Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Prove e collaudi
 Pix-test n. 35 - Green Spark LUCCIOLA
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11933 Messaggi

Inserito il - 19/10/2012 : 23:28:23  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Oggetto di questa prova è la pieghevole “entry level” prodotta dalla Green Spark di Costermano (Verona)
[ www.greenspark.it ]

Mi è stata gentilmente messa a disposizione dalla stessa Ditta costruttrice e l’ho usata per circa 270 km
Il modello si chiama:

LUCCIOLA













IN BREVE

E’ una bipa pieghevole
Il telaio è di tipo aperto con scavalco basso e largo, completamente in alluminio 6061, di buona solidità e ovvimante pieghevole nella zona centrale
La posizione in sella è a busto piuttosto verticale
I pneumatici sono di buona sezione e la comodità in marcia, per la sella imbottita e per la naturale elasticità di questo telaio pieghevole, risulta ottima anche su fondi dissestati
Anche sui sampietrini la marcia risulta confortevole
Questo modello non ha cambio di marcia e il rapporto è piuttosto corto, imponendo la “pedalata simbolica” in molte circostanze
Il cavalletto è solido e il portapacchi robusto
I freni sono V-brake sia all’anteriore che al posteriore e sono morbidi da azionare
La frenata è buona e ben modulabile; non si innescano ribaltamenti ne slittamenti
L’arresto avviene in 3.12m da 25 km/h e testimonia la bontà dell’impianto frenante
Il peso è di 19.7 kg compresa la batteria (che pesa 1.9kg)
La batteria è una Litio Manganese, 24V , 8 Ah 192 Wh; ha una buona tenuta della tensione durante la scarica; è comoda da estrarre e da trasportare
L’assistenza si regola su tre livelli tramite pulsante sul cruscottino a manubrio; tale cruscotto segnala anche lo stato di carica (a led) ed è dotato di pulsante “soft-start” per l’avviamento in assenza della pedalata
Il motore è da 250W a mozzo, montato posteriormente, brushless, geared; brillante e silenzioso
I cablaggi sono ben fatti e protetti
Il sistema di controllo dell’assistenza è a sensore di pedalata (montato sull’asse pedali) senza proporzionalità con la velocità di rotazione dei pedali
L’avvio dell’assistenza è piuttosto rapido (un terzo di giro di pedale), poi il motore spinge bene: 10.26” per percorrere i primi 50 metri con una velocità di uscita di 25 km/h (limitata a questo valore dal controllo tachimetrico); si può partire senza esercitare sforzo sui pedali con il soft-start, ma non è molto vigoroso
Nella “camminata assistita” è invece ben tarato come velocità e consente di superare salite ripide (però senza carichi pesanti a bordo)
Nel traffico è vivace e agile; il confort è buono anche sui dissestati fondi cittadini, ma le ruote piccole esigono di evitare le buche troppo pronunciate
In salita si viaggia con uno sforzo nullo sul 4%
Lo sforzo risulta ancora accettabile fino al 10% su cui la ripartenza è ancora agevole (utilizzando il soft-start)
Sopra a questi valori di pendenza, lo sforzo necessario diventa troppo consistente vista anche la bassa velocità di pedalata imposta dalla mancanza di cambio
La velocità massima è di 25km/h limitata dal cut-off tachimetrico; viaggiando al massimo livello di assistenza e semplicemente facendo girare i pedali, ho raggiunto i 24 km di autonomia con le prestazioni che si mantengono costanti per molta parte del percorso
Nessun problema se si incontra uno sterrato leggero
Il trasporto in auto è facile anche con portabagagli modesti
Il trasporto in treno è comodo sia da aperta che da ripiegata
Ad assistenza disinserita è mediamente scorrevole
Le luci sono alimentate dalla batteria principale e garantiscono una discreta illuminazione della strada; rimangono accese a piena potenza anche a bipa ferma, ma se si toglie la batteria non funzionano più



Molte parti di questa bipa sono comuni anche alla Lumina di cui ho già pubblicato il pix-test; ho fatto perciò parecchi copia-incolla da quel test

Qui c’è la consueta SCHEDA con tutte le caratteristiche






CICLISTICA

Il telaio è di tipo aperto con scavalco basso e largo, completamente in alluminio 6061, di buona solidità e ovviamante pieghevole nella zona centrale



Quella del test è color “Mela verde” ma sono disponibili anche i colori choco, lavanda, bianco e pesca




La posizione in sella è a busto piuttosto verticale




La sella è di tipo “unisex” imbottita e con molle ad elastomeri, confortevole anche su fondi sconnessi




La regolazione dell’altezza è di tipo rapido (assolutamente necessario nelle operazioni di piegatura)




Le ruote sono da 20”: piccole ma sufficienti a non creare problemi di stabilità anche in presenza di asperità sulla strada
I pneumatici sono di buona sezione e la comodità in marcia, per la sella imbottita e per la naturale elasticità di questo telaio pieghevole, risulta ottima anche su fondi dissestati
Anche sui sampietrini la marcia risulta confortevole

La valvola è una Schrader (tipo automobilistico)




La serie sterzo e il cannotto sono specifici per consentire la piegabilità
Non ci sono giochi e il tutto risulta piacevolmente robusto anche in frenata




Il manubrio, a causa del meccanismo di piegatura, non è regolabile in altezza o in inclinazione
Esso ha una inclinazione delle manopole di tipo sportivo che fa risparmiare spazio a bipa piegata e che consente, per la sua limitata larghezza, di destreggiarsi bene anche in spazi angusti




Le manopole sono ben imbottite e garantiscono una buona presa

Questo modello non ha cambio di marcia
La corona è da 44 denti e il pignone è da 16





Lo sviluppo metrico della pedalata risulta di 4.14 metri: è piuttosto corto tanto che a 25 km/h la cadenza di pedalata è di 100 ped/min
(esprimo la mia opinione: vedrei meglio un pignone da 14, ma approfondirò questa mia idea più avanti)




Lo smontaggio della ruota anteriore richiede l’uso di una chiave da 15



La ruota posteriore richiede l’uso di una chiave da 19 e il distacco del connettore motore




La stabilità in marcia, nonostante le dimensioni ridotte ed il passo corto, è ottimale anche a velocità elevate (testata fino a 53 km/h senza alcuna sensazione di instabilità) Certo che ne telaio ne ruote sono pensate per tali velocità: in discesa è meglio tenere andature decisamente più moderate
La marcia senza mani è del tutto stabile, però l’elevata reattività dello sterzo, data dal passo corto, consiglia di tenere almeno una mano sul manubrio

Marcia senza mani



Il cavalletto è monopiede montato sul mozzo posteriore; consente la rotazione completa dei pedali (comodo nelle operazioni di piccola manutenzione) ed è sufficientemente stabile




La Lucciola viene fornita con un robusto portapacchi posteriore in acciaio (portata non dichiarata), munito di comodi elastici facilmente rimovibili




L’avvisatore acustito è di tipo elettronico ed è comandato da un comodo pulsante vicino alla manopola di sinistra (vicino al comando luci)



Il suono è forte ed ho notato che viene recepito dai pedoni anche se di timbro completamente diverso dai campanelli classici
Qui riporto il filmatino relativo alla Lumina, che è identico

segnalatore acustico


Attenzione: bisogna che ci sia montata la batteria principale perché funzioni, ma non occorre accendere la centralina

La componentistica è di livello basico ma la cura nell’assemblaggio è senz’altro buona






IMPIANTO FRENANTE

I freni sono V-brake sia all’anteriore che al posteriore

Questo è l’anteriore



E questo è il posteriore



Le leve sono robuste e morbide da azionare; entrambe sono dotate degli switch di cut-off del motore
Il freno anteriore è comandato dalla leva sinistra



La frenata è buona e ben modulabile; non si innescano ribaltamenti ne slittamenti

L’arresto avvene in 3.12m da 25 km/h e testimonia la bontà dell’impianto frenante
(Ricordo che per la normativa EN 14764, lo spazio di frenata da 25km/h deve essere inferiore a 7 m)

Frenata


Lo stridio dei freni è causato da un imperfetto allineamento di uno dei pattini … che per pigrizia non ho corretto

Nelle lunghe discese non ho rilevato perdite di efficacia e si conferma l’assenza di ribaltamenti o di bloccaggi al posteriore; la frenata non è particolarmente “robusta” in queste condizioni, ma del tutto sufficiente



RIPIEGABILITA’

La manovra di piegatura è semplice ma non da primato di velocità; soprattutto la piegatura del cannotto sterzo, con il suo meccanismo di blocco a vite, è un po’ lenta
Ho eseguito la manovra di piegatura in circa 34 secondi (era solo la seconda volta che lo facevo) mentre in apertura ho impiegato 45 secondi: tempi comunque molto bassi

Piegatura



Le dimensioni da ripiegata non sono molto contenute: più adatte al trasporto nel bagagliaio di auto e camper che a quello sui mezzi pubblici; ottima la trasportabilità in treno
Gli ingombri massimi sono mm 900 x 690 x 350 (che diventano 420 al pedale)








I pedali sono ripiegabili da entrambi i lati ma in realtà serve piegare solo quello di destra : l’altro rimane nell’ingombro del telaio







PARTE ELETTRICA


CENTRALINA

E’ alloggiata nella parte fissa sotto alla batteria: ben integrata, facile da raggiungere e ben protetta da urti e cadute della bipa; un robusto “roll-bar” la protegge da urti accidentali se si superano gradini o cordoli



Nella foto si vedono i contatti elettrici con la batteria

Dopo cinque minuti di inattività, la centralina si disconnette automaticamente (è un tempo piuttosto breve)



BATTERIA

La Lucciola è equipaggiata con una batteria al litio da 24V 8Ah 192Wh al litio-manganese
E’ alloggiata nello spazio ricavato dietro al cannotto sella, soluzione che concentra il peso nella zona bassa centrale





Notare, in basso, il fusibile

La chiave di bloccaggio non interrompe il contatto elettrico, perciò i poli della batteria rimangono sempre sotto tensione; sono bene incassati (anche se nella foto non sembra), ma è meglio fare attenzione a non trasportare la batteria insieme a oggetti metallici






Si trasporta molto facilmente per la presenza di una maniglia ripiegabile ed il peso molto contenuto (1.9 kg)




Non è presente alcun indicatore dello stato di carica : per avere questa informazione è necessario avere la batteria montata sulla bipa, accendere la centralina e consultare i led sul cruscottino
La ricarica può essere eseguita a batteria montata o estratta
Il connettore è in una posizione protetta, ma un po’ scomoda da raggiungere




Il caricabatteria è di tipo switching, senza ventola



Pesa 540 grammi compresi i cavi; eroga una corrente massima di 2.0A e ricarica la batteria completamente scarica in 5 ore e 45 minuti
La sua dimensione è piuttosto contenuta e ben si presta ad essere portato con se
I cavi sono di lunghezza normale e la spina di rete è di tipo “europeo”
E’ dotato della consueta spia che si accende di color rosso durante la carica e diventa verde a carica ultimata



COMANDI e REGOLAZIONE DELL’ASSISTENZA

La Lucciola è dotata di un cruscottino a led posto a sinistra del manubrio ben leggibile anche in pieno sole



Vi trova posto (a sinistra) il pulsante a membrana On/Off che accende la centralina ed illumina i led del cruscotto

Il pulsante più a destra, sempre a membrana, commuta il livello di assistenza fra i tre disponibili con sequenza 1-2-3-1-2-3
Non è disponibile il livello “zero” cioè assistenza disinserita; questo si ottiene solo spegnendo la centralina col pulsante on/off
Il livello di assistenza impostato è segnalato dall’accensione del corrispondente led blu

Una fila di quattro led blu segnala lo stato di carica della batteria

Un ulteriore pulsante, in posizione centrale, attiva il soft-start cioè la partenza del motore in assenza della pedalata
L’azionamento di questo comando è evidenziato dall’accensione di una spia blu

Sotto al cruscottino ci sono altri due pulsanti per l’accensione delle luci e per l’avvisatore acustico elettronico

La visibiltà delle segnalazioni è ottima anche di notte, ma non c’è alcuna retroilluminazione dei pulsanti



L’azionamento dei pulsanti sul cruscottino è suffcientemente facile, ma diventa un po’ difficoltoso quando si indossano i guanti per lo scarso rilievo e la corsa limitatissima
Il comando del cambio di livello di assistenza è piuttosto lontano da azionare: sarebbe stato meglio se l’ordine fosse stato l’inverso con il pulsante on-off , che è di utilizzo meno frequente, nella posizione più lontana

I comandi delle luci e del “campanello” sono invece raggiungibili facilmente e azionabili altrettanto facilmente con i guanti

L’indicazione della carica della batteria è di tipo voltmetrico e fornisce indicazioni sufficientemente corrette sulla carica restante



MOTORE

E’ un hub posteriore, geared, da 250W, a 24V, brushless, sensored



La spinta è sempre vivace e le partenze sono rapide

Durante la marcia il motore è silenzioso; sotto sforzo la rumorosità aumenta sensibilmente ma non arriva a dare disturbo

Rumore in marcia



E’ dotato di un connettore per poter agevolmente smontare la ruota






CABLAGGI

I cablaggi sono ben nascosti e protetti; viaggiano per quanto possibile all’interno del telaio

Nella parte che va al manubrio, i cavi sono ben ordinati



Anteriormente c’è una scatola di giunzione che facilita bene eventuali sostituzioni dei comandi elettrici a manubrio




Anche nella parte inferiore il percorso esposto è breve e protetto




Il cavo motore –come di consueto- rimane esposto, ma è una necessità per poter scollegare l’utile connettore stagno che consente un agevole smontaggio della ruota posteriore

Il dischetto del PAS è montato sull’asse pedali dal lato corona, in posizione protetta






MODALITA’ DI ASSISTENZA

La centralina eroga potenza al motore in funzione della presenza della rotazione dei pedali e del livello di assistenza selezionato fra i 3 disponibili; non esiste proporzionalità con la velocità di rotazione dei pedali

I tre livelli impostabili modulano decisamente la velocità di marcia
Col primo livello si ottiene una velocità di marcia su strada piana di circa 15-16 km/h ed il motore assiste, diminuendo via via la sua spinta, fino a 19 km/h (velocità che si ottiene a ruota sollevata)
Con il secondo livello si marcia su strada piana a 20 km/h ed il motore assiste fino a 23.1 km/h
Con il terzo livello si marcia su strada piana a 25.5 km/h poi interviene il cut-off tachimetrico (perciò anche a ruota sollevata la velocità è la medesima)

L’intervento del cut-off tachimetrico (che si raggiunge solo al più alto livello di assistenza) è molto discreto e non produce il tipico andamento “ad onde” della velocità: in pratica si sente soltanto che la bipa non accelera più

Al primo livello è possibile aggiungere potenza muscolare a quella del motore

Ma già al secondo livello la pedalata diventa troppo veloce (a 20 km/h : 80 ped/minuto); man mano che la tensione della batteria scende, calando di conseguenza la velocità, si comincia a poter spingere sui pedali

Al terzo livello si può soltanto viaggiare con la “pedalata simbolica” cioè facendo girare i pedali a vuoto e affidando al motore tutto il compito della trazione

A mio avviso si potrebbe montare un pignone da 14 invece dell’attuale 16: così con una frequenza di pedalata di 75 ped/min (veloce ma ancora a portata di un ciclista “normale”) si potrebbe viaggiare a un po’ più di 21 km/h
Così si potrebbe aggiungere un po’ di sforzo muscolare alla potenza del motore, aumentando significativamente l’autonomia
In salita si perderebbe un po’, ma, come vedremo in seguito parlando di comportamento su strade in pendenza, non ci sarebbe una differenza importante

La velocità minima, in salita, è circa 6 km/h ; su strada piana si viaggia, con l’assistenza attiva, a non meno di 15 km/h

Ecco il filmato dell’avvio, modulazione e stop dell’assistenza a ruota sollevata





AVVIO DELL’ASSISTENZA

L’avvio dell’assistenza avviene dopo 0.33 giri di pedale, cioè un terzo di giro ed è pari a 1.4m ; è un ritardo “medio” che non favorisce partenze scattanti ma che evita avviamenti indesiderati del motore

Interrompendo la pedalata, il motore si arresta dopo meno di un secondo
Agendo su una qualsiasi delle leve dei freni, l’assistenza si interrompe immediatamente

E’ presente il comando “soft-start” che consente di avviare il motore in assenza della pedalata
Con tale comando si ottiene una marcia, stando in sella, di circa 3-4.5 km/h
Il soft-start avvia il motore immediatamente alla pressione del relativo pulsante; non è molto potente ma il suo aiuto è assai comodo soprattutto in salita
Da notare che la presenza della pedalata non disattiva questo comando e vedremo, parlando di salite, i limiti di tale soluzione
Nelle partenze in piano bisogna rilasciare il pulsante appena compiuto mezzo giro di pedale per consentire la vivace accelerazione da parte del motore

Qui il filmato dell’avvio assistenza su strada



Se si conduce la bipa a mano (“camminata assistita”) la marcia è agevole e non ci si trova a rincorrere la bipa; la velocità, difatti, è di 4.5 km/h
A ruota sollevata, il soft-start limita la velocità a 5.8 km/h

Camminata assistita





ACCELERAZIONE

Ecco il grafico della velocità in funzione della distanza percorsa e del tempo



Il tempo per percorrere 50m da fermo è risultato di 10.26” e la velocità di uscita di 25.2 km/h
E’ un tempo molto buono nonostante l’intervento del cut-off tachimetrico già dopo 35 metri
Ai semafori la mancanza del cambio rende necessaria una spinta decisa sui pedali per avere uno spunto rapido
Ma se proprio non si vuole fare alcuno sforzo, c’è il “soft-start”



NEL TRAFFICO

La spinta del motore è vivace e la bipa è agilissima e manovrabilissima
La piccola dimensione del manubrio consente di infilarsi ovunque
L’avvio dell’assistenza non mette mai in imbarazzo anche manovrando in spazi angusti

La modulazione della velocità non è molto elevata, perciò ci si trova spesso a trafficare col pulsante del cambio di livello di assistenza, che non è facilissimo da raggiungere



COMPORTAMENTO IN SALITA E PENDENZE SUPERABILI

I risultati ottenuti con la misura dinamometrica dello sforzo esercitato sui pedali sono raggruppati nella ormai consueta tabella




La partenza in piano può avvenire anche con sforzo lievissimo, ma per avere un buono spunto è meglio spingere un po’ fino a che non si avvia il motore
Se non si vuole far sforzo del tutto, c’è il pulsante soft-start

Il cavalcavia al 4% viene superato a 17.1 km/h semplicemente facendo girare i pedali per attivare il PAS (pedalata simbolica)
La ripartenza, con il soft-start, richiede una modestissima spinta di 15 kg (appena di più del peso della gamba)

Cavalcavia 4 %



Cerco di spiegare il funzionamento del soft start che ha la preminenza sulla pedalata
Alla partenza premo il pulsante; il motore si avvia immediatamente (a differenza di altri in cui c’è un ritardo)
Contemporaneamente aiuto con i pedali
Se continuo a tenere premuto il soft-start, il motore continua a esprimere la medesima forza che io pedali o meno e la velocità si stabilizza a pochi chilometri all’ora in piano
Se invece, dopo aver eseguito mezzo giro di pedale, rilascio il pulsante, l’assistenza “normale” parte immediatamente e la bipa inizia ad accelerare con tutta la potenza disponibile


Il filmato che segue mostra il comportamento su pendenze dall’ 8 al 17 percento
Questa bipa monorapporto non è certo pensata per le salite, ma fino all’8 percento si comporta egregiamente
Notare come mi “bevo” il ciclista, che a onor del vero procedeva al risparmio per non morire prima della fine della salita … che la Lucciola si è fatta senza stancarsi
Anche degli spettatori occasionali hanno notato la differenza di sforzo fra la bcd e la Lucciola che guidavo rilassato e con una mano sola filmando con l’altra

Fino all’8% è richiesto solo il peso della gamba per salire
Sul 10% bisogna spingere ma esplicando una potenza che è raggiungibile anche da chi non è allenato (80W)
La ripartenza comincia invece a richiedere un certo sforzo: il motore sarebbe sufficientemente potente, ma se si lascia a lui tutto l’onere interviene la protezione termica (o il BMS per evitare correnti troppo elevate della batteria)

Oltre queste pendenze lo sforzo necessario diventa notevole soprattutto perché la cadenza di pedalata scende a valori troppo bassi per avere un buon rendimento muscolare

Prove in salita



Ho voluto provare anche la terribile rampa al 27%: come prevedibile non ce la fà a salire ….
ma percorrendola a piedi con il soft-start attivato, diventa molto facile anche con una borsa piena a bordo

Rampa al 27%


(come faccio sempre, preciso che questa è una pendenza estrema e che è assai difficile incontrarla sulle strade: su una tale pendenza una automobile generalmente non è in grado di ripartire; ci riescono solo le fuoristrada dotate di marce ridotte)



VELOCITA’ e AUTONOMIA

La batteria della Lucciola è di piccola capacità, adatta a brevi spostamenti giornalieri

La brevità del rapporto di trasmissione consente, al livello massimo di assistenza, di marciare solo con la “pedalata simbolica” cioè facendo solamente girare i pedali
Ho perciò eseguito la prova di autonomia al livello massimo di asistenza (livello 3) senza applicare i consueti 70W di sforzo sui pedali; i risultati non sono perciò confrontabili con quelli di altre bipa
In queste condizioni e sul percorso usuale di prova, ho ottenuto una autonomia di 24 km
La velocità iniziale era di 25 km/h (c’è il cut-off tachimetrico che la limita) poi via via è calata fino a 22 km/h al km 23; di li è praticamente crollata fino a niente nell’ultimo chilometro
Per i primi 16 km la velocità è comunque sempre stata intorno ai 25 km/h
Il consumo medio è stato di 8 Wh/km: molto soddisfacente vista la completa assenza di apporto muscolare




Ho poi eseguito una prova con il livello intermedio di assistenza (livello 2) anche questa con modalità specifiche perciò non omologabile con gli altri pix-test
In queste condizioni la velocità iniziale è stata di 20-21 km/h ; anche in questo caso la cadenza di pedalata era troppo veloce per poter contribuire muscolarmente (oltre le 80 pedalate al minuto)
Il primo tratto l’ho perciò percorso con la “pedalata simbolica”
Dopo circa 15 km la velocità è scesa intorno ai 18 km/h e ho iniziato a pedalare semplicemente portando in appoggio la gamba (circa 40W applicati); si vede infatti nel grafico che cessa la progressiva diminuzione di velocità perché la compensavo muscolarmente; a questa velocità la cadenza di pedalata era poco superiore alle 70 ped/min: valore più …umano
In queste condizioni di prova, ho ottenuto una autonomia di 35 km con un consumo di 5.4 Wh/km






MARCIA IN COPPIA

La marcia in coppia non è agevole per la poca modulabilità della velocità: si finisce col dover pedalare ad intermittenza per mantenere la velocità del nostro compagno di viaggio



MARCIA SU FONDI STERRATI

Ci sono le manopole imbottite, la sella morbida e molleggiata, il telaio giustamente elastico e i pneumatici di sezione generosa: ne deriva un buon confort di marcia sugli sterrati
Si sente la mancanza di una ruota più grande, ma la guidabilità è comunque buona
La frenata è ben modulabile ed è sicura; difficilmente si arriva al bloccaggio di una delle ruote
Nessuno slittamento in avvio
Se si capita su uno sterrato leggero, si procede senza pensieri

Sterrato





TRASPORTO IN AUTO E IN TRENO

Per le dimensioni e per la manovra di piegatura rimando al paragrafo “ripiegabilità”, più sopra

In auto si trasporta facilmente dopo averla ripiegata

Nel bagagliaio della mia Clio III (290 litri) ci stà, un po’ a fatica, stesa, occupando però tutto lo spazio utile
Meglio sistemarla verticale, rimuovendo la cappelliera; in questo modo avanza spazio per i bagagli




In camper può trovare facilmente alloggio in qualche gavone, limitando fortemente il rischio di furti
Visto il peso contenuto (meno di 18kg senza batteria) e la breve lunghezza (1640mm) non ci sono difficoltà a sistemarla sui portabici

Negli ascensori delle ferrovie entra assai comodamente
Per il trasporto in treno, salvo situazioni particolari, direi che non vale la pena di sistemarla negli appositi vani per le bici, ma è meglio metterla in una sacca come semplice bagaglio (si risparmiano i 3euro e 50 del supplemento-bici)
E’ meglio ripiegarla quando si è sul marciapiede del binario, movimentandola più possible sulle sue ruote perché il pesoè comunque elevato se si sostiene per più di una manciata di secondi

Nel caso di trasporto su mezzi pubblici c’è qualche difficoltà per le dimensioni non troppo contenute da piegata

Nel trasporto su scala, risulta facile la presa sul rinforzo del telaio; però il peso è sbilanciato indietro e la situazione non cambia molto togliendo la batteria Comunque il peso contenuto e la piccole dimensioni consentono di trasportarla senza troppi disagi

Trasporto su scala





PEDALABILITA’ AD ASSISTENZA DISINSERITA – SCORREVOLEZZA

Il motore è dotato di ruota libera e risulta ben scorrevole ad assistenza staccata

Scorrevolezza ruote


Anche in retromarcia la ruota motorizzata non presenta particolari attriti

(vorrei far notare che i tempi di marcia inerziale delle ruote sono piuttosto brevi non a causa di attriti, ma per la poca inerzia angolare di queste ruote di piccolo diametro)

I pneumatici di piccolo diametro non aiutano la scorrevolezza che risulta soltanto discreta

Lo sviluppo metrico della pedalata è giusto per la marcia muscolare, ma anche su salite minime diventa troppo duro

Ecco come si presenta senza batteria




La prova dinamometrica dice che occorrono 113 W per viaggiare a 18 km/h: di più che con una muscolare
Attenzione a tenere le gomme gonfie alla giusta pressione perché altrimenti l’attrito peggiora rapidamente e sensibilmente

(come detto qui sotto, attenzione che senza batteria montata non funzionano le luci e l’avvisatore acustico)



IMPIANTO LUCI

L’impianto è alimentato dalla batteria principale: si ha perciò luce anche a bipa ferma



Il fanale anteriore è a 4 led bianchi “cold white” e produce un fascio luminoso sufficiente (maggiore del minimo previsto dalle norme)
Il fanale posteriore è a due led rossi a luce fissa, visibile anche lateralmente e di giusta intensità

L’accensione avviene agendo sul pulsante sul manubrio, assai comodo quando si transita in sottopassi o gallerie
Il pulsante non ha una spia di accensione ed è facile dimenticarsi le luci accese
Se si presta un po’ di attenzione, si nota che il pulsante ha una posizione più “schiacciata” quando le luci sono accese mentre è più sporgente a luci spente: ci si può regolare con questo per capire se – di giorno- si hanno le luci accese, ma visto il basso consumo e la durata … eterna … dei led, direi che è meglio tenerle sempre alimentate

Se la batteria si scarica completamente, la centralina si spegne ma le luci no: si può perciò sfruttare il residuo di carica che è insufficiente per il motore ma che è abbondante per queste luci a basso consumo
Rimarco il fatto che se si viaggia invece senza batteria, le luci non si possono accendere e non funziona nemmeno il campanello elettronico



ANTIFURTO

La Lumina non è dotata di antifurti di serie salvo la chiave di bloccaggio della batteria
Assolutamente necessario dotarla del sistema preferito per poterla affrancare solidamente a qualche struttura fissa

Sul telaio è bulinato il numero di serie




All’interno del telaio è nascosto il trasponder Cymichip ( www.cymichipnews.com ) che consente di identificare in modo inequivocabile la propria bipa; i dati contenuti al suo interno sono registrati presso la GreenSpark e sono altresì riportate l’identificazione della batteria e l’avvenuta esecuzione dei tagliandi di manutenzione



ACCESSORI

Sono applicabili i normali accessori da bicicletta, presenti anche nel catalogo aftermarket della stessa GreenSpark



CERTIFICAZIONI, GARANZIA E PREZZI

Questo modello è certificato per le norme EN14764 (bici turismo) ed EN 15194 (Epac)

La garanzia è di 2 anni ed è di 2 anni anche sulla batteria, ma con formula a scalare
Sono previsti tagliandi periodici

Il prezzo di listino al momento del test è 939 € e la batteria di ricambio 242 €, ma rimando alla sezione “prezzi ufficiali” per i valori aggiornati



CONSIDERAZIONI SULL’UTILIZZO

La Lucciola è un modello economico e adatto ad un uso a corto raggio, tipicamente cittadino
Le sue dimensioni si accordano bene anche a ciclisti di piccola statura
La comodità in sella è buona e la sua estrema maneggevolezza la rende piacevole nei centri urbani; anche la buona accelerazione contribuisce ad un suo proficuo uso nel traffico
Lo scavalco basso e il capiente portapacchi consentono di utilizzarla per le commissioni e per la spesa
Il trasporto di un bimbo risulta agevole per il baricentro che rimane basso

Nelle gite fuori porta occorre fare i conti con una autonomia limitata e con l’impossibilità di contribuire con la potenza muscolare

Non è una grande scalatrice, ma sulle salite fino all’ 8% viaggia benissimo; non è perciò adatta a città collinari

Ottima per il trasporto in camper o in auto
Ottima per il trasporto in treno sia montata che ripiegata



NOTA

Tutti i dati sono ottenuti col mio peso a bordo: 75kg vestito e con gli accessori tipo navigatore satellitare e fotocamera

I valori misurati sono tutti relativi a temperature estive


Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"

aldon
Utente Medio



214 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 00:21:32  Mostra Profilo Invia a aldon un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grande Pix come sempre e prova molto interessante per chi come me è cerca le ruote piccole. Concordo che la pedalata è corta e richiederebbe un pignone più lungo o un piccolo cambio; il peso e la trasportabilità mi sembrano molto buoni e, per un uso cittadino in pianura o non troppo in salita questa bipa mi pare ottima considerando anche il prezzo.
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted



85 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 09:19:19  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
che meraviglia le tue recensioni,.anche se non mi interessa questa bipa in particolare ti ringrazio per il servizio che fornisci
Torna all'inizio della Pagina

dipigi
Utente Master


Lazio


3894 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 10:02:56  Mostra Profilo Invia a dipigi un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Pix, recensione interessante e come al solito fatta con maestria.

E-go Shopping 2008 (venduta subito);
Agattu 7G 2008 12000 Km (venduta);
Flyer T8 2900 Km ( assetto da pioggia copertoni Schwalbe Marathon Supreme 50-622 pignoni 19/14/41) Venduta
;
Kalkhoff Agattu 8G diamant 2010 11000km (freni Magura HS11 e assetto "sportivo" pignoni 16/11/35);
Flyer X Series Panasonic 26v/300W cambio Rohloff, Freni Magura Louise, Forcella RockShox Recon, Posteriore Fox Float CTD Evolution

Ultimo acquisto Flyer X29 (di nuovo Panasonic 26v 300W anche questa ex-windmillking)
Torna all'inizio della Pagina

Bicifacile
Utente Senior



Lombardia


1482 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 10:59:47  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Bicifacile Invia a Bicifacile un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie, recensione molto bella e ricca di informazioni.

Bicifacile
Torna all'inizio della Pagina

iw6cpk
Utente Master



Marche


3434 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 11:32:17  Mostra Profilo Invia a iw6cpk un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Anche stavolta hai la camicia in tinta con la bici
Questo testimonia la grande meticolosità precisione e professionalità dei test di PIX

Rockrider 5.2 + kit bafang swxh Alcedo + batt. 9 Ah 36v
Flyer in the dirt (Flyer S street + dual drive 27 - Custom MTB)
Kalkhoff Pro Connect Alfine 11 speed
-------------------------------
Per arrivare là, dove nessun uomo è mai giunto prima...con un motore a scoppio
Torna all'inizio della Pagina

Sjoroveren
Utente Senior



1471 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 11:40:27  Mostra Profilo Invia a Sjoroveren un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Fare i complimenti a Pix è quasi inutile, ormai ci ha viziati con queste prove

Raleigh Dover DD 35-12-32/11
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


29278 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 12:01:51  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Pix, come al solito un test degno del TUV!!!!
Per ampliare il discorso fatto da Iw6cpk riguardo al colore della tua camicia, ti consiglierei di tingere ogni volta la tua barba dello stesso colore della bici in prova...
Torna all'inizio della Pagina

claudio02
Utente Master




6786 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 12:07:35  Mostra Profilo Invia a claudio02 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
pix n.1

Una persona pessimista fa si di creare delle energie che andranno nella direzione delle sue paure piu profonde, fino alla loro realizzazione. Il pessimismo sincronizza anche i semafori.
Torna all'inizio della Pagina

windmillking
Utente Senior



Lombardia


1279 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 12:34:51  Mostra Profilo Invia a windmillking un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un altro test meraviglioso , come sempre un lavoro veramente professionale.

Susi : Winora T3 & Specy Turbo Levo
Carlo : Specy Kenevo
Marco : Kalkhoff BS10, Haibike AMT LT8, Giant Trance E+ Sx Pro ... e dove mi porta il cuore
Torna all'inizio della Pagina

serbrushless
Utente Attivo



Abruzzo


687 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 14:28:00  Mostra Profilo Invia a serbrushless un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
come sempre un pix test spettacolare

aprilia enjoy city e fresbee sudtirol
Torna all'inizio della Pagina

isd88
Utente Senior


Lazio


1272 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 17:15:37  Mostra Profilo Invia a isd88 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ottimo, hai mica per caso misurato la luce del carro posteriore?? (domanda assolutamente disinteressata eh)
Torna all'inizio della Pagina

gigi35
Utente Master



Emilia Romagna


2979 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 17:35:45  Mostra Profilo Invia a gigi35 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
pix bravissimo e professionale come sempre

collaboratore video
Torna all'inizio della Pagina

saastefano
Utente Medio




337 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 18:10:53  Mostra Profilo Invia a saastefano un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ottimo test, complimenti !
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11933 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 18:40:26  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie a tutti !

Iw6: la scelta del colore della camicia è casuale ma forse c'è un inconscio impulso che mi fa scegliere così
Per Barba riguardo al colore della barba: quando era nera ... stava su tutto, adesso dovrò prendere in esame la tua proposta

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

FabioR6
Utente Master




3312 Messaggi

Inserito il - 21/10/2012 : 08:03:14  Mostra Profilo Invia a FabioR6 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Veramente un gran bel oggettino.
Ci sto pensando quasi da un anno a farmi una pieghevole.
Non è detto che tra poco arrivi.

La staccata della San. Donato, ha qualcosa di magico e terrificante. Ad ogni giro ti passa tutta la vita davanti x quegli interminabili 3 secondi.

Cube trekking
Black NC, Allround, new battery FabioR6 48v 24,5 Ah , percorsi dal 24/10/11
34.600 km in aumento....
Cube attraction mtb 29, BBS2 500w 25 A, batteria FabioR6 ....36V 17,5 Ah.

Torna all'inizio della Pagina

OSCAR95
Utente Senior



Lombardia


1043 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 21:33:54  Mostra Profilo Invia a OSCAR95 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Complimenti ancora per questa impeccabile recensione! Quando vedo comparire i primi video su Youtube del tuo test aspetto sempre con ansia il lavoro finot su Jobike, che poi arriva!

Parlando della bicicletta, la linea è carina, mi piace molto il faretto anteriore in stile retrò! Ma che tu sappia ai faretti che corrente arriva? I 24Volt della batteria oppure una tensione ridotta?

Perchè elettrico è bello!Bottecchia Be2. la mia prima bipa! Bottecchia Be2 Grigia da Aprile 2013, della mamma. Quasi 6000 kilometri in progress...
Torna all'inizio della Pagina

kaste
Nuovo Utente



8 Messaggi

Inserito il - 23/10/2012 : 13:22:50  Mostra Profilo Invia a kaste un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie test molto utile per chi come me si vuole avvicinare alle bici elettriche.
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11933 Messaggi

Inserito il - 23/10/2012 : 19:05:42  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Oscar, non lo sò con certezza ma mi pare che a faretti e clackson arrivino proprio i 24V della batteria (anche perchè funzionano a centralina spenta)

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

alenic
Utente Medio



177 Messaggi

Inserito il - 02/12/2018 : 23:33:57  Mostra Profilo Invia a alenic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ciao, il motore di questa bici regge i 36v? (so che va sostituito tutto il resto)
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11933 Messaggi

Inserito il - 03/12/2018 : 18:18:46  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Normalmente i motori reggono un incremento di tensione e immagino anche questo non faccia eccezione
Ma una risposta sicura non te la posso dare perchè non conosco la marca del motore

Come dici bene tu stesso, poi c'è da cambiare centralina, batteria e display

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,77 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.