Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Pro e Contro
 Flyer - Vecchi argomenti recuperati....
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Tino
Utente Master

fondatore



Veneto


3284 Messaggi

Inserito il - 09/02/2007 : 17:27:14  Mostra Profilo Invia a Tino un Messaggio Privato
1 - Non mi ricordo chi l'aveva postato, mi dispiace:

""Nella speranza di far chiarezza sulle doti che una buona bici a pedalata assistita deve avere, riprendo quanto richiesto e riportato nella sezione con argomento:

Bici elettriche, pro e contro
Re: Sfida in salita e vinca il migliore

Sono un ingegnere elettronico appassionato di bici, da poco felice possessore di una Flyer T8.

Flyer ha una batteria agli Li-Ion da 8,0 Ah che effettivamente possiede 192 Wh.
Si consideri che la batteria montata da Flyer pesa solo 2 Kg mentre ci sono bici che usano batterie che arrivano anche a 16 Kg.

AUTONOMIA

La batteria da 8,0 Ah, utilizzata da una Flyer modello T8 con il motore Premium, in condizioni ottimali, vale a dire in pianura ad un andatura regolare e temperatura dell#8217;aria mite, ha un autonomia di circa 60 Km.

Questo parametro scende in modo direttamente proporzionale in funzione degli sforzi che il motore sostiene quando interviene.
Flyer, nasce come mezzo per l#8217;impiego lavorativo ed è progettata con un motore in grado di gestire la potenza tramite speciali sensori che interpretano lo sforzo esercitato sui pedali, questo consente al motore di non lavorare sempre a piena potenza, con questo sistema Flyer ottimizza il rendimento e fornisce un tipo di assistenza veramente efficiente e naturale.
Il suo motore evoluto, possiede l#8217;ulteriore vantaggio di rendere piacevole l#8217;uso della bici. La sensazione di aiuto di tipo meccanico, che rende antipatica a molti la bici elettrica in quanto altera e rende mal percettibile l#8217;uso delle gambe, con Flyer, non si avverte minimamente, anzi, si ha la sensazione di riuscire a pedalare normalmente e consente a tutti di pedalare alla velocità di 25 Km/h e di superare agevolmente pendenze anche del 20%. Tutto questo è impossibile da credere se non si prova la bicicletta.

In un percorso misto (con salite non estreme) l#8217;autonomia è di circa 40 Km, questo dato, sperimentato personalmente è riportato in un test in inglese che si trova a questo link (vedi parametro #8220;Range everyday track #8220;)

www.extraenergy.org/main.php?language=en&category=products&subcateg=66&id=974

In caso di salite molto lunghe e impegnative, Flyer, è in grado di dare un aiuto ottimale, ma lo sforzo del motore, qui praticamente costante, riduce l#8217;autonomia, nel test rilevata di 12,3 Km. Tuttavia, un utilizzo della bici in condizioni quasi estreme, non è certamente da considerarsi di tipo quotidiano, il dislivello superato per prestazioni simili è di 800-1000 metri! L'autonomia di una batteria è pensata per un uso normale e mi sembra logico che per gli eventuali impieghi eccezionali abbia più senso portare con se una batteria di riserva piuttosto di essere dotati quotidianamente di una batteria più grande che aumenta inutilmente il peso (ed il costo) della bici e che nell#8217;utilizzo quotidiano sarebbe invece scarsamente sfruttata. Si presume che chi sceglie una bici elettrica non faccia tutti i giorni lo Stelvio ma si spera la prenda per andarci a lavorare, visto che la velocità media di spostamento di una bici elettrica valida, è nettamente superiore a quella di un'auto che venga impiegata in un percorso urbano per distanze fino ad una ventina di chilometri a viaggio.
Per un uso turistico, dove si prevedano percorrenze lunghe, se non si dispone di una batteria supplementare è sempre possibile ricaricare la batteria organizzandosi nelle soste, grazie anche alla praticità del piccolo e leggero carica batterie e anche ai tempi di ricarica abbastanza veloci. Comunque Flyer è una bici con la quale si può benissimo pedalare anche senza motore. Con l#8217;aiuto del motore, Flyer consente di fare uno sforzo di tipo aerobico che è il migliore per mantenere la forma fisica.
Chi non vuol saperne di pedalare può acquistare invece uno scooter elettrico e poi magari andare in palestra per dimagrire! Per non parlare di chi dice di non avere tempo per fare esercizio fisico...

I dati sopra riportati sono rilasciati da un#8217;organizzazione autorevole che si occupa di testare tutti i mezzi elettrici più qualificati sul mercato: italiani, canadesi, olandesi, tedeschi, svizzeri, etc.

Purtroppo questi siti sono in lingua tedesca, ma consiglio vivamente di darvi almeno una scorsa perché estremamente ben costruiti e anche un po#8217; comprensibili a chi conosce poco o nulla il tedesco.


www.datei.de/public/extraenergy/aktiv-radfahren-0604.pdf

Per avere informazioni in italiano:

www.flyerbici.com

www.flayer.it solo per (.....)

Il parametro Watt/ora, sul quale si basa (#8230;.) per giudicare la bici, preso singolarmente, non può dare una valutazione obiettiva del prodotto, così come, per esempio, non si può esprimere un giudizio su un#8217;auto basandosi solo sulla potenza del motore ma vanno considerati tutti i parametri: peso, consumo, velocità, frenata, etc.
Navigando un po#8217;, si possono trovare ottime bici che per risultare efficienti hanno bisogno di mantenere questo valore (W/h) elevato, però a discapito di altri fattori fra i quali importantissimo il peso: di gran lunga il più importante parametro fra i discriminanti fondamentali della mobilità elettrica a batteria.
Non è necessario ricordare come nelle automobili e nelle ferrovie la trazione elettrica a batteria non si sia mai potuta imporre proprio per il peso e abbia dovuto cedere alla più equilibrata trazione ibrida ove l#8217;elettricità per il motore elettrico è fornita da un motore a scoppio, oggi poi, elettronicamente gestito. E#8217; a tutti noto, l#8217;interessantissima vettura oggi in commercio della Toyota: la Prius.
Quanto affermato è valido pure per la bicicletta elettrica nel caso essa voglia essere ancora bicicletta:
1) Con un peso elevato quando la batteria è scarica, la bici è ancora utilizzabile come una vera bicicletta?
2) Col peso elevato anche una semplice discesa usura maggiormente i freni.

---------------------------
Biciclette con tanti Wh:

Euromoto BinBike 540 Wh
Heinzmann estelle 342 Wh
eZee Sprint 324 Wh
Sparta ION 240 Wh
Schachner Citybike 324 Wh
----------------------------

Purtroppo, nessuna di loro ha il motore che agisce direttamente sulla catena di trasmissione come la Flyer.
Esse hanno tutte il motore applicato alla ruota, tuttavia, pur essendo degli ottimi prodotti, obiettivamente superiori per qualità e prestazioni anche a ...... (e ovviamente anche più costose) nessuna di loro risulta nel test migliore di Flyer!

I motivi per cui Flyer è considerata migliore dei marchi sopra riportati sono i seguenti

le bici con motore inserito nella ruota hanno:

- scarsa maneggevolezza: il motore viene applicato normalmente sulla ruota anteriore, questo impedisce di sterzare comodamente, peggiora la stabilità per il peso lontano dal baricentro, è penalizzata la capacità di scaricare la potenza al suolo, in caso di terreni poco o male asfaltati la ruota anteriore perde aderenza
- pur raggiungendo, in alcuni casi, autonomie interessanti (anche 60 Km grazie a oltre 500 W/h) sono penalizzate in salita, dove Flyer rimane molto potente

(giudizi espressi da Extraenergy alla voce #8220;Assistance factor uphill#8221; )

e dove grazie alla sua gestione elettronica è in grado anche di partire da ferma su forti pendenze senza affaticare, qualità molto apprezzata soprattutto da chi, come me, ha una certa età, ma non ha dimenticato e non vuole rinunciare al piacere della bicicletta,

le bici con motore nella ruota inoltre:
- consentono di sfruttare poco il cambio
- sono difficili da muovere con il motore spento
- per poter dare un valido aiuto, alcune di loro, sviluppano una potenza superiore ai 250W, limite massimo per legge che le rende non classificabili come bici elettriche in Italia.

Tanti saluti e buona pedalata a chi vorrebbe andare al lavoro in bici senza arrivare stanco e sudato... a chi deve combattere con una salita ... a chi si ferma se in bici trova il vento contro... a quelli che pensano sia meglio usare l'auto e non vogliono usare la bici per dormire 5 minuti in più la mattina ma non amano passare delle mezz'ore a cercare il parcheggio la sera... per quelli che possono capire che investire in una bici non è comprarsi un giocattolo! ""


2 - Ed anche questo non ricordo chi lo aveva inserito, sorry:


""Quando si hanno poche informazioni è più facile avere le idee chiare.

> 1)- Vantaggi e svantaggi del motore nella ruota
> anteriore,posteriore,od in corrispondenza dei pedali.

Il motore sulla ruota anteriore è forse il sistema più economico disponibile, questo penso sia l#8217;unico suo vantaggio.

Il motore sulla ruota posteriore è un po' più complicato da gestire.
In caso di foratura può essere difficoltoso lo smontaggio della ruota.
Rispetto al motore sulla ruota anteriore, si ha una trazione migliore e la bici risulta più facile da guidare.
In entrambi i casi il motore non è influenzato dal cambio delle marce.
La forza sviluppata dal ciclista e quella generata dal motore hanno poca o nessuna corrispondenza e l'andatura è poco naturale.

Il motore in corrispondenza dei pedali è generalmente un sistema più costoso ma è quello che se ben studiato ha le migliori prestazioni sia in termini di assistenza perché consente di sfruttare il cambio, sia in termini di guidabilità perchè il peso è vicinissimo al baricentro della bici. La naturalezza nell'uso è ottimale se abbinato ai sensori di sforzo.


> 2)- Esistono in commercio motori con potenza superiore ai 250W.?

Esistono motori da 350W; 500W; prodotti da BionX e da Heinzman.
Ho visto anche motori da 700W e da 1000W.
In Germania l'anno prossimo saranno commercializzati nuove bici alcune anche molto potenti ma sempre con il motore nella ruota.

> 3)- E' possibile potenziare quelli già montati?

Per farlo si dovrebbe applicare una tensione maggiore al motore, il rischio è di bruciarlo!

> 4)- Nel mio percorso quotidiano praticamente pianeggiante,c'è
> solo un tratto di 2 km. in salita con pendenza costante del 5%
> per tornare a casa: quale bici è la più indicata per non
> sudare, senza spendere un patrimonio,considerato che presumo di
> percorrere circa 1000Km. all'anno?

Quasi tutte le bici possono superare agevolmente pendenze del 7%.
Nella scelta consideri anche l'assistenza e le garanzie che le vengono offerte.
Esiste un modello cinese reperibile nella grande distribuzione con il marchio Cool Things a meno di 300 euro.
Una bici di questo tipo potrebbe bastare alle sue esigenze modeste ma non è certamente un prodotto di qualità e non le durerà molto. Se possiede già una buona bicicletta potrebbe pensare di trasformarla con un kit. Una soluzione in questo senso è disponibile con Microbike.""


.....

"Crazy Horse"

AlbertoC67
Utente Attivo

fondatore



Lombardia


603 Messaggi

Inserito il - 15/02/2007 : 23:29:44  Mostra Profilo Invia a AlbertoC67 un Messaggio Privato
Il primo è del sig. Giancarlo.

"Se un uomo non è disposto a rischiare per le proprie idee, o le sue idee non valgono niente o non vale niente lui". E. Pound
Torna all'inizio della Pagina

elle
Amministratore

fondatore




17576 Messaggi

Inserito il - 15/02/2007 : 23:42:14  Mostra Profilo Invia a elle un Messaggio Privato
non era un tal quifa, invece?

l.

giant lafree, 2006 - brompton M3L, 2007 - flyer T8, 2008 - xootr swift, 2009 - specialized tricross, 2012 - tag egolite, 2014
Torna all'inizio della Pagina

antonio
Utente Senior



Marche


1414 Messaggi

Inserito il - 26/08/2008 : 23:56:11  Mostra Profilo Invia a antonio un Messaggio Privato
Gira gira... si parla sempre di Flyer e del suo motore Panasonic e gli altri...

04.10.2007 FLYER serie S urban - telaio numero HE 706308
31.08.2009 FLYER I:SY urban - telaio numero HE 909280
26.11.2009 BROMPTON ML6-12% -numero di serie 0910125879
19.01.2011 BROMPTON ML2 +8% -numero di serie 0910125889

Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


9753 Messaggi

Inserito il - 27/08/2008 : 00:43:03  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato
Beh Antonio: sul nostro mercato nella famiglia dei motori centrali ci sono solo Panasonic e Microbike
Facile citarli se si vuol parlare di questo tipo di cinematismo

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su pieghevole muscolare 16" Born-to-ride
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 1,69 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.