Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (job o pixbuster)

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Esperienze di viaggio e non solo
 Trento Bondone Paganella e ritorno

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista Insert YouTube
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
Clicca qui per sottoscrivere questa Discussione.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
Mister D Inserito il - 07/06/2020 : 21:34:27
Approfittando della bellissima giornata nel giorno della Festa della Repubblica, il 2 giugno 2020, con il mio amico Massimo, abbiamo deciso di affrontare un giro da tempo pianificato. Non avevamo informazioni certe su alcuni tratti, nè della lunghezza, nè del fondo stradale, nè della pendenza. Anche sulla nostra resistenza avevamo qualche preoccupazione perchè, sebbene in buona forma, l'età comincia a farsi sentire.
La partenza è stata concordata alle 11 nei pressi della stazione ferroviaria di Villazzano, sulla collina est di Trento, lungo la linea ferroviaria Trento-Venezia, punto nel quale le nostre
strade convergevano.
Immagine:

164,67 KB

La dotazione era generosa: una bipa bi-ammortizzata a testa, doppia batteria per un totale di 1KWh per me (Bosch 500X2), 800Wh per Massimo (Yamaha 400+400), gommatura stradale rinforzata per me (Schwalbe Super MotoX), fuoristrada rinforzate per lui (Schwalbe
Marathon Plus MTB). Essendo dotato di portapacchi la seconda batteria Yamaha era insiema ai miei bagagli nelle fidate sacche laterali anti-pioggia Ortlieb.
Il percorso prevede la discesa verso il centro città, circa 110 metri più in basso. Arrivati in città si prosegue lungo la ciclabile dell'Adige in direzione nord fino alle indicazioni
per Riva del Garda. La strada statale si inerpica sulle pendici del monte Bondone fino al punto in cui il transito alle biciclette è vietato, per la presenza di alcune gallerie. I ciclisti devono seguire la segnaletica e deviare verso Sardagna-Candriai, strada poco trafficata. Noi abbiamo utilizzato una "scorciatoia" per tagliare i primi tornanti utilizzando il vecchio e
ripidissimo tracciato. Qui, alcuni anni fa, si fuse la mia motoruota Bionx, ma la pendenza è
veramente elevata!
Immagine:

223,15 KB

Immagine:

197,26 KB

Immagine:

216,91 KB

Arrivati a Sardagna (565m.) la pendenza diminuisce leggermente e si può riprendere un po' di fiato.

Immagine:

190,6 KB

Per gli amanti dei motori Sardagna è famosa come punto di ritrovo per assistere alla gara
automobilistica di corsa in salita Trento-Bondone, che si corre annualmente i primi di luglio.
C'è anche una sezione con auto d'epoca veramente interessante: le vecchiette, se ben tenute,
hanno ancora prestazioni di buon livello. Naturalmente in quei giorni la gara è strettamente
"Greta Free" e si respirano a pieni polmoni benzene e altre esalazioni. Poi, per la legge del
contrappasso, tutto il resto dell'anno si va a pedali o elettrici! (Chissà se quest'anno si terra?)

Immagine:

135,74 KB

Immagine:

168,82 KB

Arrivati al passo del Camponzin (815m.) si comincia a scendere nella Valle dei Laghi. Si attraversa la statale per Riva del Garda a Vigolo Baselga e si scende verso il centro sportivo. Lungo questa stradina abbiamo incontrato dei simpatici amici che ci sono venuti incontro per salutare.

Immagine:

240,08 KB

Superato il centro sportivo si arriva a Terlago (456m.), ameno paesino lacustre che offre due laghi "biotopo" naturalistici
Immagine:

266,91 KB

ed uno balneabile attrezzato con un curioso "skilift" con cavo sospeso sopra il lago per praticare sci d'acqua e numerosi ostacoli con difficoltà diversificata: deve essere proprio
divertente!
Immagine:

199,05 KB

Da Terlago si prosegue verso Covelo

Immagine:

150,78 KB

poi Ciago

Immagine:

180,92 KB

e Lon con la bella chiesetta

Immagine:

237,18 KB

Immagine:

148,46 KB

La strada si inerpica lungo una parete rocciosa a picco sulla Valle dei Laghi
Immagine:

170,78 KB

Immagine:

157,84 KB

Immagine:

169,92 KB

Lungo la strada si può osservare questo inquietante accesso protetto da una cancellata:
Immagine:

198 KB

Immagine:

173,88 KB

pare l'ingresso dell' Inferno, ma si tratta di una galleria di ispezione delle condotte forzate
che portano l'acqua dal lago di Molveno, nostra meta da raggiungere, fino alla centrale
elettrica di Santa Massenza, adiacente al lago di Toblino sottostante.

Immagine:

179,07 KB

Si vede in basso il bellissimo lago di Toblino con il castello rinascimentale utilizzato dal Principe Vescovo Bernardo Clesio negli anni del Concilio di Trento (1545-1563).

Immagine:

236,81 KB

Arrivati a Ranzo (739m.), paesino accessibile esclusivamente dalla strada panoramica percorsa, la strada diventa sterrata, ma mantiene una dimensione ragguardevole. Si tratta, infatti, di una strada "fantasma", un progetto interrotto che doveva collegare Ranzo con il lago di Molveno e le Valli Giudicarie. Se fosse stata completata la strada panoramica, da semi-deserta, sarebbe diventata una arteria turistica super-trafficata. Tutto sommato credo sia meglio così!

Immagine:

231,42 KB

Sul lato sinistro la strada è a picco sulla impressionante e selvaggia forra scavata dal fiume Sarca. Al termine della forra sono visibili i paesi delle Valli Giudicarie.
Immagine:

239,5 KB

Immagine:

234,21 KB

La strada prosegue nel bosco stringendosi un po' ma rimane sempre, se si esclude qualche saliscendi, comodamente percorribile.
Immagine:

302,2 KB

Immagine:

246,91 KB

Si attraversa una zona selvaggia, ma bellissima. In mezzo ad una pietraia questo alberello ci mostra come la vita tenda a contrastare le difficoltà e, in questo periodo, mi è stato di conforto (anche se mi pare un po' secco).
Immagine:

247,9 KB

Arriviamo al laghetto di Nembia, una sorpresa per quanto è bello e curato. Metà della spiaggia è riservata ai padroni di cani che si possono godere una bella giornata rilassata insieme al loro compagno a quattro zampe
Immagine:

215,92 KB

Saliamo lungo questo canale attraverso il bosco ed arriviamo alla nostra agognata meta: il lago di Molveno.
Immagine:

245,67 KB

Immagine:

199,2 KB

Questo lago è veramente splendido, ai piedi delle Dolomiti di Brenta. Un sentiero ciclo-pedonale lo circonda ed il lago è molto più grande di quanto lo ricordassi. Se si viene in vacanza qui il
giro del lago è già una ottima attività fisica, oltre che un piacere per lo spirito.
Immagine:

287,57 KB

Immagine:

117,98 KB

Questo strano scivolo su binari ha la funzione di far scorrere delle saracinesche per chiudere l'imbocco della condotta forzata nella eventualità che sia necessario ispezionarla. La condotta porta l'acqua alla centrale elettrica di Santa Massenza.
Immagine:

283,62 KB

Immagine:

230,5 KB

Per i più sportivi da Molveno partono bellissimi sentieri dolomitici, anche molto impegnativi, ma gratificanti.
Immagine:

213,51 KB

Immagine:

178,98 KB

Superato Molveno (864m.) abbandoniamo i sentieri perchè sono ormai le 17:30 e non abbiamo molto tempo per tornare. Il traffico, sulla Statale per Andalo, è intenso (nonostante il turismo da fuori regione apra solo il giorno successivo 3 giugno), ma la strada è larga e siamo abbastanza tranquilli.
Passiamo per Andalo (1040m.), località prevalentemente turistica sulle pendici della Paganella: i numerosi alberghi sono ancora chiusi, speriamo aprano presto con le precauzioni necessarie, perchè il posto è bellissimo.
Immagine:

167,99 KB

Superato Andalo ci troviamo davanti un panorama dell'intera Val di Non, famosa per la coltivazione delle mele e per i numerosi castelli, nonchè per il meraviglioso Santuario di S.Romedio. Si raggiunge percorrendo a piedi un canyon ed è arroccato su una roccia all'interno di una valle rocciosa: da visitare.
Immagine:

149,56 KB

Ci dirigiamo verso Fai della Paganella (958m.), paese turistico, ma anche residenziale con molte abitazioni per le vacanze. Per un breve tratto è visibile la Valle dell'Adige con la città di Trento, 800 metri più in basso.
Immagine:

140,47 KB

In questo punto vi era la stazione di arrivo di una funivia che collegava il paese di Zambana Vecchia con Fai della Paganella. Il paese di Zambana Vecchia fu quasi completamente distrutto tra il 1955 e il 1956, sepolto sotto più colate di pietre e detriti staccatisi dalla parete sovrastante della Paganella e l'impianto fu dismesso. Il paese di Zambana Vecchia fu evacuato e fu fondata Zambana Nuova. Dal 1993 Zambana Vecchia è stata dichiarata sicura, ad eccezione di un'area recintata, e sta riprendendo vita con fattorie e agriturismi.

Una breve sosta nella bella piana di Fai della Paganella
Immagine:

190,9 KB

Scendiamo da Fai della Paganella lungo infiniti tornanti, 15 chilometri senza tregua che mettono a dura prova i nostri freni.
Immagine:

169,53 KB

Ne sono prova prima i sibili, poi i latrati provenienti dal mio mezzo che, a pieno carico, credo raggiunga i 35Kg!
Arriviamo finalmente nella Piana Rotaliana attraversando Mezzolombardo.
Immagine:

156,93 KB

Ci portiamo lungo il torrente Noce, proveniente dalla Val di Non, e percorriamo la bellissima ciclabile.
Immagine:

178,32 KB

La pista prosegue poi attraverso i vigneti del pregiato Teroldego, vino rosso tipico della zona molto corposo e aromatico.
Immagine:

152,09 KB

Percorriamo una curiosa passerella ciclabile che costeggia la ferrovia Trento-Malè-Mezzana, una ferrovia elettrica che porta da Trento in val di Non e Val di Sole attraversando paesaggi incantevoli.
Immagine:

226,3 KB

Immagine:

157,81 KB

Superata la stazione di Grumo-San Michele all'Adige ci innestiamo con la ciclabile della valle dell'Adige che collega Verona con il Passo del Brennero.
Immagine:

150,46 KB

La strada prosegue pianeggiante, ma il vento contrario della sera che soffia da sud a nord, ci costringe a tenere un po' di assistenza. Siamo comunque tranquilli, il grosso è ormai fatto.
Immagine:

112,98 KB

Arriviamo a Trento passando per il quartiere delle Albere, un avveniristico progetto di Renzo Piano edificato nell'area della storica fabbrica di pneumatici Michelin, fonte di reddito per molti operai della città nei decenni passati. In fondo al viale principale sorge il Muse, il museo delle scienze di Trento,
già riaperto dopo il periodo di isolamento.
Immagine:

187,53 KB

Risaliamo la collina est e ci fermiamo per tirare le somme. Sono le ore 21

Immagine:

139,5 KB

Immagine:

573,7 KB

i chilometri percorsi sono 102,7, il dislivello affrontato (salita) è di 1764 metri, le ore impiegate sono 10, dalle 11 di mattina alle 21 di sera. Le gambe stanno bene, il fondoschiena un po' meno. La situazione batteria è: 35% residuo nel Bosch Performance CX con 1KWh, 60% residuo sulla seconda batteria da 400Wh per Yamaha. La assistenza utilizzata è stata Eco/Tour per Bosch (Sport su brevissimi tratti), EcoPlus/Eco per Yamaha (Standard per alcuni tratti controvento negli ultimi chilometri). La soddisfazione è molta per aver completato un giro che presentava alcuni punti ignoti, ma il gusto dell'avventura, sempre con la giusta dose di moderazione, ha prevalso e ci ha fatto scoprire questo itinerario che condivido con piacere!
Un saluto da Marco!
13   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
Bilbo Inserito il - 24/07/2020 : 07:11:38
bellissimo giro, peccato che le bici si vedano poco....
pilotaDD Inserito il - 24/07/2020 : 06:59:37
Certo, 1000 Wh sono tanti ma sono tanti anche i km e i dislivelli che fai tu

Complimenti davvero.


Mister D Inserito il - 24/07/2020 : 00:00:39
pilotaDD ha scritto:

vedo solo ora questo bel report
Ma ...batteria Bosch da 1000kwh? Da dove spunta fuori? Forse sono due da 500 in parallelo?

Sì, ho utilizzato per il giro una Riese&Müller dotata di "dual battery", una interna al tubo obliquo (power tube da 500Wh), l'altra un Power-pack esterno da 500Wh fissato sul coperchio della batteria interna. E' un allestimento opzionale che va richiesto fin dall'inizio, fino all'anno scorso non si poteva applicare in seguito, adesso alcune case lo consentono (ad esempio Scott).
Le batterie sono in parallelo e il consumo avviene quasi contemporaneamente, o meglio in rapida alternanza, una batteria scende del 2%, poi lo fa anche l'altra è così via.
Per una bipa con allestimento turismo, con portapacchi, fari e borse, è una grande tranquillità avere 1Kw totale di capacità per completare i giri più lunghi.
C'è da dire che, se non si fa un po' di attenzione ai livelli di assistenza, l'energia si esaurisce più in fretta di quanto ci si aspetti. In un precedente giro, sempre con il mio amico Massimo, su 60km di giro abbiamo esaurito completamente una batteria Yamaha 400 Wh (usata con attenzione) e, sull'altro bipa, il 75% delle 2 batterie da 500Wh in parallelo, per un totale di 750Wh, usando l'assistenza senza alcun riguardo!
Big Steak One Inserito il - 23/07/2020 : 23:32:22
Complimenti Mister D. Dal 16 al 25 settembre andrò ad Andalo con la mia compagna. Mi porterò la Kenevo e la Vulcano(per lei) sperando sia almeno adatta a mollare l'auto. Almeno un paio di giorni al Bikepark e tutto il resto a scorrazzare e scoprire le bellezze naturali del posto. Grazie per il dettagliatissimo report
pilotaDD Inserito il - 23/07/2020 : 22:27:47
vedo solo ora questo bel report

bei posti, belle foto, bello tutto!

Ma ...batteria Bosch da 1000kwh? Da dove spunta fuori? Forse sono due da 500 in parallelo?
Angy Inserito il - 09/06/2020 : 19:13:16
BELLISSIMO REPORT e complimenti per averci insegnato la strada da Ranzo al lago di Nembia (Jobike meglio di google)
Miura72 Inserito il - 09/06/2020 : 17:04:13
Bei posti io da bimbo andavo in vileggiatura a San Lorenzo dove cè una piscina olimpionica e li ho imparato a nuotare strano imparare a nuotare in montagna e ricordo molto bene anche il lago di Molveno alimentato dai ghiacciai tutto attorno complimenti anche per la distanza bravi
vittorisk Inserito il - 09/06/2020 : 13:40:40
Bello
Bravi
Grazie
leonardix Inserito il - 09/06/2020 : 13:12:52
Che meraviglia di giro, e di report!!!
Un tempo sarebbe scattata la certificazione all'ingresso nel "club dei 100" in un giorno... erano i tempi in cui il massimo era un vecchio panasonic ed una batteria da 300Wh era considerata già abbastanza capiente, in ogni caso riapriamo le porte del club e benvenuti!

Per gli appassionati di storia antica su jobike... robetta del lontanissimo 2009!
http://www.jobike.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=26351
job Inserito il - 08/06/2020 : 12:50:27
Super !
adriM Inserito il - 08/06/2020 : 09:22:48
Report bellissimo, grazie.
Adrilui Inserito il - 07/06/2020 : 23:06:02
Che dire...Chapeau! E che posti...
luc_maz48 Inserito il - 07/06/2020 : 21:45:05

Non ho parole da esprimere la soddisfazione provata nel visualizzare cotanza bellezza!
Bravo @Mister D. immagini caricate in un momento, una bellissima visione di... paraboliche, tornanti e panorami da sogno!

P.s.: come si vede la fine della... "chiusura" da tutti rispettata!

Grazie Marco, sei un grande!


Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,22 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.