Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (job o pixbuster)

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

 Tutti i Forum
 Discussioni
 PEDELECafè
 si può vivere di solo rinnovabili.

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista Insert YouTube
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
Clicca qui per sottoscrivere questa Discussione.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
claudio02 Inserito il - 01/09/2019 : 09:09:13
apro una discussione dedicata per nn disturbare altri thread.

dopo 10 anni di fotovoltaico, uno ad isola ed uno in rete,

l'amicizia con l'ingegnere che ha creato un parco eolico (sulla destra nella foto) http://www.veronasera.it/attualita/inaugurato-nuovo-impianto-eolico-agsm-affi-croce-progetti-27-maggio-2018-.html

fiumi di pagine sull argomento riguardo Tutte le rinnovabili,

in un paese soleggiato e costiero come l'italia si può fare, basta volerlo.servono impianti di generazione da rinnovabili che superino il fabbisogno in tal misura da sopperire ai punti di produzione insufficiente che sarebbero a "macchia di leopardo" nel paese.

a chi nn piace esteticamente l'eolico e preferisce le sorgenti fossili lo invito a visitare l'oncologia pediatrica della sua città e di fermarsi a riflettere un attimo.
50   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
luc_maz48 Inserito il - 18/03/2020 : 16:00:25

Peggio ancora!!!

Steu851 Inserito il - 18/03/2020 : 15:49:20
io venivo mandato sulla panca davanti all'ufficio del vice-preside un personaggio che terrorizzava tutti
luc_maz48 Inserito il - 18/03/2020 : 15:19:55

Mi ricordo che una volta si andava dietro alla lavagna (almeno per me) quando ero in castigo e, non si consumava!
Invece oggi... tutti davanti!
Come sono cambiati i tempi!


claudio02 Inserito il - 17/03/2020 : 21:41:10
si deve vivere solo di rinnovabili.
claudio02 Inserito il - 02/03/2020 : 07:30:05
tutto è utile

ma l'italiano ha bisogno

ma veramente bisogno

senza se

e senza ma

di

partire da qui

Immagine:

15,82 KB
chicc0zz0 Inserito il - 02/03/2020 : 06:31:44
pensate a quanti costi si eviterebbero in sistemi di ticketing, controllori, obliteratrici...
senza contare che diventerebbe più appetibile!
luc_maz48 Inserito il - 01/03/2020 : 11:01:27

vittorisk ha scritto:



Facile.



E... semplice!


vittorisk Inserito il - 01/03/2020 : 09:32:40
In Lussemburgo da sabato treni e autobus gratuiti.
Primo paese al mondo.

Facile.

https://www.corriere.it/cronache/20_febbraio_29/lussemburgo-bus-treni-sono-gratis-primo-paese-mondo-c75a3544-5b36-11ea-8b1a-b76251361796.shtml
essegi Inserito il - 17/02/2020 : 23:19:36
intanto è stata pubblicata la normativa di partenza per l'integrazione di energia fra veicoli elettrici e rete elettrica, decreto MISE del 30/01 pubblicato sulla GU del 14/02/2020:

gazzetta ufficiale

articoli relativi:

il messaggero

ansa



andrea 104KG Inserito il - 08/02/2020 : 16:00:37
La sostenibilità inizia dal risparmio: 3kw di pannelli solari usati che danno ancora il 98% a 468 euro.. e ovviamente multipli... oggi c'è solo da aver voglia....
Bagigio Inserito il - 08/02/2020 : 15:08:03
chicc0zz0 ha scritto:
scarsa praticità dipende... per il mio utilizzo dell'auto sarebbe ampiamente fattibile


anche per me e molti altri che fanno pochi km al giorno.

salvo giri extra, nella settimana lavorativa tipo, faccio al massimo una ventina di km al giorno; con un’auto come la Kona per esempio, con autonomia di 450 km (in città probabilmente anche di più, dato che la regen lavora maggiormente) ci farei un intero mese “lavorativo”.

Lavatrice e lavastoviglie le faccio andare di giorno (non ho tariffa bioraria) e se avessi i pannelli andrebbero col FV.

La sera/notte rimarrebbe il riscaldamento/raffrescamento in pompa di calore, qualche lampadina a LED ed eventuali TV/computer.

Nel mio caso sostituirebbe egregiamente un sistema di accumulo a batterie extra.

claudio02 Inserito il - 07/02/2020 : 17:29:42
chicc0zz0 ha scritto:
scarsa praticità dipende... per il mio utilizzo dell'auto sarebbe ampiamente fattibile


anche per me e molti altri che lavorano con me nel turno serale.

di giorno carico l auto col fv (e vado in bipa nel frattempo)

la sera scaldo in pompa di calore la casa.

chicc0zz0 Inserito il - 07/02/2020 : 16:57:50
Steu851 ha scritto:

chicc0zz0 ha scritto:

ho letto da fonte certa che la VW ID.3 prevedibilmente dai modelli in uscita nel 2021 potrà funzionare come accumulo del FV integrandosi in un sistema di home energy management system
praticamente la batteria sarà bidirezionale
questa sarebbe una svolta pazzesca perché comprando un'elettrica si riuscirebbe ad avere un accumulo FV a costo zero (e che accumulo!)
oltretutto, lo si avrebbe a casa proprio nel momento in cui serve, ovvero di notte
per non fa molti km, si potrebbe caricare la batteria nel weekend durante il giorno e usarla come accumulo di sera durante la settimana

c'è solo qualche piccolo problema da risolvere.
Parliamo di una persona normale che usa l'auto elettrica per andare al lavoro, mettiamo anche che mentre lavora possa collegare l'auto e ricaricarla, arriva a casa, è buio e la usa come fonte energetica, riscaldamento o raffrescamento in funzione della stagione, lavatrice, cucina, tralascio l'illuminazione perchè coi led il consumo è trascurabile, il mattino dopo l'auto avrà ancora abbastanza energia residua per portarlo al lavoro?
E' come quelli che mi dicono di ricaricare la batteria della bipa col pannello solare del camper, peccato che quando il pannello solare lavora bene io sono in giro, quando rientro e devo ricaricare il sole è ormai basso ed il pannello rende poco.
Discorsi teorici dalla scarsa praticità.


scarsa praticità dipende... per il mio utilizzo dell'auto sarebbe ampiamente fattibile
andrea 104KG Inserito il - 07/02/2020 : 14:45:32
Oltretutto se ricarica in colonnina paga l'energia un botto!
Barba se vai su endless sphere ci sono già diverse batterie tesla in vendita e anche altre. In America però....
Steu851 Inserito il - 07/02/2020 : 14:38:22
chicc0zz0 ha scritto:

ho letto da fonte certa che la VW ID.3 prevedibilmente dai modelli in uscita nel 2021 potrà funzionare come accumulo del FV integrandosi in un sistema di home energy management system
praticamente la batteria sarà bidirezionale
questa sarebbe una svolta pazzesca perché comprando un'elettrica si riuscirebbe ad avere un accumulo FV a costo zero (e che accumulo!)
oltretutto, lo si avrebbe a casa proprio nel momento in cui serve, ovvero di notte
per non fa molti km, si potrebbe caricare la batteria nel weekend durante il giorno e usarla come accumulo di sera durante la settimana

c'è solo qualche piccolo problema da risolvere.
Parliamo di una persona normale che usa l'auto elettrica per andare al lavoro, mettiamo anche che mentre lavora possa collegare l'auto e ricaricarla, arriva a casa, è buio e la usa come fonte energetica, riscaldamento o raffrescamento in funzione della stagione, lavatrice, cucina, tralascio l'illuminazione perchè coi led il consumo è trascurabile, il mattino dopo l'auto avrà ancora abbastanza energia residua per portarlo al lavoro?
E' come quelli che mi dicono di ricaricare la batteria della bipa col pannello solare del camper, peccato che quando il pannello solare lavora bene io sono in giro, quando rientro e devo ricaricare il sole è ormai basso ed il pannello rende poco.
Discorsi teorici dalla scarsa praticità.
Barba 49 Inserito il - 07/02/2020 : 14:06:04
Gli smanettoni dovranno aspettare, le batterie da sostituire vengono ritirate dalla casa madre e reimpiegate (appunto) come power wall direttamente da loro!!!
andrea 104KG Inserito il - 07/02/2020 : 13:20:14
Credo che se le elettriche prenderanno piede, gli smanettoni useranno le batterie esauste come power wall, una batteria da molti kw è in grado di fornire i modesti 3,5kw dei contratti da famiglia ancora per molti anni...
chicc0zz0 Inserito il - 07/02/2020 : 09:12:51
ho letto da fonte certa che la VW ID.3 prevedibilmente dai modelli in uscita nel 2021 potrà funzionare come accumulo del FV integrandosi in un sistema di home energy management system
praticamente la batteria sarà bidirezionale
questa sarebbe una svolta pazzesca perché comprando un'elettrica si riuscirebbe ad avere un accumulo FV a costo zero (e che accumulo!)
oltretutto, lo si avrebbe a casa proprio nel momento in cui serve, ovvero di notte
per non fa molti km, si potrebbe caricare la batteria nel weekend durante il giorno e usarla come accumulo di sera durante la settimana
pilotaDD Inserito il - 07/02/2020 : 06:50:52
Pesce d'Aprile fuori stagione o miracolosa svolta per tutti noi?

www.wired.it/amp/270149/scienza/energia/2020/02/04/pannelli-anti-solari-notte/?usqp=mq331AQCKAE%3D&_js_v=0.1#referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&_tf=Da%20%251%24s&share=https%3A%2F%2Fwww.wired.it%2Fscienza%2Fenergia%2F2020%2F02%2F04%2Fpannelli-anti-solari-notte%2F


I pannelli termovoltaici per le notte!
chicc0zz0 Inserito il - 28/01/2020 : 01:16:32
comunque il passaggio all'elettrico delle autovetture richiederebbe un notevole fabbisogno di elettricità, quindi via di FV!
io credo che in un paese soleggiato come il nostro dovremmo tutti quelli che possono dotarci di FV e/o solare termico
pilotaDD Inserito il - 28/01/2020 : 00:14:36
dalle parti tue penso basterebbe digare un po' di calanchi...di giorno si pompa su l'acqua, di notte si fa scendere nelle turbine
andrea 104KG Inserito il - 27/01/2020 : 22:02:53
comunque 2-3 anni fa un mio amico che lavore nell'enel da ormai 30 anni mi ha detto che in primavera estate, almeno nella mia zona, cominciano ad avere eccedenze di energia, complice anche la crisi e le fabbriche chiuse, nelle ore soleggiate per i numerosi campi fotovoltaici che ormai sono in giro. Infatti qui privati niente, ma impianti da 2 mwh (circa 2 ettari) ce ne sono tantissimi, infatti girando con la mtb li incontro di continuo....
Bisogna solo trovare ste benedette batterie super...
claudio02 Inserito il - 27/01/2020 : 21:39:48
nel 2017 l'italia ha consumato 340000gw = 340tw

comprese le vetrerie
Barba 49 Inserito il - 27/01/2020 : 21:16:50
I privati forse si, ma la produzione industriale? Ho lavorato 34 anni in un'azienda che per riscaldare i forni per fondere il vetro neutro consumava (oltre a migliaia di kilowatt/ora di corrente) almeno 5000 metri cubi di metano al giorno, ed era un piccola azienda con 180 operai: Con cosa la alimenteresti?
claudio02 Inserito il - 27/01/2020 : 20:44:21
di rinnovabili

in un paese soleggiato e costiero come l'italia si può fare, basta volerlo.servono impianti di generazione da rinnovabili che superino il fabbisogno in tal misura da sopperire ai punti di produzione insufficiente che sarebbero a "macchia di leopardo" nel paese.

ripeto che per l'eolico il vento se non c'è di qua c'è di là, i pianeti del sistema solare son fatti così.

informatevi bene, scoprirete cose incredibili sulle bugie del gas-petrolio insostituibile.
tiz_bike Inserito il - 27/01/2020 : 20:06:34
Dovesse finire il petrolio, suoi derivati, il gas naturale... di cosa vivremmo?
Di nucleare?
prudente Inserito il - 26/01/2020 : 21:52:28
claudio02 ha scritto:

Amiamo la guerra...

Sempre Papini, dopo aver scritto quelle formidabili cazzate:
«Sentivo a tratti un rimorso [...] Rimorso di aver consigliata la guerra e, nello stesso tempo, di vederla ora tanto diversa da quella che aspettavo; rimorso della mia inazione e rimorso di aver fatto, nella mia piccolezza, anche troppo; rimorso di aver preparato anch'io, col cinismo misantropico degli ultimi anni, quell'acciecamento spirituale che ora si sfogava nelle stragi; rimorso di sentirmi quasi complice, benché inerme, di quella forsennata devastazione di corpi, di cuori, di patrie; rimorso della mia impotenza a far sì che il sanguinolente flagello avesse fine»
(da Mortura, in La seconda nascita, Vallecchi, Firenze, 1958, pagg. 233-240)
andrea 104KG Inserito il - 25/01/2020 : 21:51:54
Barba 49 ha scritto:

Bellissima constatazione, solo che questa condizione è ripetibile solo con bassissima presenza di persone su un vasto territorio, i miei zii e nonni abitavano in campagna a producevano tutto ciò di cui avevano bisogno, tagliando la legna nel bosco su indicazioni della forestale, ma si trattava di un GROSSO nucleo familiare che operava in un GRANDE contesto territoriale: Credo che su centinaia e centinaia di ettari di terra coltivabile e di bosco fossero insediati forse 10-15 nuclei familiari!

booh, ti assicuro che qui i paesei di 2000 persone vivevano di rinnovabili... Mio nonno era falegname, che voleva dire anche carri, botti, riparazioni di macchine agricole...
Durante la stagione della mietitura riparava le prime mietitrici che erano di legno. Mi raccontava che erano gli unici ad avere l'elettricità all'interno del centro storico, o meglio l'illuminazione elettrica... Siccome d'inverno le batterie al piombo che già esistevano, si rovinavano, aveva il permesso di prendere un biroccio a mano, andare ogni 2-3 giorni in un palazzo attaccato alla linea, ricaricare per poi usare le lampadine dei fanali di notte .
Le scarpe erano un lusso, giravano con zoccoli di legno con attaccata sopra la tomaia di una scarpa vecchia.
Aiutando nei lavori agricoli veniva anche pagato in natura... in casa quando si arrivava ad avere un quintale di grano da parte si festeggiava, voleva dire avere la farina per l'inverno. Ricordo negli anni 60 diverse volte andai con mia nonna ad un mulino vicino casa mia col sacco di grano (non ce n'era già più bisogno ma non so perchè la nonna ancora lo faceva...) e poi prendevamo la farina... In casa avevamo diversi setacci, curiose fascie rotonde di legno con una retina con cui si setacciava la farina.
ma la cosa più scioccante per un bambino era la scuoiatura del coniglio, a cui per fortuna assistetti di rado... ma mia nonna la faceva non assoluta noncuranza...
Una cosa che non ho mai visto, purtroppo è uno dei particolari lavori che come falegname faceva mio padre per tutti gli anni 50. Tagliava le autovetture per ricavarne dei pick-up, era compito del falegname perchè il pianale e le sponde erano tutte in legno. Nei primi anni del dopoguerra usavano le balilla anteguerra, poi quelle che loro chiamavano "giardinette" cioè gli station vagon odierni.
nel 54' fu uno dei primi ad andare a metano, (con impianto autocostruito) bombole pesantissime sotto il pianale di un camioncino. Nei primi anni si andava alla stazione di rifornimento a Fano e si sfilavano le bombole vuote per sostituirle con quelle piene. Quando sono nato io la pratica era già stata abbandonata, però il camioncino con le bombole sotto lo ricordo benissimo.
Era in uso un'altra pratica che ricordo benissimo invece.... Il camioncino faceva da "power bank" per l'auto. Avevamo in casa un tubo del metano con 2 femmine. Le bombole del metano sotto il camion si chiudevano singolarmente, se ne chideva una si collegava il tubo all'auto e e poi si apriva la valvola per il travaso. A pensarci mi vengono ibrividi, con le pressioni del metano....
Ultima curiosità, Fano sfruttava un piccolo giacimento in loco, non c'era certo il metanodotto... poi finì all'inizio degli anni 70 e per un decennio andarono avanti con carri bombolai che venivano cambiati periodicamente...
Nella mia famiglia si va a gas ininterrotamente dal 54'... lepause per la ricarica erano la tappa obbligata del giro famigliare della domenica :-)solo io ultimamente ho cambiato per il gpl, comunque sempre gas
Probabilmente altri hanno esperienze simili, nelle città lo sviluppo è arrivato un ventennio prima.... qui il vero cambiamento è arrivato solo nel 67-68, e me lo ricordo benissimo visto che avevo 6 anni prima si vedevano gli ultimi carri tirati da buoi (abitavo davanti a un deposito di cereali del consorzio Agrario, a giugno luglio era un via e vai continuo, oggi trasformato in supermercato ) poi spariti di botto.
Quindi di rinnovabili si viveva ma noi sapremo accettare degli inevitabili downgrade per farlo? Quanti sono ancora quelli che se lo ricordano cosa voleva dire? non credo sia possibile vivere al 100% come oggi senza compromessi

luc_maz48 Inserito il - 25/01/2020 : 17:19:03

Steu851 ha scritto:

L'intelligenza del pianeta è una costante, la popolazione è in aumento, quindi siamo troppi e stupidi.









chicc0zz0 Inserito il - 25/01/2020 : 01:04:50
Comunque anche la pdc aria-aria con temperature esterne elevate (oggi 12 gradi) procura il suo bel risparmio: oggi in diverse ore di utilizzo (solo 1 split, nelle altre camere non serviva) ho consumato appena 1kW!!
Steu851 Inserito il - 24/01/2020 : 11:28:39
L'intelligenza del pianeta è una costante, la popolazione è in aumento, quindi siamo troppi e stupidi.
Barba 49 Inserito il - 24/01/2020 : 09:48:39
Semplice, siamo stupidamente troppi!!!
claudio02 Inserito il - 24/01/2020 : 09:24:21
papini?

Amiamo la guerra è un proclama che esalta il macello bellico come evento rigeneratore della civiltà:bombe, fucili e cannoni faranno prevalere la legge della violenza sul fiacco umanitarismo democratico.Alle “lacrime fraterne” dei socialisti si sostituirà il“sangue nero” dei morti. Morti che si conteranno a milioni e saranno un guadagno, poiché permetteranno di disfarsi di quell’umanità sovrabbondante che inonda la terra:

“siamo troppi”, è questa la tesi?

o "siamo stupidi"?
Barba 49 Inserito il - 24/01/2020 : 09:00:42
Bellissima constatazione, solo che questa condizione è ripetibile solo con bassissima presenza di persone su un vasto territorio, i miei zii e nonni abitavano in campagna a producevano tutto ciò di cui avevano bisogno, tagliando la legna nel bosco su indicazioni della forestale, ma si trattava di un GROSSO nucleo familiare che operava in un GRANDE contesto territoriale: Credo che su centinaia e centinaia di ettari di terra coltivabile e di bosco fossero insediati forse 10-15 nuclei familiari!
andrea 104KG Inserito il - 24/01/2020 : 08:51:14
Comunque pensandoci bene, qui in zona di campagna, TUTTI, fino a prima della 2 guerra mondiale vivevano di sole rinnovabili..
chicc0zz0 Inserito il - 24/01/2020 : 04:21:27
ottimo
in merito alla pdc aria-acqua, ho visto che hanno delle dimensioni davvero considerevoli (nel mio caso servirebbe da ca. 80mq)
(PS: oggi c'erano 12 gradi ho lasciato spenta la caldaia a gas e usato la pdc aria-aria per qualche ora il mattino e la sera, con queste temperature esterne i consumi sono davvero contenuti)
Barba 49 Inserito il - 21/01/2020 : 13:10:27
Quoto decisamente!!!

Ho una vicina di casa che pur vivendo da sola ed essendo giovane e forte nonchè dotata di ampi spazi per poter stendere il bucato ha appena acquistato una bellissima asciugatrice che consuma corrente come una fornace, ha faretti alogeni ovunque (meno male che non li producono più), invece di scopare i pavimenti usa solo e sempre l'aspirapolvere ed ha montato un'autoclave perchè per lei 2,5Bar di pressione erano insufficienti per fare una doccia rilassante!!!
andrea 104KG Inserito il - 21/01/2020 : 11:23:53
Per me la domanda giusta è "un uomo può vivere di sole rinnovabili? La risposta è si.
Una donna ? La risposta per me è no
Milsy Inserito il - 21/01/2020 : 10:56:50

risposta a Vittorisk...io ho pompa di calore x riscaldamento, raffrescamento e acs, abbinata a fotovoltaico da 3 kw, con dispositivo che invia il surplus di energia a resistenza elettrica aggiuntiva nel boiler acs della pompa di calore (si accumula l'energia in più in acqua calda).
Contatore Enel da 4.5 Kw per essere tranquillo, consumi nella media annua di € 100 a bolletta (in estate irrisori), niente gas.
Soluzione da consigliare vivamente, se tornassi indietro...fotovoltaico da 4.5 KW!
Ah..dimenticavo...incasso pure circa € 100 annui dal GSE x lo scambio



claudio02 Inserito il - 20/01/2020 : 22:30:10
vittorisk ha scritto:

domanda a chi ha un impianto fotovoltaico: la bolletta Enel come cambia rispetto a quella classica di un contatore 3kw?
la spesa per il trasporto energia/gestione contatore e per oneri di sistema rimane uguale ?


con il secondo conto energia il gestore che eroga i contributi è la GSE, organo staccato completamente da enel, nulla cambia nella bolletta tradizionale mi sembra.
claudio02 Inserito il - 20/01/2020 : 22:27:21
chicc0zz0 ha scritto:

tempo fa avevo letto una discussione sul fotovoltaico e le esperienze di alcuni utenti che lo hanno
c'è qualcuno che ha FV + pompa di calore aria/acqua?
io nel 2017 ho sostituito la caldaia con una a condensazione, ma viste le temperature che dalle mie parti sono sempre piuttosto miti e che mi piacerebbe un giorno mettere il FV, mi sto pentendo di non aver pensato ad una pompa di calore anziché caldaia a gas. oltretutto avrei tolto del tutto il gas, risparmiando sui costi fissi


sovradimensionando un po l impianto per sicurezza non ci sono problemi, le ultime generazioni di pompe di calore consumano anche poco.
vittorisk Inserito il - 20/01/2020 : 12:45:51
domanda a chi ha un impianto fotovoltaico: la bolletta Enel come cambia rispetto a quella classica di un contatore 3kw?
la spesa per il trasporto energia/gestione contatore e per oneri di sistema rimane uguale ?
chicc0zz0 Inserito il - 20/01/2020 : 12:32:28
tempo fa avevo letto una discussione sul fotovoltaico e le esperienze di alcuni utenti che lo hanno
c'è qualcuno che ha FV + pompa di calore aria/acqua?
io nel 2017 ho sostituito la caldaia con una a condensazione, ma viste le temperature che dalle mie parti sono sempre piuttosto miti e che mi piacerebbe un giorno mettere il FV, mi sto pentendo di non aver pensato ad una pompa di calore anziché caldaia a gas. oltretutto avrei tolto del tutto il gas, risparmiando sui costi fissi
luc_maz48 Inserito il - 28/12/2019 : 16:00:52

Così



23,28 KB


O così?



6,7 KB





andrea 104KG Inserito il - 28/12/2019 : 12:16:51
Se cercate "pala eolica impazzita" o a "fuoco" su youtube ne trovate a bizzeffe
Barba 49 Inserito il - 28/12/2019 : 09:21:25
I generatori eolici orizzontali hanno due freni, uno che agisce sull'asse orizzontale (quello del generatore ) e l'altro che agisce su quello verticale della navicella, e di solito entrano in funzione quando il vento supera i 25m/s (90Km/h) circa... Le pale sono ad inclinazione fissa.
pilotaDD Inserito il - 28/12/2019 : 08:01:26
pixbuster ha scritto:

Ma le pale eoliche in caso di vento troppo forte non possono mettersi "in bandiera"?
Pilota aiutami tu che te ne intendi moltissimo di eliche



Non ci ho mai pensato... immagino che i grandi generatori abbiano pale a passo fisso per motivi di complessità e quindi costo e durata.

Ma, ripeto, tutto si rompe a sollecitarlo abbastanza...

Insomma quoto CO2.
claudio02 Inserito il - 28/12/2019 : 07:30:22
sono eventi rari, reggono raffiche a 250kmh

pensate al danno che fa una bufera che fa affondare una petroliera in mare.
pixbuster Inserito il - 28/12/2019 : 01:27:28
Ma le pale eoliche in caso di vento troppo forte non possono mettersi "in bandiera"?
Pilota aiutami tu che te ne intendi moltissimo di eliche
andrea 104KG Inserito il - 28/12/2019 : 00:50:36
E' noto che le pale eoliche sono soggette a rotture. Si rompono quando sono frenate. Per assurdo quando il vento è troppo forte devono stare ferme e per questo hanno dei freni, che a volte non funzionano e la pala si rompe. ci sono diversi video di freni in fiamme che cercano di frenare la pala eolica durante una bufera..

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,62 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.