36:56
-sandro- ha scritto:

Non avevamo detto che il picco non ha limiti legali?

Non li ha. Però se non ha torsiometro, sensore di temperatura, sensore di cadenza e magari anche inclinometro come negli ultimi Yamaha non ci sono strumenti per dare picchi elevati a motori con potenza limitata a 250 w continui. Qualsiasi pollo che usi una bici con centrale moderno di rende conto che non si usa quasi mai solo a potenze massime e,se lo fai, interviene l'elettronica che modula il motore e abbassa la potenza erogata. BBS e tdz sono motori vetusti. Gli hub anche e hanno centraline semplici ma rozze. I motori moderni hanno un'elettronica che si adatta alla normativa. Non sono illegali, sfruttano al massimo quanto consentito dalla legge. Il brose di Andrea va meglio del suo tdz perché è più moderno ed evoluto, non perché illegale. Si deve confrontare con il bafang M500 che non costa proprio niente. Non si può confrontare con un BBS che è un motore del 2013 copiato da un motore giapponese a cui è stato tolto il sensore di sforzo.

-sandro- Inserito il - 04/08/2020 : 13:00:24
Non avevamo detto che il picco non ha limiti legali?
Barba 49 Inserito il - 04/08/2020 : 12:15:51
Nelle NCM Milano in effetti se con lìapposito codice si blocca la potenza si superano i 700W di picco, ma in questo caso è ILLEGALE, infatti quando arriva a casa è settata in maniera ben diversa dal costruttore, quindi NON si può usare come termine di paragone!

Prima di sbloccarla raggiunge a malapena i 570W di picco, infatti pur avendo una centralina da 15A massimi è settata a 12A massimi.
andrea 104KG Inserito il - 04/08/2020 : 11:57:13
booh, quei pochi che ho io sono ben al di sotto della turbo levo, di almeno 150-200w, almeno di picco.
Alternando i motori è abbastanza facile vedere una coincidenza di prestazioni, ( e di valori su wattmetro di entrambi) su strada ovviamente, fra la levo e un hub bpm con centralina da 20a, quindi 5 a più del legale, cioè i summenzionati 150-200w. in fuoristrada il confronto è improponibile, troppo diversi, levo vince a man bassa.
Per me ha senso un confronto solo se supportato da misurazioni strumentali, almeno un wattmetro altrimenti non ha senso.
Per quanto riguarda il discorso efficienza devo purtroppo rilevare che il mio tsdz2 nell'uso in collina risulta più efficente dell'hub, a parità di watt (al 90% del mio uso sono sui 380-400w) permette di faticare sensibilmente meno, lo so che è un giudizio "a spanne" basato sulla fatica, ma almeno fatto a parità di watt, con uno strumento.
Non mi piace il confronto fatto sul nulla, prendendo un qualunque bosch, brose, yamaha ecc e paragonandolo a un hub, di solito da supermercato, e rilevare che che il centrale è immensamente superiore, senza sapere neanche i watti di ognuno.
Se proprio vogliamo far un confronto a spanne, prendiamo una Milano, che sappiamo capace di 700w e facciamo il confronto.
In sistesi per me i centrali barano di almeno 200w, forse anche un pò di più e non mi importerebbe nulla se fosse permesso anche sui kit, ma come dice Barba nessuno si prende la briga di certificare un bbs 500w o un tsdz2 48v 750w (nei tsdz2 i 750w sono il massimo, non è come nei bbs che fanno quasi il doppio di picco) e quindi purtroppo non c'è nulla da fare... se comperi una nativa sei autorizzato a sforare se comperi un kit no. Purtroppo se ci ragiono sopra mi arrabbio, ovviamente per niente
Steu851 Inserito il - 04/08/2020 : 10:34:09
andrea 104KG ha scritto:

Barba, mi incavolo perchè sembra che i kittari sono tutti illegali e i nativi tutti dei santi, infatti se gli dici che vanno a 800w non ci credono,


non capisco questa tua presa di posizione, nessun motore da kit che sia hub o centrale è limitato a 250W generalmente stanno sui 5-600 W 'di picco', esattamente quanto i miei yamaha nativi
Bicifacile Inserito il - 04/08/2020 : 10:25:39
pixbuster ha scritto:

Barba 49 ha scritto:

....
I motori nel mozzo rendono leggermente di più ma solo perchè non utilizzano la trasmissione a catena della bici, ma si tratta del 5% circa, una miseria!!!



((( Barba, ti sei dimenticato che i motori centrali hanno 2 gruppi riduttori di giri rispetto ad 1 degli hub, e la seconda è una riduzione che lavora con coppie elevate - quelle della corona che gira più piano della ruota - perciò è una riduzione con un rendimento decisamente più basso di quella unica "circa epicicloidale" degli hub; c'è poi appunto la catena
Dalle mie prove - strumentali e non spannometriche - ho visto che la differenza di rendimento in piano è fra il 10 e il 15% e può arrivare anche a valori più alti con motori centrali economici
e comunque il 5% significa che invece di 100km ne faccio 95 ... e pedalo per gli ultimi 5 )))




Tutto vero se le strade fossero a pendenza costante. Ma siccome esistono le salite con pendenze molto variabili, quel 5% che il centrale perde per via dei maggiori attriti meccanici se lo riprende, con gli interessi, per la maggior efficenza garantita dall'uso del cambio.
Barba 49 Inserito il - 04/08/2020 : 00:05:00
@Pix, vero, c'è un ulteriore passaggio che taglia la resa dei centrali...

@Andrea104KG: Come ho scritto sopra se la Bafang (tanto per citare un marchio) dichiarasse che i suoi BBS-02 da 36V-500V (che raggiungono i 900W di picco)) in realtà sono dei normalissimi motori da 250W e ce lo stampigliasse sopra nessuno troverebbe niente da ridire, è semplicemente un impegno che deve prendersi il costruttore!!!

Infatti per i suoi motori non disponibili in kit lo fa eccome, le bici che nascono con il Bafang centrale col torsimetro da 250W nominali sparano alto esattamente come i Bosch... Probabilmente siccome un kit non si sa mai su che bici viene montato (può trattarsi anche di una vecchia olandese senza sospensioni e con freni inaffidabili) i produttori cercano di stare nelle regole, mentre quando vendono ai produttori di bici elettriche che garantiscono un progetto sicuramente più adeguato ad un'elettrificazione hanno meno scrupoli e aumentano la potenza di picco.
pixbuster Inserito il - 03/08/2020 : 23:41:21
Barba 49 ha scritto:

....
I motori nel mozzo rendono leggermente di più ma solo perchè non utilizzano la trasmissione a catena della bici, ma si tratta del 5% circa, una miseria!!!



((( Barba, ti sei dimenticato che i motori centrali hanno 2 gruppi riduttori di giri rispetto ad 1 degli hub, e la seconda è una riduzione che lavora con coppie elevate - quelle della corona che gira più piano della ruota - perciò è una riduzione con un rendimento decisamente più basso di quella unica "circa epicicloidale" degli hub; c'è poi appunto la catena
Dalle mie prove - strumentali e non spannometriche - ho visto che la differenza di rendimento in piano è fra il 10 e il 15% e può arrivare anche a valori più alti con motori centrali economici
e comunque il 5% significa che invece di 100km ne faccio 95 ... e pedalo per gli ultimi 5 )))

andrea 104KG Inserito il - 03/08/2020 : 21:10:25
Barba, mi incavolo perchè sembra che i kittari sono tutti illegali e i nativi tutti dei santi, infatti se gli dici che vanno a 800w non ci credono, non ci sto. A parte che non esiste un ente unico pubblico per la certificazione dei motori, mai sentito anche se può essere una mia mancanza. A me sembra che tutti fanno certificare, pagando, a chi gli pare a loro.. poi con magnificenza dicono, l'abbiamo fatto certificare dall'ente tedesco tal dei tali... ma se c'è in italia un obbligo di certificazione va bene la certificazione tedesca? non mi pare, per le auto non è così, in Germania certificano cose che da noi non sono minimamente ammesse, chi fa modding di auto lo sa bene. E mi sfugge anche il passo dove la legge parla di certificazione, parla di potenza ma obbligo di certificazione? La fai volontariamente per dire che rispetti la legge, ma l'obbligo non mi pare esista. forse ti fermano, hai la certificazione e non ti fanno il controllo? booh... anche qui ammetto che sono limitato, quindi che conosce un testo di legge o circolare lo renda noto...
Non credo proprio che nessuno degli hub delle bici da "supermercato" in circolazione si certificato da chicchessia... forse da un ente cinese... e quindi lascia il tempo che trova. Quindi c'è qualche milione di bici in circolazione illegali...
Mi arrabbio perchè se faccio un incedente la mia bici viene periziata, la nativa no, è giusto?
Allora potrei fare un business, importo i bbs 500w, li faccio certificare (ne basta uno, saranno qualche migliaia di euro al tedesco) e li rivendo come legali, non sarebbe male, penso che dare la sicurezza di un motore legale a un 500w sarebbe un bel plus
Il tsdz2 48v 750w passa di sicuro, anche col firmware modificato, dopo 10 minuti al massimo fuma



-sandro- Inserito il - 03/08/2020 : 20:04:37
Ma fatemi capire la legislazione, non c'è un limite di picco in W ne in tempo ma solo che oltre 250W deve scaldare oppure che entro 250W non deve scaldare?
Perché il primo mi sembra artificioso... cioè potrei fare un motore 250W nominale che può arrivare di picco a 2000W ma che si brucia dopo 2 ore continui a 2000W e rimanere nel legale?
Barba 49 Inserito il - 03/08/2020 : 19:54:58
@Andrea10Kg: Perchè ti incavoli? Se un BBS-01 da 36V-350W (648W di picco) non è considerato legale in Italia è perchè la Bafang non si è rotta le scatole in fase di omologazione per farlo inserire tra i 250W mentre Bosch e altri costruttori lo hanno fatto, quindi è inutile che te la prendi, incavolati con Bafang che se ne strabatte di noi utilizzatori!!!

Ho inserito wattmetri ovunque, i motori centrali attuali montati di serie (anche i Bafang col torsimetro) hanno tutti oltre 700W di potenza di picco ma sono ovviamente omologati come 250W, basta produrre le dovute certificazioni e la cosa è fattibilissima!

Poi quoto ovviamente Blindo7, misurare la potenza erogata dalla batteria è un sistema molto vago per conoscere la potenza effettiva disponibile alla ruota: Le centraline se va bene rendono il 90% di quanto assorbono (e infatti scaldano), il motore vero e proprio ha una resa dell'85% (tutti), poi c'è il riduttore di giri a catena o ad ingranaggi (85%) e infine la trasmissione a catena della bici che se ben mantenuta rende anche il 95%... Se tirate due conti vedete che dei 500W che si leggono sul wattmetro in realtà alla ruota arrivano esattamente 310W, potete fare voi stessi il calcolo ma non se ne esce!!!

I motori nel mozzo rendono leggermente di più ma solo perchè non utilizzano la trasmissione a catena della bici, ma si tratta del 5% circa, una miseria!!!

andrea 104KG Inserito il - 03/08/2020 : 19:11:23
Shilah , a me il discorso da fastidio perchè se ti fermano con un bbs da 500w sei fuorilegge mentre con un bosch no. Tu puoi dire quello che vuoi ma io lo vedo tutti i giorni con la levo che fa più di 800w e non si scalda nemmeno. Ok forse si brucia dopo 2 ore, ma siccome non esiste una salita di 2 ore continuative al massimo è come se fosse un motore più potente.
Di tutte le rotture, non ho mai, dico mai, visto un solo motore legale con avvolgimenti bruciati. se ne vanno tutti a 250w con rari picchi a 800w? mettimo un wattmetro, su una levo non è neanche necessario modificare niente è bluetooh con blewo.
Poi se i nativi fanno 1000w, 2000w, a me non me ne frega un tubo basta che non vengono a dare noia se ho un kit che di picco fa 800w. Il tsdz2 secondo loro è super regolare, infatti bastano 5 minuti a 800w per portarlo a 100°, se si insiste per altri 5 minuti puff... Endless spere è pieno di motori tsdz2 bruciati da calore.
ok loro posso dire quello che vogliono fatto sta che invito qualsiasi possessore di un centrale a mettere un wattmetro e vedere i valori.
Nei fatti e non sul banco, tutti utilizzano oltre i limiti legali per salire, e come dicevo non me ne frega un tubo, basta che poi non mi vengono a rompere se il mio kit di picco fa 800w comw i loro.
Un'ingiustizia è un'ingiustizia e io continuerò a ripeterla all'infinito. Se poi quancuno vuole fare delle prove, che sia bosch o mannuzzi o chiccessia, facciamole, se sbalglio smetto e chiedo scusa per altrettante volte che ho denunciato l'inganno. vogliamo scommettere che nessuno le farà mai? che si continuerà a parlare per sentito dire, per certificazioni ecc, ma gli occhi su uno strumento, su percorsi reali non li metteranno mai?
blindo7 Inserito il - 03/08/2020 : 17:39:53
vale per i motori con centraline evoluta e controllo della temperatura, ad esempio la motoruota Bionx aveva un controllo talmente severo che in salita si scaldava e spegneva tutto, motori salvi e clienti persi,

per la velocità finchè siamo a 25 sono d'accordo, se invece li sblocchi allora senti anche la differenza tra 50 Nm e 80 Nm,
ma attenzione è da criminale!!!
-sandro- Inserito il - 03/08/2020 : 16:53:57
A me questa paura dei watt (lato legislativo) mi fa ridere. Tanto la velocità rimangono comunque limitate.

Ma questo discorso del "non si brucerà mai" vale solo per i centrali immagino?
blindo7 Inserito il - 03/08/2020 : 15:33:22
chissà se c'è in mezzo un po dieselgate, penso che non sia impossibile fare in modo che in fase di test il motore scaldi e in strada no,
a parte questo benvengano motori brillanti, i 25kmh in salita fuoristrada sono sufficienti, per discesa e pianura, ci sono pendenza e sblocco
poi ricordiamoci che in pochi usano la massima assistenza perché i consumi sono eccessivi, e per qualcuno è il turbo è troppo potente,

veniamo al sodo,quello che vediamo sul nostro wattmetro nastrato al manubrio,o nel display 3D a colori, sono i consumi del motore c'è da vedere poi quanto arriva alla ruota,tra cuscinetti,ingranaggi,catene storte,cinghie,boccole,ecc.. dove ogni pezzo influisce sul rendimento totale,
per essere puntigliosi,anche una centralina squarewave potrebbe consumare più di una sine, con conseguente riduzione di rendimento,
in questo l'unico dato reale potrebbe essere una motoruota gearless dove tra motore e asfalto non c'è quasi nulla
SHILAH Inserito il - 02/08/2020 : 12:52:32
Avere una potenza di picco da 800w non significa barare. Continui ad affermarlo e la cosa è fastidiosa.
QUESTO sotto è quanto scrive Marco Mannuzzi che ha la maggior parte dei meriti nella creazione del motore Oli.
Leggi con attenzione.

Potenza nominale e potenza di picco dei motori per e-bike
Non è facile descrivere in poche righe un concetto fatto di regole, rendimenti di energia e di calcoli abbastanza complessi, ma penso di non diffondere malinformazioni se mi limito a semplificare al massimo, tralasciando di conseguenza alcune variabili, questo concetto.
Potenza nominale:
noi tutti conosciamo qual’è la potenza nominale dei sistemi elettrici montati sulle e-bike, ovvero 250Watt ma al contrario di come molti pensano non è che le nostre e-bike sprigionino questa piccola potenza, per fortuna per qualche minuto possono arrivare anche al triplo, quindi 750W.
Ogni produttore che voglia commercializzare una e-bike in Italia, ma anche da tante altri parti del mondo, deve certificare che il suo motore sia un sistema elettrico da 250W di potenza nominale.
Potenza di picco:
qui ogni produttore gestisce questo parametro a suo piacimento, alcuni arrivano a poco più di 500W ed altri arrivano anche ad 800W, non ci sono regole “burocratiche” che limitano questo parametro, ma solo delle semplice regole fisiche.
Veniamo al dunque del discorso, che differenza c’è fra potenza nominale e potenza di picco?
La potenza nominale OBBLIGA che ogni motore elettrico possa essere alimentato per un periodo di tempo infinito, quindi senza bruciarsi, solo con al massimo la potenza nominale.
Se quindi alimentiamo un motore per e-bike con 250W di potenza e allo stesso applichiamo un carico sufficiente, lo stesso motore entrerà in una sorta di equilibrio termico che gli consentirà di produrre una certa forza senza che le temperature raggiungano livelli pericolosi per il motore elettrico, in poche parole il motore NON si brucerà mai.
Se allo stesso motore applico un carico sufficiente ed una potenza di 300W ecco che qui la situazione DEVE cambiare, il motore dopo un periodo di tempo variabile (a 300W penso che un 250W bruci dopo alcune ore) il motore si DEVE BRUCIARE in quanto le temperature piano piano si innalzeranno ( a differenza di prima che invece si stabilizzavano “equilibrio termico”) sempre di più fino alla rottura.
Se allo stesso motore da 250W applico un carico sufficiente ed una potenza di 1000W il motore dopo pochissimi minuti raggiungerà temperature molto elevate (i magneti perdono efficienza a c.ca 130° e gli avvolgimenti dello statore si bruciano dopo poco) e di conseguenza si brucia.
PER RIASSUMERE:
i motori per e-bike sono dei 250W nominali ma possono rendere potenze elettriche maggiori, fino a più del triplo, ma solo per alcuni minuti, più è alta la potenza e meno tempo il motore impiegherà a bruciarsi, ovvio che NESSUNO di motori per e-bike si brucerà mai (per lo meno i motori prodotti da aziende serie…) in quanto al loro interno è inserito una parte logica nella centralina che gestisce quest’aspetto, appena le temperature diventano critiche. La centralina impedisce che al motore arrivi troppo potenza, in gergo si dice che la centralina TAGLIA CORRENTE per evitare appunto una rottura meccanica.
Ci sono sistemi che tagliano “di brutto” per cui l’utente a un certo punto e improvvisamente si vede momentaneamente appiedato, altri che invece gestiscono questa criticità in maniera graduale.
andrea 104KG Inserito il - 02/08/2020 : 01:08:14
Nei centrali come diceva barba la differenze è meno che negli hub, visto che possono usare il cambio, ma io scommetterei che fra 3-4 anni saranno tutti a 48v... C'è una ricerca spasmodica di coppia e comunque un motore a 48v, anche centrale è più pieno e coppioso. Senza contare che tutti barano è hanno potenze di picco di 800w che a 48v stressano molto meno le batterie. E' la modifica più semplice e meno costosa, senza contare che soddisfa il marketing che vuole novità di continuo...
Bicifacile Inserito il - 01/08/2020 : 19:14:13
Che pessimismo cosmico! 36V o 48V c'è veramente poca differenza forse qualcosa come efficenza, visto che nei 482020-07-25 a pari potenza circola meno corrente e quindi si riduce la dissipazione termica.
Per tutto il resto 36 o 48V sono praticamente la stessa cosa. Non è il caso di preoccuparsi e desiderare una motore nuovo a 48V.
andrea 104KG Inserito il - 30/07/2020 : 21:46:54
si ma i possessori di sl devono mettere i tappi alle orecchie da quanto è rumoroso si lamentano tutti...
I 48v arriveranno, devono farci spendere e cambiare bici ogni 2-3 anni mica possono fare tutto subito
SHILAH Inserito il - 30/07/2020 : 17:17:19
Ci sono anche Wayel

https://www.wayel.it/mobilita-elettrica/icon-trekking-bike/

e XPbikes

http://www.xpbikes.it/bici-elettriche/26

che hanno centrali a 48v e dichiarano coppie importanti.

Fede Inserito il - 30/07/2020 : 14:50:34
Barba 49 ha scritto:

Certamente, visto che con un motore centrale si possono usare i rapporti automaticamente NON ha un codice di velocità definito e pertanto è inutile utilizzare i 48V come si fa per le bici con motore nel mozzo in modo da aumentarne le capacità di scalatrici, con un motore centrale da 36V e un buon cambio si sale ovunque...


Però è interessante che quando Specialized ha deciso di fare un motore piccolo e leggero, poco assetato, in modo da creare una linea di e-bike "leggere"(Turbo Creo stradale e Turbolevo sl) ha fatto fare ad hoc da mahle un nuovo motore centrale a 48v...
https://www.specialized.com/it/it/shop/bikes/turbo-e-bikes/e-road-bikes/turbo-creo/c/eturbocreo

Specialized ha progettato e creato un proprio motore elettrico. Si chiama SL 1.1 ed è in grado di duplicare lo sforzo prodotto dal ciclista. Restituisce una pedalata molto liscia e morbida e non si percepisce nessuno stacco quando si oltrepassano i 25 km/h. Il motore è progettato per una singola corona anteriore e realizzato in magnesio. Il peso è inferiore ai 2 kg (1,95 kg), il che lo rende il 30-40% più leggero degli altri motori attualmente in commercio che solitamente si attestano tra i 3,3 e i 4 kg. Abbiamo tenuto in mano un’unità demo e tra dita si percepisce chiaramente anche la riduzione di volume. Dimensioni contenute significano una miglior integrazione del propulsore all’interno del telaio.Il motore è supportato da una batteria interna da 320 Wh integrata in modo permanente, che garantisce fino a 130 km di autonomia. Se non bastasse è disponibile una batteria aggiuntiva da 160 Wh che offre un’autonomia extra di circa 60 km. Le batterie si scaricano in parallelo o in successione una dopo l’altra, in base alle preferenze del ciclista. La batteria interna richiede 2,5 ore per ricaricarsi.

Barba 49 Inserito il - 30/07/2020 : 14:41:21
Certamente, visto che con un motore centrale si possono usare i rapporti automaticamente NON ha un codice di velocità definito e pertanto è inutile utilizzare i 48V come si fa per le bici con motore nel mozzo in modo da aumentarne le capacità di scalatrici, con un motore centrale da 36V e un buon cambio si sale ovunque...
-sandro- Inserito il - 30/07/2020 : 14:06:08
sempre legato al fatto che non servono voltaggi maggiori?
blindo7 Inserito il - 29/07/2020 : 16:18:51
legali in kit solo 36V,
bikeebike e hillraser mi pare siano legalizzabili,
bici native 48V c'è quello della rocky monutain, haibike flyon, e mi pare il continental che dopo un anno di è ritirata,

legali robusti intorno ai 500 euro solo bafang BBS01
-sandro- Inserito il - 29/07/2020 : 15:49:22
Si continuano a fare motori centrali sempre e solo a 36V?
Sergiom1961 Inserito il - 08/12/2018 : 01:00:20
Ma la tua intuizione è sicuramente da lodare

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,66 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.