Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Il meglio di
 E-ciclopedia
 ---- STORIA ----
 Forum Bloccato  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11745 Messaggi

Inserito il - 30/03/2008 : 23:06:26  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato
I fatti salienti che hanno portato alle biciclette a pedalata assistita


L’inizio di tutto è l’invenzione della ruota, avvenuta alcune migliaia di anni a.C.
L’esemplare più antico che è giunto fino ai nostri tempi è questa ruota assira a raggi del 2000 a.C.

Immagine:

28,32 KB

Essa è conservata nel Museo Nazionale di Teheran (Iran)
E ad essa si ispira il logo del nostro Forum

L’utilizzo della ruota, però, rimase legato ai carri, tipicamente a quattro ruote e a trazione animale o a cocchi da guerra a due ruote sullo stesso asse

Verso la fine del 1400, Leonardo daVinci, come scoperto nel “codice atlantico”, disegnò lo schizzo di una bicicletta molto simile a quelle attuali
Ma la cosa rimase allo stadio di studio, sembra senza realizzazione pratica

Immagine:

8,22 KB

Il 20 marzo del 1800, Alessandro Volta presenta alla Rojal Society inglese il progetto della “pila elettrica”
Questa invenzione permetterà di disporre di una sorgente continuativa di elettricità; fino a quel momento le uniche sorgenti erano l’elettricità statica e i fulmini, entrambe poco utilizzabili praticamente
(Il forum ha adottato questa data, che precede di un giorno l’inizio della primavera, come “festa ufficiale”)

Immagine:

96,11 KB

Nel 1817, Karl Drais, nato in Germania, costruì la “draisine”, progenitrice delle biciclette moderne, che non aveva i pedali e si spingeva con i piedi sul terreno

Immagine:

21,32 KB

Nel 1859, Antonio Pacinotti realizzò il suo “anello” che fu il primo motore/generatore elettrico
(motori e generatori elettrici sono in realtà la stessa cosa come spiegato alla voce “motori elettrici”)

Immagine:

52,82 KB

Nel corso dell’ottocento, le biciclette presero varie forme e furono tentare molte soluzioni costruttive
Per arrivare, verso fine secolo, a biciclette strutturalmente e meccanicamente molto simili a quelle ora in uso
Questo modello è del 1890

Immagine:

24,05 KB

Nel ‘900 furono tentati vari esperimenti e presentati vari prototipi di biciclette elettriche, ma la scarsa capacità ed il grande peso delle batterie, impedirono il loro utilizzo pratico

Questo è il primo triciclo elettrico: the Ayrton & Perry Trike of 1881

Immagine:

12,81 KB

Questi brevetti sono dell'agosto 1900

Immagine:

47,63 KB

Questa è la Spacelander di Benjamin Bowden presentata nel 1946:
un disegno fenomenale e con una tecnica avveniristica: aveva un motore elettrico che funzionava anche da generatore per il recupero dell'energia nelle discese


fonte: http://blog.modernmechanix.com/2008/02/01/electric-bike/

Verso la fine del XX secolo, con la realizzazione delle batterie al piombo sigillate (che pur rimanendo pesanti garantivano l’erogazione di forti correnti anche con elementi di piccola dimensione) e con l’arrivo delle più leggere batterie Nichel-Cadmio, si poterono finalmente costruire delle biciclette elettriche utilizzabili

Bici elettriche piuttosto rudimentali cominciarono a circolare in giappone a metà anni '80 ma il punto di svolta sembra essere il "pas prototype" della Yamaha brevettato nel 1989, praticamente la prima vera pedelec

Nel 1991 intanto il consiglio nazionale delle ricerche cinese indicò la bici elettrica come uno dei progetti prioritari, avviando il processo che condusse dalle 40000 unità vendute in quel paese nel 1998 ai 10 milioni del 2005 (e i 40 milioni di utilizzatori attuali)

Nel 1994 la Yamaha iniziò la commercializzazione della sua bicicletta a pedalata assistita

Immagine:

8,85 KB

Nel 1995 la Biketec (Svizzera) realizzò la prima Flyer e ne iniziò la produzione in serie nel 2001

Immagine:

18,89 KB

Nello stesso periodo anche altri Costruttori affermati iniziarono la commercializzazione dei primi modelli di biciclette elettriche, avviando, per la prima volta, la loro diffusione in Italia

Aprilia col modello Enjoy
Immagine:

52,23 KB

Mercedes
Immagine:

21,35 KB

Piaggio con il modello Albatros
Immagine:

9,06 KB

Atala - Oxygen
Immagine:

24,17 KB

Queste biciclette introdussero, per la prima volta, il concetto di “pedalata assistita”, ovvero non erano biciclette spinte da un motore elettrico, ma veicoli in cui la forza muscolare del ciclista veniva sommata e integrata dal motore elettrico

Una curiosità: il termine pedelec per distinzione dall'e-bike (cioè bici solo elettrica) è stato coniato nel 1998 nella sua tesi di laurea da Susanne Bruesch, attuale responsabile della comunicazione di Extraenergy

Un vuoto legislativo, ovviamente dovuto alla novità di questi progetti, permise però il proliferare di biciclette in cui non era necessaria la pedalata per mantenere in funzione il motore elettrico

Nel 2002, venne emanata una Direttiva Europea (la 2002/24/CE) in cui veniva definita la potenza dei motori e le modalità di assistenza alla pedalata, rendendo di fatto “fuorilegge” le biciclette in cui il motore non aveva bisogno della pedalata per attivarsi e mantenersi attivo
Questa direttiva venne recepita in Italia nel 2003 (31 gennaio) diventando parte integrante del Codice della Strada

Alle batterie al Piombo e al Nikel-Cadmio, si affiancarono rapidamente nuovi tipi come quelle al NiMH e al Litio, consentendo maggiore leggerezza, aumentata autonomia e maggiore longevità

Verso la metà del 2006, con la comparsa della sezione dedicata alle pedelec nel forum della FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), un nucleo di appassionati cominciò a trovarsi ponendo le basi per la nascita del Jobike-Forum


Il 24 gennaio 2007 nasce ufficialmente questo Forum, con la pubblicazione del suo Manifesto e del suo Regolamento







ultima modifica : 04 aprile 2008
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Forum Bloccato  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,37 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.