Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Prove e collaudi
 NCM Milano 48 volt
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 22

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 04/08/2018 : 23:57:03  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bravo...
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11708 Messaggi

Inserito il - 05/08/2018 : 19:08:54  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
MilleMiglia ha scritto:

Pix 6Wh al Km penso sia molto ottimistico, a meno che Sergiom1961 viaggi a 15Kmh


Beh i valori sono certamente approssimativi: valgono come ordine di grandezza

Con la mia bipa a 15km/h in pedalata simbolica consumo 4.29 Wh/km

e, appunto, 6Wh/km, sempre in simbolica, a 20km/h

In questi giorni caldi consumo 6Wh/km a 25km/h e con 70W sui pedali



Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

MilleMiglia
Utente Master



Liguria


5223 Messaggi

Inserito il - 05/08/2018 : 20:27:35  Mostra Profilo Invia a MilleMiglia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non pesi però un quintalotto
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 06/08/2018 : 15:38:35  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Buongiorno a tutti;

seguo con interese le discussioni sulla NCM Milano, e specificamente il
progettato test di salita al Vesuvio, in quanto (da completo neofita
delle bipa) considero l'acquisto una bipa soprattutto per fare, almeno 10
- 20 volte all'anno, un percorso asfaltato di 60 / 65 Km con circa 1000m
di dislivello quasi tutti concentrati un una unica salita (l'Intelvi,
tradizionale nel giro di Lombardia); i due anni anagrafici in meno
rispetto a Sergiom1961 e la posizione vicino al lago di Como dovrebbero
essere differenze trascurabili..

Pensavo alla Milano plus (nonostante l'innaturalezza del modo di
assistenza per i pedalatori lenti e tradizionali come me) per i seguenti
motivi: dalle vostre discussioni pare l'unica bipa con prezzo non
irraggiungibile (per me) con l'autonomia necessaria per fare il percorso
anche quando (causa salute, stanchezza, mancanza di allenamento,
anagrafe o altro) il mio apporto muscolare sia molto ridotto.

Aggiungo che la userei anche per fare strade (asfltate e sterrate
transitate lentamente ma senza problemi da moto, fuoristrada e mtb e che
io ho gia` percorso con una mtb di 16kg degli anni 80 e coperture meno
adatte di quelle della Milano) sui monti limitrofi: pochi i tratti
attorno al 20% (quasi sempre con fondo meglio curato che nei tratti meno
pendenti, ma quando non asfaltati / cementati a volte scavati dalle
acque), pochissimi i tratti a pendenze superiori e/o con fondo
decisamente sconnesso (e allora scendo di sella, anche con bici
muscolari, soprattutto in discesa). Sarebbe adatta tale bipa a percorrere
carreggiabili di tali sconnessione e di tali pendenze alla velocita`
minima permessa dal motore (sia in sella che, scendendo di sella,
facendosi aiutare in salita a piedi)? I miei dubbi riguardano la
combinazione di peso della Milano (soprattutto per la ruota posteriore
col motore) e sua velocita` minima (superiore alla mia).

Altra cosa che faccio abitualmente (ma non sugli sterrati di montagna) e`
attaccare alle bici un rimorchio "B'Twin" (progettato per portare due
bambini con peso complessivo massimo 35Kg, ma io ci porto altro: bici e
treni sono i miei unici mezzi di trasporto). Riguardo il rimorchio sulla
Milano i miei dubbi (mitigati dal fatto che nelle recensioni Amazon
risulta che sulla Moscow un rimorchio con due bambini non ha dato
problemi) sono due: il perno d'attacco del rimorchio (se per la ruota
posteriore serve la chiave del 19 si potrebbe temere che il diametro del
perno della ruota motorizzata sia maggiore del solito) e il peso
sopportabile dichiarato (120kg nella descrizione Amazon, 125kg nel
manuale in tedesco) che, sommando il mio peso, avvicino pericolosamente
a rimorchio carico.

Ho visto che qualcuno ha ingannato il motore impostando nel software
protetto da password una ruota del 20 al posto che del 26, e in tal modo
ha (sballato il contachilometri e) aumentato la velocita` massima. A me
verrebbe voglia di diminuire la velocita` minima (e massima) impostando
una ruota del 28 al posto che del 26, ma chiedo: ci possono essere
contoindicazioni di usura sul motore o le parti meccaniche? La stessa
domanda mi faccio riguardo la sostituzione della corona anteriore da 48
denti con una piu` piccola (mi pare che Sergiom1961 abbia messo il 34 e
accorciato la catena). Non si riesce a montare il 34 (o simili) come
seconda corona assieme al 48 (e cambiare manualmente di corona quando
serve)?

Ultima cosa: ho un padre di 91 anni che nel 1947 scalava lo Stelvio con
strade e biciclette che e` meglio non dire. Ora fatica a salire in sella
di una bici del 26 a scavalco basso, ma se possibile vorrei fargli
provare la Milano (ammesso di aquistarla) su strade in pianura poco
frequentate (e con l'assistenza minima ma sufficiente per la pedalata
simbolica), per cui domando: i comportamenti "bizzarri" (dal punto di
vista di pedalatori tradizionali) di tale bipa sono tali da aumentare il
pericolo di cadute?

Ringrazio per l'attenzione e saluto.
Torna all'inizio della Pagina

SHILAH
Utente Senior




1187 Messaggi

Inserito il - 06/08/2018 : 19:20:25  Mostra Profilo Invia a SHILAH un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Se ti controlli i calcoli di Pix che dice che ci vogliono 300 wh per un dislivello di 1.000 mt direi che quel percorso è fattibile.
Francamente a me la pedalata simbolica fa schifo e quindi pedalo a 60 rom circa e uso il livello di assistenza che mi serve per non fare uno sforzo eccessivo. Ho un anno più di te o uno meno di Sergio.
Torna all'inizio della Pagina

CLAUDE55
Utente Normale


Lombardia


78 Messaggi

Inserito il - 06/08/2018 : 19:58:42  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
nn63 ha scritto:



Ultima cosa: ho un padre di 91 anni che nel 1947 scalava lo Stelvio con
strade e biciclette che e` meglio non dire. Ora fatica a salire in sella
di una bici del 26 a scavalco basso, ma se possibile vorrei fargli
provare la Milano (ammesso di aquistarla) su strade in pianura poco
frequentate (e con l'assistenza minima ma sufficiente per la pedalata
simbolica), per cui domando: i comportamenti "bizzarri" (dal punto di
vista di pedalatori tradizionali) di tale bipa sono tali da aumentare il
pericolo di cadute?

Ringrazio per l'attenzione e saluto.



La Milano ha uno scavalco "relativamente basso". Richiede un po di agilità. (non è una graziella tanto per intenderci)
In un uso su strade deserte non ha comportamenti bizzarri, ma se abbordi la città e relativi marciapiedi mette a dura prova l'abilita del guidatore. (risposte lente e reazioni inaspettate, da non trascurare il peso non indifferente)
Morale: sconsigliata al vecchio genitore ma consigliatissima al figlio.
Torna all'inizio della Pagina

Miura72
Utente Senior



Veneto


1146 Messaggi

Inserito il - 07/08/2018 : 14:11:19  Mostra Profilo Invia a Miura72 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
91 Anni forse seve una monotubo a scavalco bassissimo

http://www.2ruotestore.com/bici-donna/8270-bici-donna-venice-brinke.html

https://www.prophete.de/de/shop/e-bikes/prophete-e-bike-alu-city-tiefeinsteiger-26-geniesser-e8-4-52408-0111

Esperia al piombo 2009 Comperata 349 euro venduta 100 euro
Bottecchia be 2 Lady fatti 3989 Km da agosto 2014 Comperata 500 euro venduta 100 euro
Bipa artigianale Miura72 full mot BBS01 febbr 2016 fatti circa 9020 Km

Winora Sinus Dyo-9 Luglio 2017 fatti 4522 Km

Torna all'inizio della Pagina

freesailor
Utente Normale



Emilia Romagna


52 Messaggi

Inserito il - 07/08/2018 : 21:24:26  Mostra Profilo  Rispondi Quotando



Concordo e aggiungo, se si vuole restare in casa NCM:
https://www.amazon.it/NCM-Bicicletta-posteriore-Pneumatici-posteriori/dp/B075479Q2F

Viviamo due vite: la seconda inizia quando ci rendiamo conto di averne una sola.
(Confucio)

Modificato da - freesailor in data 07/08/2018 21:25:05
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 09/08/2018 : 19:38:57  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Molte grazie per le generose indicazioni. Mio padre, che negli ultimi anni aveva tanto insistito perche' io prendessi una bipa, non sembra al momento interessato a provarne una. Ho esplicitamente chiesto a Leon Cycle a riguadro del rimorchio (per me essenziale) ma non ho ancora avuto risposte. Dalle fotografie, a occhio miope pare proprio che il perno della ruota posteriore della Milano sia troppo grosso (rispetto alla Moscow, che inoltre ha evidenti vantaggi anche sui rapporti, ma svantaggi per luci, parafanghi, portapacchi e copertoni peggiori sull'asfalto e migliori fuori)
Torna all'inizio della Pagina

andrea 104KG
Utente Master


Marche


4723 Messaggi

Inserito il - 09/08/2018 : 23:40:43  Mostra Profilo Invia a andrea 104KG un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il motore della moscow è lo stesso della Milano. Come fanno i perni a essere differenti?
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 00:02:32  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Giusta osservazione
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 08:34:26  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
I perni delle bici sono quasi tutti uguali, perchè le asole dei forcellini sono tutte quasi tutte da 10mm...
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 10:31:28  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ringrazio ancora tutti, siete gentilissimi. Intanto mi hanno appena risposto "sconsigliamo vivamente di montare un rimorchio, poiche' il sistema motore non e` stato concepito per questo scopo". Ma non mi hanno comunque detto il diametro del perno che avevo espllicitamente chiesto. Comunque se serve una chiave del 19 per un bullone che fissa un perno che entra in una forcellina del 10 immagino che abbiano previsto una sollecitazione notevole sul perno. Qualcosa di diverso (magari solo nelle impostazioni della centralina e del suo software) deve esserci tra il sistema motore della Milano e della Moscow, visto che la minima velocita` della Milano e` attorno a 13 Km/h mentre per la Moscow dichiarano tra 7 e 10 Km/h. Conoscete qualche modello di bipa per la quale il costruttore non sconsigli di montare un rimorchio?
Torna all'inizio della Pagina

emme51
Utente Attivo


Campania


703 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 11:52:15  Mostra Profilo Invia a emme51 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
mi sembra una risposta "cautelativa" comprensibile e seria. Insomma a tuo rischio e pericolo.

Frisbee euro 7 tour mmx, Original 5 muscolare & frame bag, Mtb Colnago Fantastic muscolare
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 13:17:56  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non esiste una bici che non possa montare un rinorchio, naturalmente di peso e ingombro limitato, chi ti ha risposto vuole solo salvarsi il c**o in caso di cadute e/o rotture...

I perni dei motori per bici sono tutti identici, prendi un calibro, vai in un supermercato e misuralo: Dovrebbe essere da 12mm con una sezione "ridotta" a 10mm per permettere l'inserimento nei forcellini...

I dadi di solito sono da 18mm e il passo dell'asse non è MA, quindi non è 12X1,5 ma 12x1,25...

Magari l'asse sporge troppo poco per permettere il montaggio di una staffa tra i dadi e i forcellini, (di certo non lo posso sapere) ma questo è un problema che accomuna tutte le bici con motore nel mozzo posteriore, e a questo punto dovresti acquistarne una con motore centrale.

PS) Ovviamente le staffe originali dei carrellini hanno i fori da 10mm, quindi vanno allargati per portarli alla sezione dell'asse motore!

Modificato da - Barba 49 in data 10/08/2018 13:19:53
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 16:16:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Grazie ancora, avete esperienza preziosissima.

Il mio carrellino e` un B'Twin comprato al Decathlon circa 15 anni orsono;
che io sappia e` regolamentare (compresa anche la bandierina che non sempre pero` metto).
e certificato fino a un peso di 35 Kg. Raramente lo carico piu` dei 25 Kg.
per cui il portapacchi della Milano e` certificato, e comunque la mia esperienza con.
varie bici muscolari e` che a parita` di peso caricare il carrellino e` molto piu` comodo
per la stabilita` della guida e per lo sforzo di pedalata che caricare lo zaino o il portapacchi.
Ma riguardo allo sforzo che deve fare il motore e il perno della ruota mi rimetto alla
vostra molto maggiore competenza. In particolare lascio a voi dire se ci sono vantaggi.
o svantaggi per il carrellino dovuti alla diversa regolazione del motore della Milano e della Moscow.
(su cui una recensione Amazon dice che un carrellino con due bambini e` stato usato senza problemi)
e ai diversi rapporti disponibili.

La staffa (originale) del carrellino ha il buco di diametro 11mm (nel
quale a quanto mi aspetto deve entrare il perno da 10mm che esce dai
forcellini, non la parte "interna" di diametro 12mm?) e una sede per il
dado di diametro 22mm (e non so se ci entra il dado della Milano che si
smonta con la chiave del 19). Lo spessore che tale staffa aggiunge e` di
4 o 4,5 mm (lo spessore totale e` 8mm ma in circa la meta` entra il
dado, l'altra meta` e` per il foro in cui entra il perno della ruota).

Visto che il venditore non sembra collaborativo sul carrellino,.
sono costretto ad attendere opinioni di chi ha una Milano o una Moscow.
riguardo alla fattibilita` di inserire tale staffa.
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 17:28:08  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Vedi, i perni dei motori sono tutti da 12mm di sezione, anche esternamente ai forcellini, quindi dovresti allargare comunque i fori da 11mm che hai sulle staffe originali e poi utilizzare i due dadi in dotazione alla bici, non certo quelli in dotazione al carrellino!!!

Se si adattano male (non so come è fatta la sede ricavata nelle staffe) falli lavorare al tornio finchè non entrano bene nella sede suddetta.

Per il resto bisogna solo vedere se aggiungendo tra dado e forcellino i 4,5mm dello spessore delle staffe il dado riesce a utilizzare comunque tutti i suoi filetti, se uno o due filetti restano "vuoti" perchè il perno del motore è corto non puoi fare il montaggio, quando vai a serrare i dadi a 45-48Nm come prescritto c'è il rischio di spanare il filetto!!!

In soldoni basta vedere se nella versione della bici che ti consegnerebbero il perno del motore sporge dai dadi di almeno 4,5-5mm, se non è così lascia perdere.

Naturalmente non prendo nemmeno in considerazione il fatto che il motore possa soffrire per colpa del carrellino, meglio un peso a traino che uno equivalente sulla bici, sempre restando nei limiti di progetto: Quella bici ha un motore ad alta coppia, quindi è assai adatta per il traino...

I rapporti servono solo a te, il motore è sulla ruota e non ne risente minimamente!!!
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 17:36:37  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Amico mio, stasera smonto il dado e ti dico di quanto sporge il perno.
Ho la Milano.
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 17:47:38  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non importa smontare niente, basta che misuri quanto sporge l'asse del motore verso l'esterno: Se sporge almeno 4,5-5mm per lato siamo a cavallo, altrimenti ciccia!!!

Modificato da - Barba 49 in data 10/08/2018 17:48:15
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 18:07:37  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Barba 49 ha scritto:

Non importa smontare niente, basta che misuri quanto sporge l'asse del motore verso l'esterno: Se sporge almeno 4,5-5mm per lato siamo a cavallo, altrimenti ciccia!!!


Già fatto... Ci sono 2 rondelle e sporge, compreso le rondelle di 11mm.



Immagine:

425,01 KB

Modificato da - Sergiom1961 in data 10/08/2018 18:11:23
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 18:19:52  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il dado è chiuso, non è passante



Immagine:

366,49 KB
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 20:18:21  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Siete squisiti.

Dalla foto pare che le due rondelle insieme in spessore vadano oltre i
5mm, dunque SE si possono agevolmente togliere tenderei a sostituire il
loro spessore con i 4.5mm della staffa (piu` eventualmente una rondella
di minor spessore per "pareggiare i conti"); mi pare dunque che restino
due cose da verificare:

che il dado chiuso che si smonta con la chiave del 19 entra in una sede
circolare di diametro 22mm (a occhio dalla foto del pixtest e dalle utime
due foto direi di si)

che lo spessore di ulteriori 3mm per lato oltre ai 22m (diametro totale
della parte finale semicircolare della staffa: 28mm, facciamo 29 per
sicurezza) non interferisca con l'attacco del portapacchi che dalle foto
si vede alquanto vicino all'asse della ruota

La staffa e` unica da attaccare dal lato opposto al cambio. Se serve per
maggior chiarezza posso attrezzarmi a farne delle foto e allegarle.
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 20:28:48  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ok, falle pure
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 21:01:23  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Se togliendo la rondella esterna (che sembrerebbe una Grover) la staffa del carrellino non interferisce con la testa del bullone a brugola che si vede in fotografia allora si può fare, altrimenti 11mm di cui almeno 2mm inutilizzabili (la parte finale è troncoconica) meno lo spessore di 4,5mm fanno solo 4-5mm di filettatura, assolutamente inservibile...

La rondella più interna non si può toccare, è quella che ha il "dente" antirotazione che si incastra nel forcellini!!!
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 21:15:18  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Barba 49 ha scritto:

Se togliendo la rondella esterna (che sembrerebbe una Grover) la staffa del carrellino non interferisce con la testa del bullone a brugola che si vede in fotografia allora si può fare, altrimenti 11mm di cui almeno 2mm inutilizzabili (la parte finale è troncoconica) meno lo spessore di 4,5mm fanno solo 4-5mm di filettatura, assolutamente inservibile...

La rondella più interna non si può toccare, è quella che ha il "dente" antirotazione che si incastra nel forcellini!!!

Scusa prima avevi scritto che se la filettatura utile era sui 4,5 5mm era a cavallo!
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 21:22:37  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Barba 49 ha scritto:

Non importa smontare niente, basta che misuri quanto sporge l'asse del motore verso l'esterno: Se sporge almeno 4,5-5mm per lato siamo a cavallo, altrimenti ciccia!!!
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 21:27:31  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ho scritto che se la filettatura sporgeva dal dado MONTATO (non pensavo fosse cieco) di 4-5mm era a posto, ma come vedi (immagina di mettere un comune dado da 19 alto 10mm) la filettatura non sporgerebbe assolutamente, sarebbe PARI al dado!!!

Infatti era specificato "non importa smontare niente" quindi la misura andava presa all'esterno del dado.

Modificato da - Barba 49 in data 10/08/2018 21:28:36
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 21:34:34  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non capisco... Se il dado era passante e la filettatura sporgeva di 5mm mettendo la staffa il dado non riusciva manco ad avvitarlo di un giro.
Doveva sporgere di almeno un centimetro.

Modificato da - Sergiom1961 in data 10/08/2018 21:38:54
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 21:45:23  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Al perno togliamo 2 mm siamo a 9
Togliamo la prima rondella di 3 mm
Siamo a 12 mm di filettatura
12 meno i 5 della staffa fanno 7mm di filettatura

Non bastano?
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 22:41:09  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sei sicuro di quello che dici? Se con un dado passante spesso 10mm (di solito lo sono) il perno sporgeva (dal filo del dado) di 5mm significa che una volta tolto il dado l'asse avrebbe avuto una sporgenza totale di almeno 15mm, e questo avrebbe consentito di inserire la staffa tra dado e forcellino, visto che a quel punto avvitando il dado avremmo ancora avuto l'asse sporgente di 1mm...

Per la seconda domanda la risposta è NO, non si può tirare a 45-48Nm un dado che prende solo 7 filetti, scordatelo, anche perchè deve fare lo sforzo supplementare di mantenere la staffa del carrello... Oltretutto la staffa è probabile che togliendo la rondella da 3mm vada a incocciare con la brugola che si vede li in zona, quindi è un casino...
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 10/08/2018 : 23:57:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La brugola in zona direi che e` solo per l'attacco del parafango (come si evince dai due video al banco del pixtest), dunque in qualche modo ci si dovrebbe arrangiare. Invece se si toglie una rondella da 3mm e si aggiunge uno spessore di 4.5mm della staffa risulta che il dado si avvita di 1.5mm in meno, e su questo sono molto meno ottimista.
Comunque la staffa e` praticamente identica a questa: www.amazon.it/Weber-AW2833370-Aggancio-per-passeggino-rimorchio/dp/B000R5783U/

Mi domando come ha fatto il tizio con la Moscow (a parte l'assenza della brugola del parafango).

Altra domanda: la mia peladata muscolare e` lenta e poco rotonda, dunque la staffa del carrellino produce variazioni cicliche di sollecitazione corrispondenti alla non uniformita` di pedalata. Mi domando se un motore, che tira in modo certamente molto piu` uniforme, sul perno della ruota da` meno stress dovuto al rimorchio.
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 11/08/2018 : 07:13:31  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Purtroppo anche togliendo la famosa rondella e montando una brugola a testa svasata avresti solo 7 filetti per avvitare il dado, e come ho scritto sopra sono veramente troppo pochi per poter fare il serraggio come previsto dalla ditta: Probabilmente chi ha montato il carrellino sulla Moscow se ne è fregato ed ha stretto il dado a mano senza porsi problemi, ma questo è un buon metodo per rovinare l'asse del motore.

Scommettiamo che anche Sergio non ha stretto il dado con la dinamometrica dopo aver preso le misure che ha postato? Ci scommetto una poastiera napoletana!!!
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 11/08/2018 : 09:27:56  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Perché, secondo te era stretto con la dinamometrica? Mmmm...
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 11/08/2018 : 09:34:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ho ora visto che esistono carrellini con attacco alla canna della sella; devo ancora informarmarmi su prezzo, qualita` ecc. ma immagino che con tale tipo di attacco non dovrebbero esserci problemi.

Altra possibilita` (di cui mi fido poco) sarebbe comprare da amazon la staffa vitualmente identica che dicevo, trovare qualcuno in zona con gli attrezzi per allargare il buco a 12 mm e abbassare lo spessore da 4.5 mm a 3 mm e poi sperimentare tale staffa modificata sulle mie muscolari. Non so in che modo valutare affidabilmente e rapidamente se l'assottigliamento da 4.5 a 3 rende inaffidabile la staffa.

Infine non so in che modo sdebitarmi per i consigli della notevole esperienza di Barba 49 e dell'entusiasmo nell'aiutare di Sergiom1961 (che oltretutto potrebbe dovere perdere tempo e denaro per farsi avvitare a dovere il dado)
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 11/08/2018 : 22:32:40  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sergiom1961 ha scritto:

Perché, secondo te era stretto con la dinamometrica? Mmmm...


Barba, l'ho svitato con un dito! Anzi ho fatto bene perché mi sono messo a serrare tutti i bulloni, brugole, viti della bici e era tutto lento!
Comunque sul manuale ci sono i serraggi raccomandati e quello della ruota posteriore è 25Nm non 45/48 come hai scritto tu.

Modificato da - Sergiom1961 in data 11/08/2018 22:34:22
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 16/08/2018 : 17:59:40  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Strano, i Bafang in genere si serrano a 45-48Nm, e anche i Nine e altri motori cinesi: Probabilmente hanno paura di spanare il dado o l'asse!!! Comunque se i dadi del motore sono stretti a 25Nm è ovvio che si svitino con un dito, è un valore di serraggio estremamente basso...
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 16/08/2018 : 22:00:12  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Cavolo, solo adesso vedo che ci sono quasi 1000 risposte e più di 30700 visite!
L'ho fatta grossa

Modificato da - Sergiom1961 in data 16/08/2018 22:02:13
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 16/08/2018 : 23:37:40  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Non so se sia un segno buono o cattivo, comunque: con una settimana di ritardo (rispetto alle stesse domande fatte tramite Amazon) mi hanno risposto alle domande fatte via e-mail:

2.- Il massiamo carico consigliato e` 120-125kg entrambi sono validi.
3.- Il diametro del perno e` 10mm

notare come non dicano niente dei rimorchi (neanche per sconsigliarli)
nonostante fossero menzionati nelle domande. Mi hanno anche allegato un manuale in italiano in cui raccomandano

Dadi della ruota posteriore: 24-29 Newton Metri

e per tutti gli altri dadi valori inferiori (fortunatamente la chiave dinamometrica di mio padre arriva giusto a 24). Se un esperto trova strano questi valori sotto i 30 Nm, un ignorante come me trova strano
su un perno del 10 un dado da svitare con la chiave del 19.
Torna all'inizio della Pagina

MilleMiglia
Utente Master



Liguria


5223 Messaggi

Inserito il - 17/08/2018 : 00:32:57  Mostra Profilo Invia a MilleMiglia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
L’asse è da 12mm fresato a 10mm per entrare nei forcellini
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 17/08/2018 : 08:46:41  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Quoto MilleMiglia, gli assi dei motori sono da 12mm con passo 1,25mm, non sono assolutamente da 10mm, e se forti di queste misure andate a consultare le annose ma sempre valide tabelle potrete trovare valori attorno ai 45-48Nm... Se poi la NCM ha constatato che i suoi assi o i suoi dadi a 45Nm si spanano allora deve litigare con i fornitori, non abbassare le coppie di serraggio!!!
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 20/08/2018 : 16:13:59  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Nella speranza di non scocciare troppo, vi chiedo se avete commenti
a quanto mi ha scritto Leon Cycle in merito a certe mie domande
(indicate con ">" a inizio riga, come nelle tradizionali e-mail);
ho messo miei minimi commenti tra parentesi quadre.

> Per cambiare tra i modi eco / normal / power occorre entrare nel menu protetto da password
> o esiste un modo piu` rapido, effettuabile magari senza fermarsi?

Per fare il cambio di modo di guida purtroppo non esiste un modo più veloce senza entrare nel menu.

[MIO COMMENTO: la domanda era per la Milano plus, il cui manuale italiano parla
esplicitamente dei tre modi dunque si poteva sperare in un modo migliore]

> Nel modo eco quale pendenza massima per le salite e` opportuna continuativamente (per chilometri)
> e quale per brevi tratti (qualche decina di metri, al massimo un centinaio)?

[MIO COMMENTO: la domanda era basata sull l'idea che le salite piu` ripide
richiedessero il modo power (e assistenza maggiore).
Vedete cosa rispondono invece:]

Per le salite è importante capire che il motore non deve lavorare da solo.

Questo significa che per una salita ripida non deve usare una assistenza di
motore superiore a 3 e sempre deve pedalare anche con forza. Una ebike è una
bicicletta con assistenza, ma non funziona da sola. Segnalo questo già che ci
sono clienti che fanno uso della ebike come un motorino fino che rompono il
motore. Una buona manutenzione è sempre molto importante.

Se come ci sono molti fattori che influiscono nella bici, come il tipo
strada, la inclinazione, la pedalata del ciclista, il livello di assistenza,
la marcia che usa sul cambio della bici, la temperatura, la pressione delle
ruote, posso consigliare come detto prima. Per percorsi molti ripidi livelli
di assistenza non superiori a 3 e il ciclista deve pedalare con forza.
Per percorsi leggermente ripidi potrebbe usare 4 ma sempre con una buona pedalata.

> In realta` non avrei intenzione di superare il livello 3 di assistenza
> neanche in pianura, tranne casi di emergenza.
> Non ho mai viaggiato particolarmente veloce, neanche a 20 o 30 anni.
>
> Dal momento che ho letto che il modo eco risulta piu` naturale per i
> pedalatori tradizionali come me che non hanno mai usato un mezzo a
> motore (ho letto che in modo eco la bici tende a accelerare di meno da
> sola per portarsi alla velocita` che il livello di assistenza vuole
> raggiungere, dunque diminuisce la senzazione del mezzo che scappa da solo
> senza ordinargli di andare mediante pedalate piu` vigorose), vorrei se
> possibile sempre tenere il modo eco, dunque ripeto una piccola variante
> della domanda della e-mail precedente:
> che tipi di salite non e` opportuno affrontare col modo eco?

Certamente il modo ECO fa andare la bici senza impulsi eccessivi, in modo più
naturale. Infatti può impostare il modo ECO per sempre:

[SNIPPETE: ripete il metodo gia` postato in questo thread per la Milano,
tranne che dice di usare il tasto SET e non il tasto M data la diversita`
fisica del display. Notare che indicano solo il "codice PIN 8007" non gli
altri codici gia` postati in questo thread (ripetndo una loro e-mail)
e in particolare non il codice 8306 che si legge in
https://electricbikereview.com/forum/threads/c7-display-on-metro.14860/
riguardo a una versione americana del dispay c7, che il display
della Milano plus]

modificare la dimensione della ruota
non è consigliabile, già che la centrallina non riceverà la
informazione corretta e quindi anche sul display la informazione mostrata per
la bateria, la velocità e i chilometri sarebbe completamente falsa. Potrebbe
portare a problemi con il funzionamento a lungo termine.

Il sistema fornisce assistenza alla pedalata (a seconda dell'impostazione
selezionata) e facilita anche la salita o il sopravvento. Tuttavia, si
suppone che deve pedalare e assistere anche il sistema. In caso di
sovraccarico del motore, il sistema si spegne automaticamente per proteggere
i componenti tecnici da eventuali danni.

Per evitare questo, usate la bicicletta elettrica come una bicicletta non
assistita su lunghe e ripide salite.

[COMMENTO: vorrei vedere chi ha scritto questo, magari senza essere
esattamente altletico, fare cio` che scrive coi 27km della Milano su
una salita al 27%]

Esempio di cambio a 7 velocità:

In caso di salite ripide, selezionare il livello massimo di assistenza 3 e
passare a una marcia inferiore, ad esempio 2-3, e assistere il motore.

[COMMENTO: appunto, addirittura con la marcia 2-3 e non la 1]

Se si viaggia su percorsi più ripidi, si consiglia di passare al modo ECO.
In questo modo si evita di sovraccaricare il sistema e si protegge la batteria.

Ha 6 livelli di assistenza 0-6, quindi le seguenti informazioni sono
approssimative e possono variare leggermente.

0 = motore non supportato
1 = 7-10 km/h
2 = 10-13 km/h
3 = 13-16 km/h
4 = 16-19 km/h
5 = 19-22 km/h
6 = 22-25 km/h

[COMMENTO: confrontare queste velocita` con quelle del pixtest]

Il motore supporta solo i passi da 1 a 6 fino alla velocità specificata.
Tutte le velocità devono essere supportate dalla propria forza muscolare.

> Come un pedalatore (che come me non ha mai usato alcun mezzo a motore)
> puo` accorgersi che il motore e` vicino a sovraccarico e dunque prendere
> provvedimenti come aumentare la potenza di pedalata o fermarsi prima che
> il motore entri in protezione o comunque rischi di rovinarsi?
> Per esempio, ci sono tipi di rumore o velocita` troppo basse che indicano
> un affaticamento del motore?

Non viene mostrato sul display in indicatore di sopraccarico. Il rumore del
motore invece è notabile quando il motore lavora con affaticamento. Se Lei
guida per una salita molto ripida e il motore fa molto rumore e non riesce a
pedalare con forza meglio smettere. Il motore ha 55Nm di coppia. Sono
sufficienti per percorsi urbani, ma ogni città è diversa quindi come nei
nostri ulteriori e-mails deve imparare a usare un livello basso se valuta che
la salita è strema. Importante in salita è non lasciare lavorare il motore da
solo, cioè pedalare lentamente e che sia il motore chi spinge tutto il peso
della bici e il ciclista.

[COMMENTO: devo averli stressati visto che questa ultima risposta non si concludeva,
come le altre, con il consueto "Non esitate a contattarci per ulteriori informazioni."]
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


26996 Messaggi

Inserito il - 20/08/2018 : 16:32:32  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sono le informazioni generiche che qualunque costruttore di bici elettriche darebbe ad un cliente, naturalmente anche per pararsi il didietro da rotture di ingranaggi e avvolgimenti: Con questo caldo far fare tutto il lavoro al solo motore significa cercare rogne...
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 20/08/2018 : 22:35:54  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un tantino esagerati...
Questa bici sale sul 10% in simbolica sia al livello 2 che al livello 6. Cambia solo la velocità e penso che il motore sforza meno a velocità più elevata in quanto si avvicina al rendimento ottimale.
Ne scrivono di caxxate..., tipo quella di scaricare del tutto la batteria ogni due mesi.
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 24/08/2018 : 23:23:50  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Hanno anche scritto che nelle salite più ripide si può usare il livello 4. Vorrei chiedergli, il livello 6 lo uso in discesa?
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11708 Messaggi

Inserito il - 25/08/2018 : 21:46:19  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Però devo dire una cosa:
io ho il manettino per cui regolo l'assistenza in modo continuo e non a livelli; ho anche il wattmetro per vedere la potenza che eroga la batteria

Quando percorro salite lunghe non vado mai col massimo di assistenza ma parzializzo in modo da non superare i 300W (a dire il vero ho anche una modalità amperometrica che fa questa cosa automaticamente, ma preferisco il manettino)
Sicuramente viaggio più lento che andando a tutta manetta, ma così sono sicuro di non surriscaldare il motore e di non affaticare la batteria

Questo utilizzo vale, per la mia bipa e per i miei muscoli, fino a pendenze del 10-12%
Se poi la salita diventa per qualche tratto più dura (e praticamente sempre in corrispondenza ai tornanti) do momentaneamente il massimo (e vedo il wattmetro schizzare a 500W)


Credo che sia questo che suggeriscono quelli della NCM



Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 25/08/2018 : 23:05:44  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Hanno ragione ma detto in quel modo confondono le idee.
Su una salita ripida metto a 6 ma se non prende velocità abbasso a 4, salgo con lo stesso sforzo e alla stessa velocità e risparmio batteria e motore in quanto la corrente superiore se non riesce a far salire di velocità si tramuta in calore.
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 25/08/2018 : 23:15:09  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Una domanda:
Sul 10% salgo a 20kmh in simbolica al livello 6
Se metto il livello 2 salgo sempre in simbolica ma a 13 kmh.
Sforzo di più motore e batteria andando al livello 2 o al 6?
Sale, comunque, in simbolica ma, ovviamente a 13 kmh impiego più tempo.
Torna all'inizio della Pagina

nn63
Nuovo Utente



23 Messaggi

Inserito il - 27/08/2018 : 00:16:00  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Mi e` arrivata la Milano+ e recensisco il suo primo uso (ascesa dal lago
di Lugano al monte Galbiga, e ritorno) nella speranza che altri
bipa-neofiti (ma pedalatori lenti e tradizionali) come me ne possano
trarre qualcosa di utile.

Bipa (Milano+ bianca, ruota 26, batteria 48V 16A) ordinata il 16 agosto,
spedita da Hannover il 17, era a Augusta (Baviera) il giorno 20 alle ore
00:30, il 21 alle 14:00 era a Como, il 22 mattina Fercam mi telefona e me
la consegna la mattina del 23.

Montaggio concluso solo il 24 a causa delle istruzioni incomplete nel
manuale riguardo il montaggio del manubrio. Peraltro neanche le ulteriori
istruzioni via e-mail mi paiono perfette:

per montare il manubrio, rimuovere prima lo schermo "Neco" e il coperchio
bianco per il trasporto. Quindi e` possibile collegare il tubo e
ricollegare il disco "Neco".

[Io avrei detto: svitare la brugola, togliere il coperchio nero "Neco",
poi il copritubo bianco. Lasciare al suo posto la rondella nera "Neco".
Poi montare il manubrio come da manuale]

La password per il menu` segreto era 8018 (non quella inviata da Leon
Cycle); impostato subito il modo "eco" ancor prima di provare la bipa.

Ruote gonfiate a 4 bar (il limite inferiore segnato sui copertoni e` 3 bar).

Il 24 tardo pomeriggio piccola verifica (un paio di km in salita, e
ritorno). Come temevo, persino il livello minimo di assistenza costringe
a velocita` per me eccessive o quasi; provato anche il livello 3, che mi
e` risultato pericoloso (la prova era su strada deserta, ma la bipa mi e`
schizzata in un tornante nella corsia opposta) e ingestibile (pedalare
per "tener dietro" la velocita` che il motore decide di tenere mi causa
il fiatone). Unico rapporto usato, quello piu` agile (48/32=1.5; le altre
corone posteriori sono a 28, 24, 21, 18, ??, 13, 11 denti): gia` sapevo
che e` un poco piu` duro di quello che uso [su bici tradizionale]
abitualmente in salita e un poco piu` agile di quanto uso abitualmente in
pianura. Notare che non mi vergogno in pianura, quando traino il
rimorchio, di esssere agilmente superato da maratoneti amatoriali che
corrono a piedi (ma per distanze ben inferiori ai 60 / 75 Km per cui tiro
il rimorchio); inoltre oggi ho verificato col contachilometri della
Milano+ che quando in discesa raggiungo i 13 Km/h comincio a turbarmi e a
17 ho forte disagio e non riesco prorio a andare oltre (anzi rallento
subito a 10 circa).

Dunque per il collaudo di oggi pomeriggio decido prima di partire quanto
segue: rapporto 48/32 (il piu` agile a disposizione) senza mai cambiarlo,
livello di assistenza 1 senza mai cambiarlo (ma vedi oltre). Dopo 3 o 4
minuti dalla partenza decido la seguente regola aggiuntiva: dare forza
sui pedali in modo da tenere le barrette del consumo del motore (quasi)
mai superiori a 4 (ovvero amperaggio quasi mai superiore a 8, stando al
manuale). Tenuto conto anche del modo "eco" impostato nel menu` "segreto"
mi sembrano regole ragionevolmente conservative sull'uso della batteria.
O sbaglio?

Incidentalmente: mi illudevo che il modo "eco" usasse, rispetto ai modi
"normale" e "power", una accelerazione minore ma costante per
raggiungerele la velocita` di crociera del livello di assistenza
impostato. Invece la accelerazione non e` affatto costante: il motore
dorme per lunghi secondi, poi da una bella botta. No, neanche il modo
"eco" puo` dirsi "naturale".

Il percorso: qui in zona ci sono percorsi interessanti sia su asfalto e
sterrati leggeri che su stradine e sentieri piu` accidentati (che non
intendo certo percorrere sulla Milano+, e dunque qui tralascio).

Cfr. https://www.bdc-mag.com/forum/threads/gf-valle-intelvi.84752/

Io sono partito da circa 370m slm (su una strada secondaria che parte dal
lago di Lugano e sfocia sulla starda principale dell'Intelvi), per
arrivare in cima al monte Galbiga (1698m slm), ma pedalando in sicurezza
si arriva solo poche decine di metri sopra il mini osservatorio
astronomico (1600m slm) e il resto si fa su un sentierino su cui e`
d'uopo portare a mano la bipa (meno male che in questo millenio hanno
fatto questo sentierino poco pendente e con tornante; circa 40 anni
orsono ho spananto il filetto del pignone posteriore piu` grande di uno
dei primi rampichini salendo per l'unico sentierino allora esistente).

Ho seguito la strada principale della val d'Intelvi (con velocita` mi
pare intorno ai 10 o 11 Km/h) fino al bivio della strada secondaria per
Ponna. Ho fatto questa strada secondaria (e non la principale che passa
da Laino per andare a Ponna, strada che invece faccio abitualmente ogni
anno quando salgo al Galbiga in bici muscolare) perche' questa secondaria
ha tratti pendenti che volevo provare. Dopo una discesa di circa un Km
con pendenza indicata da un cartello al 20%, una salita un poco piu`
lunga e di pendenza un poco inferiore porta a Ponna inferiore (velocita`
tenuta: tra 7 e 9 Km/h, a seconda della pendenza); il tratto da Ponna
inferiore a Ponna di mezzo e` "normale" (pendenze e velocita` circa come
la val d'Intelvi, forse un pochino meno dura) e poi arriva il tratto da
Ponna di mezzo a Ponna superiore: la pendenza e` per almeno un Km sempre
attorno al 20% (quando sono passato la prima volta quasi 40 anni orsono
un vecchio seduto alla porta della sua casa all'inizio del tratto mi ha
detto, traducendo dal dialetto: vai piano, figliolo, che nessuno e` mai
passato di qui [sottointeso, in bici]). Secondo me i tratti piu`
pendenti, verso la fine, sono del 25% circa (confrontandoli "a occhio e
pedalata" col tratto che l'url indicato sopra dice essere del 25%).
Come previsto la Milano+ ha tranquillamente superato la prova (solo un
attimo sono sceso sotto i 7 Km/h di velocita`, e solo un attimo ho avuto
un inizio di fiatone. Ribadisco che ho fatto tutto in eco con assistenza
1, la minima, e che queste basse velocita`, tra 5 e 10 Km/h, sono quelle
con coi mi muovo abitualmente in muscolare, ovviamente non con tali
pendenze, e quindi non avevo il disagio psicologico che nei tratti meno
pendenti della val d'Intelvi avevo a causa del superamento dei 10 Km/h).

Arrivato a Ponna superiore su una strada che non facevo da anni, ho
sbagliato strada e al posto di finire sulla strada asfaltata che porta al
Boffalora passando per il Tellero ho preso una strada secondaria che
porta al Tellero, strada che presto diviene un ciotolato (come un pave`
ma con pietre un poco piu` piccole e molto piu` arrotondate); per un buon
pezzo la Milano+ ha proseguito bene (nonostante il fondo fosse meno
agevole di uno sterrato leggero) ma a un certo punto la velocita` e`
scesa stabilmente sotto i 6 Km/h e anche aumentando l'assistenza a 3 la
velocita` non aumentava (notare che la pendenza era tranquilla,
certamente ben inferiore al 15%, il problema immagino fosse la non
adeguata aderenza alla strada per la disconnessione del fondo).
Immediatamente mi sono fermato e ho proseguito con la camminata assistita
(che in salita ha per me velocita` umane di 3 o 4 Km/h, mentre in piano
corre troppo veloce per me a 6 Km/h). Al Tellero (poco sotto il laghetto)
la strada si ricongiunge con la strada asfaltata principale, e da poco
sopra il Tellero al Boffalora la strada e` uno sterrato leggero
praticamente in piano in cui si viaggia tranquillamente tra gli 11 e 13
Km/h. Pochissimo prima del Boffalora comincia la strada per il rifugio
Venini, strada asfaltata con pendenza del tipo dell'Intelvi (solo una
livemente maggior escursione tra pendenza massima e minima), e dunque
velocita` simili. Dal Venini sale lo sterrato leggero e mediamente
pendente per l'osservatorio, brillantemente superato. Ma immediatamente
prima nel Venini, nel tratto praticamente in piano che lo precede, mi
accorgo che le barrette della batteria sono scese a due sole. Non solo:
quando sul sentierino finale scendo e faccio partire la camminata
assistita, immediatamente le barrette scendono a una sola. Interrompo
subito la camminata assistita (il che riporta a due le barrette) e
proseguo senza assistenza, arrivando comunque senza affanno in vetta con
la bipa a mano. Il panorama e` buono per la stagione (il vento notturno
ha pulito il cielo), ma ritorno rapidamente indietro. Decido di
proseguire senza assistenza anche se la mia abituale strada per il
ritorno, non coincidente con quella dell'andata, prevede dei tratti in
salita: al ritono passo da Pigra e non da Laino, dunque ho ancora un Km
circa di salita da fare (con pendenza del tipo dell'Intelvi), a partire
dal Boffalora, per scollinare e andare verso Pigra; la bipa si comporta
bene anche senza assistenza (e pure io vado bene, almeno la salita
precendete con assistenza ma non troppo e` servita da allenamento!) e
tengo velocita` fino a 9 Km/h senza particolare fatica fisica (ma
soprattutto senza la per me NOTEVOLE fatica psicologica di dover star
dietro a un motore che decide lui la velocita`). Nella discesa verso
Pigra, come altre volte mi e` capitato, scendo e proseguo a piedi (la
discesa e` tutta all'ombra e tra le piante, e io soffro alquanto il
freddo); rispetto alle discese con bici normali pero` c'era una
aggravante: non riesco assolutamente a digerire il molleggio della ruota
anteriore (si dovrebbe regolare girando delle "vitone" nascoste da
coperchietti di plascica, ma secondo me quando ho cercato di regolarle
hanno girato a vuoto), ogni volta che freno in discesa (e freno tanto,
come avrete capito) mi viene il mal di mare e inoltre mi sembra sempre
che la forcella non sia ben salda (anche se invece lo e`). Nessun
problema con l'ulteriore breve tratto di salita prima di san Fedele, in
cui non entro prendendo prima la strada secondaria che porta all'oratorio
di San Rocco e poi a Laino senza passare per la strada principale. Da
Laino a destinazione per la strada principale, tutta in discesa.

Resta la sorpresa per essere riuscito a quasi scaricare la batteria da
48*16=768 della Milano+, e resta la non-sorpresa dell'essermi tovato
meglio nella parte senza assistenza che nella parte con assistenza
elettrica. Senza assistenza = maggior energia spesa, ma minor potenza di
picco impiegata in quanto decido io la velocita` (almeno finquando i
rapporti sono adeguati, e quelli della Milano+ per me non lo sono tranne
il piu` agile, ma solo in salite tranquille e in piano); evidentemente a
me da molto piu` fastidio la potenza di picco che l'energia totale: sono
piu` un maratonenta che un centometrista (anche se non sono minimamente
nessuna delle due cose).
Torna all'inizio della Pagina

CLAUDE55
Utente Normale


Lombardia


78 Messaggi

Inserito il - 27/08/2018 : 08:00:33  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Complimenti, un bel report molto dettagliato!

Prendi tempo per conoscere meglio la bipa, e con maggior confidenza del mezzo sicuramente dimezzerai i problemi riscontrati.
Per i particolari tecnici ti lascio a chi ne sa più di me. (regolazione ammortizzatore ecc..)

Sappi solo che io, che ho pure una Milano, riscontro inconvenienti opposti, quindi è tutto soggettivo, legato a forma fisica e remore psicologiche (velocità..!!)

Goditela, e aprezzala. E' una gran bella bici!
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom1961
Utente Senior



Campania


1669 Messaggi

Inserito il - 27/08/2018 : 10:59:51  Mostra Profilo Invia a Sergiom1961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Io la tengo su "power" e al livello 4 è mi ci sono trovato a mio agio da subito. In discesa supero tranquillamente I 45kmh senza nessuna apprensione.
Per quanto riguarda la batteria, l'hai messa a caricare prima di usarla?
Inoltre 1300 metri di dislivello ma in quanti chilometri?
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 22 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 1,53 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.