Immagine
 Logo del sito tratto da Ruota a raggi risalente al 2000 AC esposta al Museo Nazionale dell'Iran... di Job
 
"
Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Articolo
Scalata Monte Zoncolan
Di Job (del 02/01/2007 @ 18:30:36, in dBlog, linkato 14669 volte)
Un paio di settimane fa mi capita sotto gli occhi quest'articolo del giornale locale e... mi viene un'idea malsana... vuoi vedere che con la mia e-bike vado dove Cunego ha dovuto rinunciare????



Secondo il mitico sito www.salite.ch questa salita è data come la quinta in Italia per difficoltà (clicca sopra per vedere il grafico):

Scanuppia - Malga Palazzo
da Besenello, Trentino Alto Adige
7.5 km 198 msm 1515 msm 1317 m 17.6 % 320.85
Edelweiss
da Bolzano, Trentino Alto Adige
7.2 km 302 msm 1351 msm 1049 m 14.6 % 244.81
Alpe Fuori
da Preglia, Piemonte
9.01 km 288 msm 1495 msm 1207 m 13.4 % 241.12
San Genesio - Edelweiss
da Bolzano, Trentino Alto Adige
6.9 km 293 msm 1351 msm 1058 m 15.3 % 234.29
Monte Zoncolan
da Ovaro, Friuli Venezia Giulia
10.5 km 525 msm 1735 msm 1210 m 11.5 % 220.83


Detto, fatto. E' il 29 dicembre 2006, olio la mia Flyer T4, carico la batteria, l'attacco al portellone del fuoristrada e raggiungo Ovaro, Carnia, Friuli Venezia Giulia.
E' una giornata di sole, temperatura sui 3°C, l'attrezzatura è la solita: abbigliamento da città, GPS e termometro. Poncho, merenda , guanti e colbacco nella borsa sul portapacchi.
L'inizio non è un gran che, tanto per scaldarsi. La salita vera inizia dopo l'abitato di Liariis:


Al km 1 altitudine 670m si oltrepassa la simpatica chiesetta del Carmine:


Al km 1,5 siamo a Liariis





Si comincia a far sul serio... primo drittone al 14%, attivo lo "spunto" col tasto "hi"




km 2,8 h 753: Il vero martirio inizia dopo questo cartello e ai ciclisti "veri" consiglio di bere alla fonte perchè dopo vedranno i sorci verdi.




Ma cosa vedono i miei occhi? La strada è chiusa con i lucchetti! E certo, per i professionisti del giro d'Italia bisognerà tirargliela come un biliardo.





Io pero' non sono venuto per niente, non sarà certo questo a fermarmi, aggiro il cancello e riparto...




La salita si snocciola senza tregua e senza pause, solo in prima marcia e con lo "spunto" sempre inserito ce la faccio, l'unica alternativa per consumare un po' meno è togliere lo spunto e pedalare in piedi (sembra di fare step). Ovviamente la velocità è ridotta a 7/8 km/h. La temperatura è sotto i 2°C

Dopo 5,3 km 1174 m.s.m. prime avvisaglie di ghiaccio e neve

Pedalare con questo terreno non è certo facile

Poco prima del sesto km c'e' un crocifisso... neanche farlo a posta da lì a poco parte il tratto piu' duro in assoluto 500 metri al 20,3%

Proprio sul tratto più dura inizia neve continua su tutta la carreggiata...

Quando si vede questa capanna si è sul rettilineo con piu' pendenza:

Non ho una bicicletta, questo è uno spazzaneve...

al km 7,5 ho visto la madonna...

Quando mancano 2km e mezzo alla vetta la salita si fa più dolce, il panorama mozzafiato ma la neve è sempre di più...

Si arriva al bivio per la malga pozof, il peggio sembra essere alle spalle...

Un cartello abbattuto cerca ancora di bloccarci ma noi andiamo avanti, si sente odore di impresa ormai...

Il panorama da qua su è mozzafiato... e si vedono le nebbie che abbiamo lasciato in pianura

La vista si apre sul monte Tamai

ULTIMO CHILOMETROOOO...

Argggggghhhh!!!, dimenticavo le ultime forche caudine... le 3 famigerate gallerie finali...
la prima:

Non finiro' infilzato allo spiedo come nei films di Indiana Jones?

Sono in un buio mondo di cristalli...

Seconda galleria...

Terza galleria: qui mi passano tre quad che rendono la neve polverosa e si sprofonda sempre più...

Sono fuori dai tunnnnelelelelelè...

Ma non è ancora finita, ci sono ancora 4 impegnativi tornanti finali...

Ragazzi, qui la neve è così alta che neanche i quad riescono ad andar su, mi tocca farmela tutta a piedi, ma almeno io salgo loro si piantano...

Al cartello del sentiero per il monte Tamai mancano solo 50 metri allo scollinamento...

Ce l'ho fattaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!

ragazziii, ma qui sopra ci sono le piste e gli sciatori mi guardano strabuzzando gli occhi.

Dal cucuzzolo c'e' una vista a 360°

Ovviamente adesso mi aspetta una discesa da tregenda,

...ma se ho scritto questo reportage, vuol dire che è andata bene non senza patemi... dalla scia che lascio potete capire la tecnica: discesa a serpentina con pedalate che affondano nella neve!!!

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
Ci sono 18606 persone collegate

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
dBlog (7)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
complimenti, belliss...
31/05/2007 @ 19:24:54
Di felice
oggi per la prima vo...
31/05/2007 @ 00:00:18
Di pietro
complimenti mai vist...
30/05/2007 @ 21:40:13
Di stefano

Titolo
Art (2)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
Per te cos'e' piu' importante in una bicicletta elettrica?

 L'autonomia
 La robustezza
 La potenza
 L'economia di acquisto e gestione
 Il servizio di assistenza
 Non sudare
 La capacità di andare in salita
 Non lo so
 Niente, fa schifo e basta

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...




21/09/2017 @ 09:01:26
script eseguito in 66 ms