Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (job o pixbuster)

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 PEDELECafè
 Prevenzioni e abitudini dei forumisti in bici
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

SilvioRCR
Utente Medio


Friuli-Venezia Giulia


153 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 04:26:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Allora, apro questo topic per conoscere un pò le abitudini in bici, per quanto riguarda il modo di porsi alla strada e alle macchine dei vari forumisti, per pura curiosità.
In questi anni ho capito che:

Gli automobilisti si spazientiscono a starti dietro pure nelle strade di paese con limite di 30 KMh, pertanto supereranno anche su strade a doppia corsia alternata, anche in curva senza vedere chi arriva dall'altra parte, anche se appunto arriva qualcuno dall'altra parte, col rischio ne venga fuori un'ecatombe, addirittura a costo di affiancarsi a te quasi da toccarti. Per evitare che ciò succeda, quando vedo che sto nei pressi di curve, li faccio sempre passare, rallento, mi avvicino il più possibile al marciapiede e lascio passare, non voglio rischi alle spalle.
In generale, non mi piace avere macchine dietro, voglio la strada libera, poter stare in centro carreggiata e far bene le curve, pertanto appena mi è possibile lascio sempre le auto sorpassare così da ritrovarmi solo, io e la strada.
Dalla sera in poi sempre con maglia catarinfrangente verde, così che sia più visibile, casco obbligatorio, per quanto odi la testa a forma di fungo che fanno quelli da bici, con gli automobilisti descritti sopra non mi fido assolutamente. Sulle ciclabili, quando mi appresto a una curva, squillo sempre per avvertimento che sto arrivando, così da avvisare possibili podisti, corridori, gente col cane, bambini, mamme col passeggino che da lì a poco arriverò in bici.

Voi cosa fate e quanto vi preoccupate della vostra sicurezza in strada? Quanto è il livello di paranoia/amor proprio quando vi ponete alla strada e alle macchine? Sfrecciate tranquilli in mezzo a loro quando c'è qualche fila? Vi fermate al rosso o passate lo stesso?
Personalmente seguo segnaletica e codice della strada come se fossi in auto e mi fermo ai semafori. Ah ovviamente lo specchietto è obbligatorio, non salirei nemmeno in bici se mi si dovesse rompere.



Modificato da - SilvioRCR in Data 14/09/2021 04:33:06

Barba 49
Utente Master



Toscana


33573 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 07:19:51  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Personalmente seguo SEMPRE alla lettera le regole del codice della strada, siccome vado anche in auto ed in motocicletta quando uso la bici mi comporto esattamente allo stesso modo: Infatti non viaggio MAI sui marciapiedi, non vado MAI contromano e mi fermo sempre agli stop ed agli incroci senza diritto di precedenza e come faccio con qualsiasi mezzo segnalo sempre la svolta con il braccio, specialmente sulle rotatorie dove un fraintendimento può essermi fatale.

Ho tutta la segnaletica prevista dal CdS senza altri inutili orpelli luminosi, non indosserò mai il casco nè tantomeno il giubbotto rifrangente e non ho mai rischiato di essere travolto se non (come dicevo sopra) nel percorrere le rotatorie, li almeno due volte un'auto (non la stessa ) mi ha superato e poi ha svoltato a destra tagliandomi la strada e facendomi cadere, per fortuna senza danni!

Le ciclabili dalle mie parti sono ben poco affollate quindi viaggio tranquillamente anche a velocità sostenuta, mentre nel traffico (purtroppo) tendo a superare le file di auto ferme o che procedono lentamente sorpassando anche sulla destra e zigzagando tra di loro, ma lo faccio anche con la moto, quindi è un vecchio "vizio".

Occorre comunque ricordarsi che in caso di situazione di pericolo qualsiasi automobilista piuttosto che finire contro un'altra auto o un camion tenderà a falciare il povero ciclista, è puro istinto di sopravvivenza...
Torna all'inizio della Pagina

blindo7
Utente Master



Lazio


3938 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 12:00:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di blindo7 Invia a blindo7 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
io renderei obbligatorio lo specchietto,
per il resto evito come la peste strade ad alto scorrimento,
fare il filo alle auto parcheggiate che aprono gli sportelli,
evito il buio,
do sempre precedenza ed anche con il verde controllo, perché in
caso di incidente sarò sempre quello che si più male,
diciamo che me la godo di più quando la carico in macchina e vado a
pedalare nel bosco in silenzio, oppure ci vado al mare tramite
stradine interne,
probabimente se abitassi dentro al raccordo, ci andrei anche al lavoro,
ma rischiare per ecologia, risparmio, gusto di pedalare,
non si può,
ad esempio i ciclisti da corsa su strade improbabili proprio non li capisco, rischiano la vita per ore solo perché è tollerato,
ma non è sensato

enerlab.it
Torna all'inizio della Pagina

Bilbo
Utente Attivo



Friuli-Venezia Giulia


869 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 12:01:07  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
beh... il non indosso mail il casco non è proprio corretto....

io se posso evitare strade con macchine lo faccio, anche al costo di allungare il percorso, e lo faccio ogni mattina venendo al lavoro, allungo di circa 4km, però passo nei boschi.... al mattino una goduria.-

Modificato da - Bilbo in data 14/09/2021 12:03:26
Torna all'inizio della Pagina

angor
Utente Medio



365 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 12:40:19  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
intanto, dividere tra automobilisti, pedoni, ciclisti, motociclisti, camionisti ecc ecc è un grande errore: alla base di un comportamento idiota di un automobilista/ciclista ecc ecc, non c'è la categoria, ma la persona...e se uno è, appunto, idiota in auto, lo è anche in bici, a piedi e via dicendo.

La ragione per cui in italia buona parte degli automobilisti ha poco rispetto per le bici, è la stessa per cui buona parte di quelle poche bici in giro hanno poco rispetto nei confronti degli altri utenti della strada, automobilisti o pedoni che siano.

Di base, l'utente della strada italiano ha l'abitudine a considerare le regole di circolazione più come suggerimento che come regola vera e propria...ovviamente in ciò è facilitato/spinto dalla quasi generale inapplicabilità della segnaletica stradale italiana, messa per lo più a caso o con scopi che nulla hanno a che vedere con la circolazione (vedi ad esempio quel paio di assurdità che ho messo nell'altro topic).

Torna all'inizio della Pagina

andrea 104KG
Utente Master


Marche


11280 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 13:07:23  Mostra Profilo Invia a andrea 104KG un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Io indosso sempre il casco, tranne negli spostamenti per andare al bar ... poche centinaia di metri... Segnalo sempre con il braccio ma spesso tendo ad accostare sulla destra, lasciar passare tutti e poi ripartire... non ci sono ciclabili quindi niente percorsi protetti, a volte uso alcuni grandi marciapiedi extra paesani, nel senso che collegano borgate vicine, sempre deserti, a bassissima velocità. le mie velocità essendo in collina sono ridicole, raramente sopra i 20kmh, tranne che in discesa.
Tendo a fare massimo 2-3 km d'asfalto per poi prendere stradine bianche (per fortuna qui ce ne è una ragnatela fittissima) dove le auto sono rarissime, ma ovviamente sono percorsi da mtb. Non sono uno che odia l'asfalto ma solo nelle strade secondarie dove non c'è traffico (e intendo poche auto in un quarto d'ora...)
Mi raccomando, in questo periodo cercare di non andare contro sole che si abbassa rapidamente il pomeriggio e acceca le auto, le moto e anche i ciclisti. Il numero dei morti purtroppo è concentrato nel mese di settembre primi di ottobre... soprattutto nelle mie zone collinari, piene di curve in cui l'auto gira e si trova rapidamente contro sole e prima di tirare giù il paraluce o altra manovra passano secondi alla cieca o quasi.. quindi cerco di usare la massima prudenza, ma purtroppo l'imponderabile è sempre in agguato...

Modificato da - andrea 104KG in data 14/09/2021 13:08:50
Torna all'inizio della Pagina

giordano5847
Utente Master



Lombardia


3626 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 13:10:59  Mostra Profilo Invia a giordano5847 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Secondo me è basilare farsi vedere/notare ecc...
Sulle rotonde non dare mai spazio alla macchina, io allargo il braccio in modo che mi veda, mi noti e sempre mi lasciano passare.
vado spesso con la BDC ma per strade secondarie se trovo traffico stò bel tranquillo dalla mia parte.
La mia filosofia è che con una accelerata vanno dove vogliono senza perdere tempo. Qualcuno brontola ma mi lasciano fare.

Fuggi quello studio del quale la resultante opera more coll'operante d'essa. (Leonardo)

Modificato da - giordano5847 in data 14/09/2021 13:12:28
Torna all'inizio della Pagina

claudio02
Utente Master




8438 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 13:16:12  Mostra Profilo Invia a claudio02 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
attenti che fate ripartire "incidente grave a ciclista"

Una persona pessimista fa si di creare delle energie che andranno nella direzione delle sue paure piu profonde, fino alla loro realizzazione. Il pessimismo sincronizza anche i semafori.
Torna all'inizio della Pagina

luc_maz48
Utente Master



Piemonte


6649 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 14:00:45  Mostra Profilo Invia a luc_maz48 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando


https://www.milanotoday.it/video/malnate-ciclista-investito-auto.html

https://www.youtube.com/watch?v=AHsu94eX_wE

https://www.facebook.com/vaduva.nicky/videos/2078242352314809




Pieghevole Hinergy Click 20", 36V 250Watt, 7vel. Batteria Long, con celle Samsung 36V 11,6 Ah.
Tandem pieghevole Graziella 20", con Kit Bafang motore centrale BBS01 36V 250W 15A.



Modificato da - luc_maz48 in data 14/09/2021 14:07:14
Torna all'inizio della Pagina

Bicifacile
Utente Senior



Lombardia


1609 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 15:29:50  Mostra Profilo Invia a Bicifacile un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Concordo con Angor e con la perfetta intro di Silvio. In realtà chi non è mai andato in bici, in strade con altri veicoli, non avverte il rischio che corre di ammazzare qualcuno e si lascia dominare dall’impazienza.
io cerco di farmi vedere il più possibile e ho montato anche la paletta distanziatrice. Lo specchio è importantissimo e poi se non mi sento al sicuro mi sposto o addirittura mi fermo a bordo strada. Per gli automobilisti che mi danno il canonico colpo di clacson per segnalarmi il loro prezioso arrivo, rispondo appena mi hanno superato, con una simpatica tromba da 110dB che fa un suono abbastanza curioso simile alla sirena di un treno.
Mi sono anche realizzato una t-short con stampato sul retro il segnale di divieto di uso della tromba e la scritta, “non suonare, grazie”.
Devo dire che sia la paletta che la maglietta, qualche beneficio lo danno.

Bicifacile
Torna all'inizio della Pagina

angor
Utente Medio



365 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 16:11:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Come dice Bicifacile, secondo me è tutta una questione di "percezione"...mi è capitato più volte di incrociare gente in bici, senza fari di sera sotto la pioggia...e pensare "ma questi, sicuramente guidando anche l'auto, possibile non si rendano conto di quanto sono in pericolo"?
La risposta è che, probabilmente, quando a loro volta guidano automobili, le bici non le considerino proprio...

Oppure, vedere appunto automobili incollate alla ruota di motociclette e pensare che se per caso la moto dovesse frenare improvvisamente, prima che anche solo si accorgano gli sono sopra.
Ma poi vedo anche scooter e bici che passano a destra auto che hanno la freccia a destra accesa.

Io ho montato degli specchiettini che si infilano nel manubrio, sono piccolissimi e richiudibili (caratteristica preziosa sui sentieri) ma sufficienti a vedere le auto che mi stanno arrivando dietro...così da potermi tenere a destrsa quando arrivano o quanto meno evitare di scartare a sinistra.
Di tutti quelli che conosco con e-mtb e peggio ancora mtb, sono l'unico...mai sentito nessun altro...

Quello che manca è proprio la percezione del rischi, proprio o verso gli altri.
Torna all'inizio della Pagina

SilvioRCR
Utente Medio


Friuli-Venezia Giulia


153 Messaggi

Inserito il - 14/09/2021 : 19:32:16  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ma c'è anche da dire che in bici elettrica, ad assistenza massima, è come andare a rotta di collo con una MTB muscolare, in pianura ovviamente, sempre, senza accennare a scendere di velocità, è una velocità fissa (se si pedala costante ovviamente), che è la stessa di uno che si impegna parecchio con la muscolare. Quando andavo sulla MTB, prima che ahimè me la rubassero, ho sempre si avuto un amor proprio tale da evitare situazioni pericolose ma ad esempio il casco non lo mettevo mai, le tratte in velocità erano limitate, mi stancavo, andavo sempre meno veloce che con la mia elettrica. L'elettrica mi ha portato ad aver maggior amor proprio, perchè se cado a 27 kmh mi faccio tanto ma tanto male, non è poco!

Io anni fa caddi a 25 kmh con un segway, un volo di 2 metri in avanti, tutta la notte in pronto soccorso, un mese sul letto che non potevo muovermi, per andare in bagno usavo una sedia con le rotelline da ufficio per trascinarmi, bacino contuso, escoriazioni ovunque, coscia viola. Un massacro, su una fat elettrica un volo a 27,5 kmh è rovinoso! Perlomeno casco ma sto valutando pure di prendere qualche para ginocchia e gomiti!

Anch'io comunque evito come la peste le strade molto trafficate, soprattutto quelle strette, al punto che sarei addirittura capace di scendere dalla bici e portarla a mano per quella tratta, cosa che ho fatto diverse volte!

Ah, comunque sia, riguardo la pioggia se è per piacere non esco, per lavoro, io che ho deciso di usare solo l'ebike anche a risparmio (e credetemi che, da due anni che uso quasi solo l'ebike per gli spostamenti ho messo da parte soldi), avendo il lavoro a 7,5 km e vivendo nel paese delle piogge, ho dovuto attrezzarmi, porto sempre con me, sempre in borsa, vestiti antipioggia dentro i rispettivi sacchettini, ho comprato pure le scarpe antipioggia da mettere sopra le scarpe normali ma non le uso mai. In quel caso vado piano piano, avviso sul lavoro che potrei tardare 5 minuti ma dove lavoro io sono flessibili e non è un problema, e tutte le precauzioni di cui sopra le amplifico per 100, faccio sorpassare OGNI auto che ho dietro, in qualsiasi strada, anche rettilineo.

Modificato da - SilvioRCR in data 14/09/2021 19:56:46
Torna all'inizio della Pagina

docelektro
Utente Attivo



Piemonte


531 Messaggi

Inserito il - 15/09/2021 : 18:53:04  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di docelektro  Rispondi Quotando
il casco ogni tanto si e ogni tanto no del resto non è obbligatorio se non sbaglio. Ovviamente nero,ne ho uno in stile skateboard. Di sicuro non metto l'orrorume allungato con colori da pride.

Se piove POCO bene o male limito le distanza.Anche perchè bici che parano bene l'acqua non esistono. Ho già pure pedalato con varie "combinazioni " di vestiario più o meno impermeabile e orrido.

Semafori? c'è n'è uno solo qui in zona e di solito è verde,le poche volte che è rosso scendo giù e magicamente divento un pedone e quindi vado sul marciapiede spingendo la bici.

Poi alle 5 di mattina i marciapiedi a volte sono tutti miei.

Giubbotto da scimmia giallo piscio ovviamente MAI ma di "strada" importante farò 100 metri,poi via su stradine che oramai conosco a memoria . Oltretutto adesso con le piste ciclabili della via della pietra si va da dio.

Mai come con la bici bisogna sapersi adattare,in ogni caso se segui i menagrami e malati della sicurezza non cambi manco più i neon in casa.

Cosa che io faccio senza spegnerli.

Ah,ovviamente in bici senza la mutanda da faccia mi raccomando

la felicità è una merce rara che si deve tenere stretta e non fare vedere agli altri perchè saranno sempre invidiosi [A.Petrucci *1970+1985]

Modificato da - docelektro in data 15/09/2021 18:59:55
Torna all'inizio della Pagina

vittorisk
Utente Senior



Liguria


1270 Messaggi

Inserito il - 16/09/2021 : 08:31:13  Mostra Profilo Invia a vittorisk un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Pedalo una bici legale con motore a norma e non sbloccato, rispetto il codice della strada; non amando il tanfo ed il rumore di camion/auto/moto a scoppio, sull'asfalto ci sto giusto il tempo indispensabile per raggiungere il bosco ed i suoi sentieri. Indosso sempre il casco, ho montato un piccolo specchietto sul manubrio ed una luce posteriore.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,5 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.