Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Prove e collaudi
 Pix test n. 52 - TCM FRISBEE 049
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 12/11/2014 : 01:07:07  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Questo è un nuovo modello della TC-Mobility, presentato all’Expobici 2014

Si chiama
FRISBEE 049


E’ realizzato dalla TCMobility di Bolzano ed è l’erede della diffusissima Frisbee Euro7
[ www.frisbee.eu ]

Riprende l’aspetto e molte delle soluzioni tecniche già presenti sulla sorella maggiore Dolomites/Atlas con cui condivide anche l’elettronica ed aggiunge particolari adatti ad un uso quotidiano da “commuter”









E’ disponibile anche in colore bianco




Il modello in prova mi è stato gentilmente messo a disposizione dalla stessa Ditta costruttrice e l’ho “spremuto” per 400 km abbondanti



IN BREVE

E’ l’erede della diffusissima Frisbee Euro7 e riprende molte soluzioni tecniche della sorella maggiore Dolomites/Atlas

Il telaio è stato progettato completamente dalla TCM ed è in alluminio di particolare solidità per la presenza di rinforzi interni ai tubi
E’ pensato per avere elasticità all’anteriore per avere confort in marcia e indeformabilità nella zona posteriore per poter scaricare bene sulla ruota la propria potenza muscolare
Non presenta “svirgolamenti” nemmeno ai 50km/h raggiunti in discesa
Il peso è di 22.8kg
Il cambio è costruito appositamente per la TCM per ottimizzarlo sulla forma del carro posteriore; è preciso e rapido
Ha 8 marce e consente sia di spingere in discesa, sia di marciare in salita anche a 8km/h
I pneumatici sono da 24”x1.95” e sono polivalenti: hanno grip anche sul bagnato e su fondi soffici, ma si sconta una minore scorrevolezza
Il portapacchi posteriore ha una portata di 25kg e consente agevolmente il montaggio del seggiolino per bimbi
La 049 ha accorgimenti specifici per resistere bene a pioggia e gelo

I freni sono V-Brake: morbidi e potenti; lo spazio di frenata da 25km/h è risultato di 3.6 metri: buono
Non c’è tendenza al ribaltamento ma si manifestano bloccaggi alla ruota posteriore
Questo modello è già predisposto per il montaggio di freni a disco da 180mm

La centralina è realizzata specificamente per la TCM ed è esterna per un migliore raffreddamento
Ha l’autodiagnosi ed eventuali anomalie vengono segnalate sul cruscottino con l’accensione codificata dei led

La batteria è 37V 10Ah 370Wh litio polimeri MnCo ed è alloggiata sotto al tubo obliquo per mantenere basso il baricentro
Si fissa su una guida alettata e la manovra è agevole (si deve solo tenere un po’ girato il manubrio)
Il peso è di 3.4kg e si ricarica in 6ore e 10 minuti (da completamente scarica)
Il caricabatteria è usuale e non ha ventola

La 049 è dotata di manettino per regolare il livello di assistenza
C’è un cruscottino con spie a led che indicano la carica della batteria (abbastanza accuratamente) e ospita i pulsanti per attivare il cruise-control (che consente di rilasciare il manettino mantenendo la velocità) e quello per la camminata assistita; è disponibile una modalità “amperometrica”che limita la potenza massima del motore e ci sono i pulsanti per attivarla e i led per indicare il valore di potenza impostato
Anche in questa modalità, ruotando il manettino, si può avere immediatamente disponibile la massima potenza

Il motore è un hub posteriore, geared, da 250W, a 36V, brushless, sensored ed è prodotto dalla Bafang
La spinta è vigorosa e consente avviamenti rapidi
Durante la marcia il motore è silenzioso; sotto sforzo la rumorosità aumenta ma non arriva ad essere fastidiosa

I cablaggi sono ordinati e nascosti: la “scatola” di rinforzo del tubo sterzo racchiude e protegge i connettori dei componenti montati sul manubrio; il cablaggio procede poi completamente all’interno del telaio fino alla centralina
Anche la batteria non ha cavi visibili; restano esterni solo quello del motore e quello del PAS

L’assistenza parte dopo appena 16cm , indipendentemente dal rapporto inserito ed è a controllo della rotazione dei pedali
E’ sufficiente la spinta del piede a terra per attivarla (beh ovviamente ci vuole la contemporanea rotazione dei pedali)
Il manettino consente di variarne il valore in modo molto preciso e continuo; si può regolare ad ogni livello fra “tutto muscoli” e “tutto motore”
Non c’è proporzionalità con la cadenza di pedalata

L’accelerazione è buona : 10.31” per percorrere i primi 50m con velocità di uscita di 25.9km/h
Nel traffico risulta perciò scattante ed è agile e manovrabile

Sulla pendenza del 4% marcia a 22.9km/h senza alcuno sforzo esercitato sui pedali e riparte con la sola spinta del piede a terra
Sul 10% richiede 117W per salire a 10.6km/h: sforzo sostenibile anche senza allenamento; per la ripartenza basta il peso della gamba
Sul 17% sale a 4.9km/h ma la cadenza di pedalata diventa troppo bassa per poter sviluppare bene la propria forza muscolare; sui pedali bisogna mettere 34kg; la ripartenza rimane ancora agevole: 31kg
Sul 27% sale ma bisogna mettere 45kg sui pedali: è per chi ha allenamento e muscoli
La ripartenza è possibile ma richiede di mettere sui pedali quasi tutto il proprio peso

La” camminata assistita” è potente e consente di superare salite ripide … e cordoli in città

L’autonomia a 25km/h è risultata di 53 km utili (poi le prestazioni cadono a capofitto) con una media di 23.8 km/h
L’esemplare in prova aveva il cut-off tachimetrico escluso e ho fatto una prova al massimo ottenendo una autonomia di 47 km e una velocità massima di oltre 30 km/h
Gli esemplari di serie hanno il cut-off a 27 km/h: sono comunque veloci
Viaggiando a 23km/h l’autonomia sale a 62 km
Ho fatto anche una prova in modalità “amperometrica” simulando un percorso da “turista a lungo raggio” e viaggiando ad una velocità simile a quella di tali ciclisti muscolari; ho caricato 10kg di bagaglio e ho percorso un itinerario che comprende tratti collinari; a 22km/h di crociera ho ottenuto una autonomia di 84 km
Tutte le prove di autonomia sono realizzate aggiungendo una potenza muscolare di circa 70W

La marcia in coppia è molto agevole per la regolazione continua del livello di assistenza
Sugli sterrati leggeri la marcia è confortevole e facile; i freni sono ben modulabili e si arriva difficilmente al bloccaggio

In auto si trasporta come una normale muscolare anzi è un po’ più corta
Il sollevamento è sufficientemente agevole per il peso contenuto e il punto di presa comodo ed equilibrato
In treno si porta agevolmente ed entra con facilità negli ascensori

Senza assistenza la scorrevolezza è appena sufficiente: i pneumatici “polivalenti” hanno un certo attrito; ci vogliono 136W per viaggiare a 18km/h; i rapporti del cambio sono giusti anche per la marcia a muscoli

La 049 viene fornita con un impianto di luci a pile e a led ottimo per essere visti e sufficiente per illuminare la strada
Ma ci sono in opzione vari sistemi via via più potenti e anche alimentati dalla batteria principale
Una curiosità: sul lucchetto ad arco (opzionale) viene montata una luce sempre accesa a led

Questa bipa non viene dotata di serie di antifurti salvo la chiave di bloccaggio della batteria

Fra gli accessori c’è, come detto, il lucchetto ad arco che si fissa alla predisposizione sulla forcella anteriore
Ci sono anche molti tipi di borse e anche portapacchi per borse a bisaccia di grossa dimensione e portata
La cosa più originale è un attacco per borse e cesti (specifici) all’interno del manubrio e fissato al telaio: così il carico non ruota con lo sterzo e il baricentro risulta più favorevole

La 049, come tutta la produzione TCM, è certificata per le norme europee
La garanzia è di 2 anni ; per la batteria è ugualmente di 2 anni ma con formula a scalare
Il prezzo di listino è, al momento della prova, 1450€ e la batteria di ricambio costa 370€
Se si acquista una seconda batteria entro il secondo anno viene scontata del 30%





Qui c’è la SCHEDA con il riassunto delle caratteristiche principali

Scheda valutazione



Vogliate perdonarmi per la lunghezza e l’abbondanza di particolari delle descrizioni, ma questa bipa è un modello con particolarità sia telaistiche che nella gestione dell’assistenza … e non sono riuscito a condensare



CICLISTICA

Anche il telaio della 049 è stato progettato completamente dalla TCMobility a Bolzano



Il telaio è di tipo aperto, completamente in alluminio, di elevata solidità
I profili che lo compongono sono rinforzati all’interno (sempre su disegno TCM)
Nella foto seguente si vede la sezione con il rinforzo



Il telaio richiede una descrizione un po’ … lunga, perché è frutto di particolari scelte costruttive
Ha una elasticità controllata nella “v” creata dai due tubi obliqui; anche la forcella anteriore ha una elasticità calibrata
E così sui fondi sconnessi la marcia risulta confortevole
Invece la zona sella-movimento centrale-carro posteriore ha minime deformazioni per poter scaricare sulla ruota il più possibile della propria potenza muscolare
Il triangolo che rinforza il cannotto dello sterzo realizza una “scatola” in cui sono contenuti i connettori elettrici e vedremo che consente il fissaggio di accessori
Lo scavalco è basso e largo: agevole salire e scendere anche con bagagli sul portapacchi o col seggiolino per bimbi
La batteria è alloggiata nella parte inferiore del traverso, in modo da mantenere il baricentro basso e da equilibrare il peso del motore (posteriore)
Il peso senza batteria è di 19.4kg ; la batteria pesa 3.4kg perciò il peso totale “su strada” è di 22.8kg

La sella è di tipo “unisex” imbottita e con scavo centrale



La regolazione dell’altezza è di tipo rapido ma la regolazione dell’inclinazione non è di tipo fine



La posizione in sella è a busto verticale o leggermente inclinato in avanti




Il manubrio ha una forma quasi diritta di tipo sportiveggiante che rende la presa sicura anche sullo sconnesso



La pipa non è regolabile e la serie sterzo è a cuscinetti da 1”




Il cambio è, come di consueto sulle Frisbee, costruito appositamente per la TCM per assecondare la forma del carro posteriore; è del tipo a deragliatore con 8 rapporti



Gli innesti sono precisi in entrambe le direzioni e non ho riscontrato mai esitazioni o ritardi

Il comando del cambio è del tipo a rotazione e, come usuale sulle Frisbee, è montato a sinistra
L’indicazione della marcia inserita è ben visibile, ma solo di giorno



Il range dei rapporti è esteso e giustamente spaziato
A 70ped/min si può viaggiare, in 8.a, a 33km/h: ce n’è abbastanza per spingere in discesa
In salita, a 50 pedalate al minuto in prima, si marcia a 8km/h: buono per poter spingere anche in salita




Lo smontaggio della ruota anteriore è di tipo rapido



La ruota posteriore richiede l’uso di una chiave da 19mm; non è presente il connettore del cavo motore
Per sostituire il pneumatico o la camera d’aria, mi hanno spiegato che occorre liberare il cavo motore dai suoi fissaggi, allentare i dadi della ruota, coricare la bipa per terra, e spostare la ruota fuori dai forcellini




La marcia a velocità elevate è sicura e stabile (testata fino a 49.8km/h senza alcun problema)
Il passo è quello di una classica bici muscolare; il telaio non manifesta svirgolamenti nemmeno nelle manovre strette e questo rende questa bipa reattiva nei cambi di direzione
La marcia senza mani è del tutto stabile e la bipa risulta facilmente guidabile

marcia senza mani



I pneumatici (da 24” x 1.95” ) sono polivalenti ed hanno un buon grip anche sul bagnato (e, mi dicono, anche con un po’ di neve); con la loro sezione abbondante contribuiscono al confort di marcia



la valvola è una Schrader (tipo automobilistico): facile gonfiarla ai distributori di carburante e dai gommisti



Vabbè lo devo dire: a me questi pneumatici non piacciono perché sono troppo poco scorrevoli e perciò riducono l’autonomia; se la 049 fosse mia, li cambierei subito con degli Schwalbe Marathon (ecco, così adesso il sig. DeConcini, titolare e progettista della TCM, mi guarda storto perché lui difende la polivalenza di quelli montati)


Il cavalletto è monopiede; è robusto e stabile nell’uso normale, ma non abbastanza quando si carica un bimbo sul suo seggiolino; non consente la rotazione completa dei pedali




Il portapacchi posteriore è robusto e consente il montaggio delle borse laterali
E’ largo 135 mm perciò ben compatibile con i seggiolini per bimbi



è omologato fino a 25kg di carico



Le filettature per il portaborraccia sono rinforzate per poterci fissare eventuali accessori pesanti




I pedali sono in lega e resina; le pedivelle sono in lega; ci sono i catadiottri



Quello nella foto è il modello fornito di serie: sull’esemplare in prova ce n’era montato un altro tipo (per inciso: di minore qualità)

La corona ha la protezione anticaduta da entrambi i lati e la catena è protetta da un carter




Il campanello è dello stesso rosso del motore e del tappo con il nome del modello che chiude il vano connettori




La componentistica è di buon livello e l’assemblaggio è curato; viene privilegiata la robustezza e l’affidabilità
Sono state adottate anche particolarità costruttive per rendere la 049 insensibile alla pioggia e al gelo (come ad esempio le guaine di freni e cambio che impediscono i ristagni di condensa)






IMPIANTO FRENANTE

I freni sono V-brake Promax all’anteriore e al posteriore
L’anteriore è montato dietro alla forcella, consentendo così l’installazione di un lucchetto ad arco



Il freno posteriore è montato in posizione “canonica” .. e questo per un modello della TCM è una novità



Le leve sono robuste e morbide da azionare; entrambe sono dotate degli switch di cut-off del motore
Il freno anteriore è comandato dalla leva destra (come sulle moto)



La frenata è potente e modulabile; lo spazio di fermata da 25 km/h è di 3.60m: buon valore
Si manifestano bloccaggi della ruota posteriore ma senza perdita di stabilità e non c’è tendenza a ribaltarsi
Su discese lunghe i freni sono efficaci e non ho rilevato problemi di surriscaldamento

Frisbee 049 frenata


La 049 è già completamente predisposta per il montaggio di freni a disco da 180mm; anche il mozzo anteriore ha già l’attacco









Ora si parla della PARTE ELETTRICA


CENTRALINA

Viene realizzata in collaborazione con una ditta specializzata su progetto/specifiche TCMobility sia per l’elettronica sia per il software ed è la stessa che equipaggia le Dolomites/Atlas e le Scoobì
(è la scatoletta in alluminio visibile nella foto)




E’ alloggiata sotto al movimento centrale, dietro al connettore della batteria
E’ esterna per un ottimale raffreddamento anche alle basse velocità tipiche della marcia in salita
Ha un case totalmente stagno realizzato appositamente che si accoppia alla sporgenza del telaio che sostiene la batteria
Anche l’accoppiamento è completamente stagno e i cavi entrano direttamente nel tubo del telaio
E’ molto facile da smontare ed il foro (ovale) per i cavi è di generosa dimensione in modo da consentire un facile accesso a tutti i connettori
La centralina non è dotata di autospegnimento per evitare di ritrovarsi senza assistenza alla fine di una lunga discesa
Ma è assai difficile dimenticarla accesa per la presenza dei ben luminosi led del cruscottino
Il consumo in stand-by è comunque molto limitato e non scarica la batteria nemmeno se dimenticata accesa per giorni
L’accensione e lo spegnimento avvengono tramite la chiave sulla batteria

La centralina è dotata di autodiagnosi ed eventuali anomalie, interne o dei componenti esterni, vengono segnalate con il lampeggio codificato dei led del cruscottino (in pratica si spengono tutti e lampeggia il led relativo all’anomalia)



BATTERIA

La Frisbee 049 viene fornita con una batteria al litio da 37V 10Ah 370Wh litio polimeri MnCo
E’ alloggiata sotto al tubo obliquo del telaio (così mantiene basso il baricentro della bipa)
ed è breve distanza dalla centralina (così i cavi di potenza risultano corti)



Si fissa alla bipa tramite una guida alettata: bisogna perciò far coincidere le alette e poi lasciarla scorrere verso il basso
La manovra di estrazione e reinserimento non presenta difficoltà e non richiede sforzi; solo bisogna ruotare leggermente lo sterzo per allontanare la ruota dal percorso di estrazione
Qui si vede la guida sulla batteria con gli incavi per le alette



Attenzione perché questo attacco è specifico delle Frisbee e i normali case di altri produttori, che sembrano uguali a questa, non si possono montare

Qui si vede la zona della chiave e del connettore di ricarica
La ricarica può essere eseguita a batteria montata o estratta
La chiave ha la funzione di blocco meccanico (e perciò di antifurto) e stacca l’alimentazione ai contatti



Si trasporta molto facilmente con la comoda maniglia ed il peso è contenuto (3.4 kg)



I contatti sono protetti e non ci sono problemi a trasportare la batteria perché a chiave “spenta” non sono sotto tensione



Sulla batteria è presente un indicatore dello stato di carica attivabile tramite pulsante



Qui si vede il connettore a bordo bipa




Il caricabatteria è di tipo switching, senza ventola



Pesa poco meno di 500 grammi compresi i cavi; eroga una corrente massima di 1.8A e ricarica la batteria completamente scarica in 6 ore e 10 minuti
La sua dimensione è piuttosto contenuta e ben si presta ad essere portato con se
I cavi sono di lunghezza normale e la spina di rete è di tipo “italiano”
E’ dotato di una spia che si accende di color rosso durante la carica e diventa verde a carica ultimata



COMANDI e REGOLAZIONE DELL’ASSISTENZA

La 049 è dotata di un cruscottino con segnalazioni a led posto sulla sinistra del manubrio e di un manettino con ulteriori segnalazioni a led sul lato destro
I led sono molto luminosi e sono ben visibili anche di giorno




Di notte i led sono altrettanto visibili, anzi sono così luminosi che ho inclinato il cruscottino per non essere abbagliato, senza comunque perdere la visibilità diurna



I led del manettino sono meno luminosi, ma sempre ben visibili

Il manettino è del tipo “split” (come di consueto) cioè ruota solo la parte più vicina al centro del manubrio e si aziona con due dita; è morbido e il suo autoritorno non stanca anche dopo un uso prolungato
Io ci ho messo un adesivo (ok molto artigianale ma era solo per le prove) per avere una indicazione visiva del livello di assistenza impostato



Sul cruscottino sono presenti alcuni pulsanti: sono piccoli ma rilevati e ben distanziati; di notte non sono illuminati ma si trovano facilmente al tatto e sono raggiungibili senza staccare la mano dal manubrio

Con i guanti il manettino è agevolissimo da usare mentre i pulsanti sono comunque azionabili ma difficili da trovare perché il loro rilievo non è sufficiente per essere percepito

Vediamo ora le funzioni dei comandi

La centralina si attiva girando la chiave posta sulla batteria

A questo punto il cruscotto si illumina segnalando lo stato di carica della batteria stessa (con 5 led)
Ruotando il manettino al valore desiderato e iniziando la pedalata, si attiva l’assistenza

Il pulsantino rosso, se viene tenuto premuto, attiva, dopo circa un secondo e se contemporaneamente viene ruotato il manettino, la “camminata assistita”
Se invece viene premuto durante la marcia (perciò con la pedalata in atto) setta il “cruise control” cioè memorizza la posizione del manettino che può a questo punto essere rilasciato; se si sospende la pedalata o se si tocca uno dei freni questo comando si resetta

Il pulsante successivo cambia modo di funzionamento da controllo tramite manettino a controllo amperometrico (vedi più avanti per la spiegazione di questo funzionamento) e i successivi due pulsanti regolano la corrente in questo secondo modo

I led a sinistra indicano lo stato di carica della batteria; è un controllo voltmetrico esponenziale ed indica con buona approssimazione l’effettivo stato di scarica

Sull’altro lato del manubrio c’è , come detto, il manettino per la regolazione dell’assistenza fornita dal motore e tre led
Il primo (arancio) segnala il funzionamento con il manettino; il secondo (verde) indica che è inserito il controllo amperometrico e il terzo (rosso) avvisa che la batteria è quasi completamente scarica


MOTORE

Alla TCMobility vogliono che la bipa si riconoscano per tali al primo sguardo e qui hanno sottolineato questo concetto con una orgogliosa colorazione rossa del motore



E’ un hub posteriore, geared, da 250W, a 36V, brushless, sensored ed è prodotto dalla Bafang
La spinta è vigorosa e consente avviamenti rapidi
Durante la marcia il motore è silenzioso; sotto sforzo la rumorosità aumenta ma non arriva ad essere fastidiosa

Frisbee 049 rumore in marcia





CABLAGGI

Il cablaggio è ordinato e ben protetto
Nella zona manubrio i cavi sono ben raggruppati ed inguainati; rapidamente entrano all’interno del telaio



I rinforzi del tubo sterzo creano una scatola in cui sono alloggiati i connettori delle singole componenti elettriche del manubrio e li tengono nascosti e riparati, anche dalle intemperie
Un tappo (anche lui rosso) consente di raggiungerli agevolmente in caso di manutenzione



I cavi, da questa scatola, raggiungono la centralina senza mai uscire all’esterno
E restano visibili solo quello del motore e del sensore di rotazione dei pedali



Come già detto, il motore non ha il connettore perché il cavo è abbastanza lungo da non danneggiarsi durante le operazioni di sostituzione del pneumatico
Il connettore è comunque presente nella zona centralina




Il dischetto del PAS è montato sul pacco pignoni perciò sull’asse della ruota posteriore
Questa posizione (brevetto TCM) consente di avere un avviamento dell’assistenza indipendente dal rapporto inserito e sempre molto contenuto
L’eventuale sostituzione del sensore è molto facile



La batteria è alloggiata vicinissima alla centralina e il cavo che la collega passa direttamente all’interno del telaio



MODALITA’ DI ASSISTENZA

(qui faccio praticamente un copia/incolla di quanto già scritto per la Dolomites/Atlas)

L’erogazione della potenza del motore si basa sul controllo della rotazione dei pedali

La sua intensità viene regolata in due modi :

Il primo prevede l’uso del manettino che regola la tensione che va al motore, regolandone così la velocità
Si può accordare la spinta sui pedali con la potenza erogata dal motore in modo da viaggiare alla velocità voluta con lo sforzo che si è disposti ad esercitare sui pedali
Lo sforzo può anche essere nullo (ma – non serve dirlo – occorre la presenza della pedalata)
Il vantaggio del manettino è che il livello di assistenza può essere regolato su qualsiasi valore fra zero e il massimo e si può cambiare istantaneamente

A ruota sollevata, si può regolare la velocità in modo continuo fra 6km/h e il massimo
A controllo tachimetrico escluso (ma è una operazione che si può fare solo via software) si arriva a 37.4 km/h a ruota sollevata e a 30.5km/h su strada
Sull’esemplare in prova il cut-off tachimetrico era disattivato ma, nei modelli in vendita, è tarato a 27km/h (come di consueto sulle Frisbee)
Su strada si regola la velocità fra 6 e 27km/h (ehm 30 su quella che ho provato)

Il secondo modo di erogazione dell’assistenza utilizza un controllo amperometrico della corrente inviata al motore
Premendo sul cruscotto il pulsante dedicato e tenendo a zero il manettino, si ha tale modo di funzionamento
Con i due pulsanti + e – si regola la corrente massima desiderata a 3-4-5-6-7 A (cioè si seleziona una potenza massima compresa fra circa 120 e 280W) che viene indicata dall’accensione progressiva dei relativi led
A questo punto la corrente inviata al motore non supera mai il valore impostato
Ovvero anche in partenza o su forti pendenze operiamo una limitazione della potenza massima erogata dal motore
Ho parlato di corrente massima, perché se spingiamo sui pedali con maggior vigore, la corrente può comunque scendere anche fino a zero
La massima velocità ottenibile con questa modalità è di circa 22 km/h perciò su strada pianeggiante è più conveniente dosare l’assistenza con il manettino con sui si possono raggiungere velocità più elevate

Questo funzionamento, difatti, è pensato per la marcia in salita dove il ciclista può scegliere un livello massimo di aiuto da parte del motore, sicuro di non farlo mai surriscaldare
Ovviamente, avendo meno potenza disponibile, è necessario spingere con più vigore sui pedali
Questa modalità è perciò molto allenante perché richiede di spingere sui pedali già con pendenze del 4-5%

C’è un’ottima (a parer mio) ulteriore funzione:
in qualsiasi momento si esce dalla modalità amperometrica semplicemente ruotando il manettino: si ha perciò sempre -e molto rapidamente- disponibile tutta la potenza del motore (poco meno di 500W per un periodo di tempo limitato), senza dover schiacciare pulsanti o cercare funzioni
Rilasciando il manettino si ritorna automaticamente alla modalità di controllo amperometrico con il valore precedentemente impostato
Ho usato volentieri questa funzione per avere il massimo dell’assistenza sui tornanti che spesso hanno una pendenza maggiore della salita che si sta percorrendo

C’è implementata anche la funzione “cruise control” : premendo il pulsante rosso sul cruscotto, si memorizza la posizione del manettino , consentendo perciò di rilasciarlo mantenendo il valore di assistenza desiderato
Da questa modalità si esce toccando uno dei due freni o fermando la pedalata

Ulteriore funzione è quella della “camminata assistita”: tenendo ruotato il manettino e premendo contemporaneamente il pulsante rosso, l’assistenza si avvia anche senza la pedalata
Non è previsto il suo uso come “soft-start” cioè per avviare la bipa senza pedalare stando in sella

In ogni modalità non c’è alcuna proporzionalità dell’assistenza con la velocità di rotazione dei pedali

Ecco il filmato dell’avvio, modulazione e stop dell’assistenza a ruota sollevata

Frisbee 049 avvio assistenza a ruota sollevata



In ognuno dei due modi di funzionamento c’è una significativa differenza fra il valore di velocità su strada e quello a vuoto
Questo implica che è possibile modulare agevolmente lo sforzo esercitato con i pedali fra la “pedalata simbolica” (cioè facendo semplicemente girare a vuoto i pedali) e il “tutto muscoli”



AVVIO DELL’ASSISTENZA

Per ottenere la partenza del motore è necessario accendere la centralina con la chiave posta sulla batteria

Se è stata scelta la modalità “amperometrica” basta iniziare a pedalare e l’assistenza si avvia (con la potenza massima selezionata)

Se si ruota il manettino, l’avvio avviene con potenze crescenti proporzionali alla rotazione del manettino fino alla massima potenza che può erogare il motore

Come detto, il sensore PAS è posto sulla ruota posteriore (e non sui pedali come di norma) : brevetto TCM
Questo, unito ad un disco con i magneti a 12 poli, consente l’avvio dell’assistenza dopo 16 cm indipendentemente dal rapporto inserito
Ovvero è sufficiente spingere la bipa con la gamba a terra per ottenere l’avvio dell’assistenza
Questa immediatezza rende superflua la presenza del soft-start

Interrompendo la pedalata, il motore si arresta dopo meno di mezzo secondo (valore buono)
Agendo su una qualsiasi delle leve dei freni, l’assistenza si interrompe immediatamente
Il riavvio dell’assistenza in marcia avviene dopo meno di mezzo giro di pedale

Qui il filmato della partenza su strada con manettino al massimo

Frisbee 049 avvio assistenza su strada





ACCELERAZIONE

Ecco il grafico della velocità in funzione della distanza percorsa e del tempo



Il tempo per percorrere 50m da fermo è risultato ottimamente di 10.31” e la velocità di uscita è 25.9 km/h
E’ una buona accelerazione che consente di districarsi bene nelle partenze ai semafori



NEL TRAFFICO

Nel traffico si muove molto agilmente: il baricentro basso, la lunghezza contenuta e la vivacità del motore la rendono manovrabile e veloce
Il telaio è giustamente elastico e non si soffre troppo per i fondi dissestati
Il piede arriva bene a terra quando ci si ferma e non crea problemi di equilibrio anche se si regola la sella per la massima distensione della gamba
La regolazione continua del livello di assistenza, consentita dal manettino, permette di trovare molto facilmente la giusta andatura e, in più, di disporre istantaneamente di tutta la potenza del motore
Il cambio è preciso e la gamma di rapporti estesa: si trova facilmente la giusta cadenza
L’attacco dell’assistenza è vigoroso ed immediato; se non si vogliono partenze brucianti e si vuole economizzare la batteria, si può regolare a livelli bassi il manettino o, ancora meglio, utilizzare la modalità “amperometrica” che limita la potenza massima del motore
La manovrabilità è buona anche in spazi ristretti



COMPORTAMENTO IN SALITA E PENDENZE SUPERABILI

La Frisbee 049 non nasce per essere una scalatrice, ma si comporta assai bene sulle salite

Ecco la tabella degli sforzi necessari sulle varie pendenze e le velocità relative



Per la partenza in piano basta la sola spinta del piede a terra perciò si può partire facilmente anche se si ha inserita una marcia lunga

La marcia in piano può avvenire anche senza esercitare spinta sui pedali

Il cavalcavia al 4% viene superato rapidamente a 22.9 km/h senza esercitare alcuno sforzo sui pedali, perciò con qualsiasi rapporto innestato
Anche in questo caso per la ripartenza è sufficiente la spinta del piede a terra (ricordo che bastano 16cm per avviare l’assistenza)

Frisbee 049 cavalcavia 4 %


Il tratto di prova al 10% si supera a 10.6km/h , in 1.a marcia e con una potenza sui pedali di circa 117W; è un valore di sforzo sostenibile anche a lungo, anche senza essere allenati
La ripartenza richiede una spinta sui pedali di 13kg: praticamente basta il peso della gamba (e la consueta spinta del piede a terra)

Frisbee 049 salita 10 %


Il tratto finale della salita di prova è al 13.5%; si sale in prima a 7.2km/h con uno sforzo leggermente inferiore al caso precedente (109W circa) in virtù della cadenza di pedalata più bassa (45ped/min); in realtà la spinta necessaria sui pedali passa da 21 a 28kg
La ripartenza continua a richiedere solo un leggero sforzo: 22kg

Frisbee 049 salita al 13.5 %


Sul 17% lo sforzo scende, ancora in virtù della bassa cadenza di pedalata, a 84W circa; la spinta da esercitare sui pedali sale a 34kg, ma la cadenza si abbassa a 31ped/min: troppo bassa per poter sviluppare a lungo la propria potenza muscolare … ci vorrebbe la seconda corona Si sale a 4.9km/h
La spinta per ripartire è ancora agevole :31kg

Frisbee 049 salita al 17%


Sulla durissima rampa al 27% sale se già in velocità ma richiede di aggiungere una spinta sui pedali di 45kg: chi non è ben allenato non può pensare di mantenere a lungo questo sforzo
La ripartenza sul 27% è possibile ma siamo al limite e occorre applicare quasi tutto il proprio peso ai pedali (65kg)

Frisbee 049 rampa al 27%


L’attivazione dell’assistenza quasi immediata rende superflua la funzione di soft-start

Utilizzando la modalità “amperometrica” , si limita lo sforzo del motore e si controlla l’autonomia, ma ovviamente si sale più lenti ! Utile per chi vuole ottimizzare l’autonomia in salita



CAMMINATA ASSISTITA

Si può attivare la funzione di “camminata assistita”
L’attivazione richiede la pressione del pulsante rosso sul cruscottino e la rotazione del manettino
L’avvio del motore avviene dopo un secondo; usando il manettino, la temporizzazione non riparte così si può interrompere ed attivare l’assistenza senza nuove attese
Ho sperimentato che è molto comodo se ci si muove fra la gente, ma anche su terreni sconnessi in salita quando la bipa supera facilmente la nostra velocità di camminata

La velocità in piano è 3.5km/h perciò non richiede una camminata veloce
E’ sufficientemente potente per far salire la bipa su salite ripide
Inauguro una nuova prova: il superamento del cordolo (agevole con la 049)

Frisbee 049 camminata assistita





VELOCITA’ e AUTONOMIA

Ho eseguite varie prove con vari livelli di assistenza

La prima, quella canonica, l’ho fatta parzializzando l’assistenza per marciare a 25km/h
Come sempre ho aggiunto i circa 70W medi di forza muscolare, in 6.a marcia
Ho ottenuto una percorrenza di 56km poi le prestazioni sono crollate a zero
Poiché la temperatura della prova è stata di 25°C, normalizzo il valore riportandolo a 20°C : più di 53 km utili



Come si vede, la velocità rimane pressochè costante per tutta la prova nonostante la diminuzione della tensione della batteria; per mantenere invariate le prestazioni, ho pian piano “dato più manettino”
I primi due picchi di velocità a 30 e 27 km/h sono dovuti al passaggio al valore massimo di assistenza per eseguire rapidamente dei sorpassi in un momento trafficato; il terzo a 38km/h è il tratto discendente di un cavalcavia
La media oraria è risultata di 23.8km/h, che essendo vicina al valore di velocità di crociera, indica accelerazioni rapide
Il valore medio di assorbimento elettrico è risultato 6.7 Wh/km

L’esemplare che ho avuto in prova era privo di cut-off tachimetrico perciò la velocità massima era determinata solo dalla potenza del motore più i miei soliti 70W (in 7.a marcia e 6.a negli ultimi chilometri)
Anche a questa velocità la pedalata non diventa troppo veloce
Ho così eseguito una prova “al massimo” per testare le potenzialità di questo modello, ma è una prova “accademica” perché gli esemplari in vendita sono rigorosamente limitati a 27km/h



Qui si vede bene la diminuzione di velocità via via che la tensione della batteria si abbassa: dai 31km/h iniziali si scende a 25 a fine scarica, poi le prestazioni crollano a zero in poca strada
Sono arrivato a 47km utili (ed essendo la temperatura nella prova di 21°C, praticamente coincide con il valore normalizzato)
Ovviamente con la limitazione a 27km/h attiva, il valore di autonomia ottenibile sarà circa a mezzo fra 54 e 47 chilometri
Con la 8.a marcia si viaggia a 27km/h ad una cadenza di pedalata di appena 58 ped/min


Terza prova eseguita parzializzando l’assistenza per viaggiare a 23km/h, cioè ad una andatura “risparmiosa”
Lo sforzo muscolare è stato dei soliti 70W in 6.a marcia
L’autonomia è salita (a 20°C) ad oltre 62 km e la velocità è rimasta inchiodata al valore desiderato per tutta la prova




Come detto, la 049 dispone di modalità “amperometriche” nella regolazione dell’assistenza pensate per la marcia in salita mantenendo bassi i consumi; in tale modalità la velocità massima è di 22km/h
Sottolineo che in ogni momento è possibile avere la massima spinta e la massima velocità semplicemente ruotando il manettino
Ho pensato di eseguire una prova di autonomia in pianura con questa impostazione a 7 ampere (circa 250W massimi) e con i consueti 70W muscolari
L’ipotesi di partenza è stata di simulare una gita a velocità paragonabile (o leggermente superiore) a quella dei cicloturisti muscolari che fanno le vacanze in bici


Foto da laparradereikiavik.com/tag/viaje/

Per riprodurre realisticamente questa condizione ho caricato a bordo 10 chili di bagaglio (che sono due belle borse)
e ho percorso un itinerario che include colline
(((nella prova non mi sono portato le magliette e i calzini come bagaglio, ma ho messo delle vecchie batterie al piombo ed una abbondante merenda per arrivare al peso)))

L’itinerario, per quelli che conoscono la zona, è quello seguente: dal mio paesello nella bassa veronese, ho raggiunto Valeggio e ho percorso la ciclabile del Mincio per arrivare al lago di Garda; sono arrivato a Sirmione (dove –per inciso- con le bici non si può andare oltre la porta fortificata) e poi sono tornato attraversando le colline da San Martino della Battaglia , Pozzolengo e ridiscendendo a Monzambano per poi tornare a casa (bellissimo giro che consiglio di fare)



Non ci sono pendenze molto forti o tratti in salita molto lunghi (4-6% con qualche strappo al 10), ma alla fine ho collezionato una ascensione di 350m con i 10chili di bagaglio



La velocità iniziale è stata di 22km/h e poi è scesa lentamente arrivando, dopo 63 km, a 20 all’ora
A questo punto ho abbandonato la modalità amperometrica per non viaggiare a velocità troppo basse e sono passato a 23km/h regolando l’andatura col manettino
Ho così ottenuto una percorrenza totale di quasi 84km e la media generale è stata di 20.5km/h
Con una batteria si può perciò fare una giornata di viaggio
(i conti sulla probabile autonomia li ho fatti abbastanza bene, ma ho finito la carica a 5 chilometri da casa … e me li sono fatti a “tutto muscoli” con i miei dieci chili di zavorra Aaaah cosa si fa per la conoscenza !)



Faccio una piccola considerazione: fra la prova a 23km/h e quella in modalità amperometrica la media è passata da 22.0 a 20.5km/h: significa aver impiegato 10 minuti in più per ogni 50 chilometri, ma ottenendo un incremento dell’autonomia di 20 chilometri
Grrrrrr lo “speed-demon” ci fa desiderare sempre velocità più alte ma all’atto pratico si ottiene un modesto risultato



MARCIA IN COPPIA

E’ molto facile regolare la velocità al valore voluto: la marcia in coppia è agevole
Con una velocità minima in piano di 6km/h, non ci sono problemi ad adeguarsi anche a compagni di viaggio … molto lenti



MARCIA SU FONDI STERRATI

Stabile e confortevole per la giusta elasticità della forcella e del telaio, viaggia sugli sterrati leggeri senza alcun problema
La frenata è ben modulabile e non si arriva inaspettatamente al bloccaggio delle ruote
La modulazione della velocità è ottimale per cui si trova facilmente la giusta andatura
Semmai è facile farsi prendere la mano ed andare più veloci del necessario
Il telaio è robusto: si può osare di più



TRASPORTO IN AUTO E IN TRENO

In auto si trasporta come una normale muscolare ed è sufficientemente leggera (19.4kg senza batteria)
Le parti elettriche non richiedono necessità particolari
La lunghezza è contenuta (1730mm ) e la ruota anteriore ha lo sgancio rapido

Il trasporto su scala è sufficientemente agevole perché risulta equilibrata (anche con la batteria) ed il punto di presa è comodo (anche se tende a scivolare un po’)

Frisbee 049 trasporto su scala


Il trasporto in treno è di conseguenza agevole
Entra agevolmente negli ascensori standard delle ferrovie senza dover fare manovre



Qui l’ho appesa ai ganci dello scompartimento dedicato senza particolari difficoltà e con la batteria montata



L’unico problema è che i suddetti ganci sono pensati per ruotine da bici da corsa e il pneumatico da quasi due pollici li riempie completamente (e non vi dico le MTB come si divertono ad appendersi)


56,92 KB

(lo ricordo sempre: in treno portare con sè una corda elastica perché a volte i sostegni non ci sono o sono tutti occupati e occorre fissare la bipa … dove capita)



PEDALABILITA’ AD ASSISTENZA DISINSERITA – SCORREVOLEZZA

La scorrevolezza al banco risulta buona:
il motore è dotato di ruota libera e oppone una debolissima resistenza alla marcia; anche in retromarcia non frena in modo significativo

Frisbee 049 scorrevolezza ruote


La prova dinamometrica a 18km/h (velocità bassa per minimizzare l’effetto della resistenza dell’aria ed evidenziare invece la scorrevolezza meccanica) indica una richiesta di 136W : valore che inizia ad essere sensibile; ecco misurato il perché questi pneumatici non mi soddisfano ! (però hanno un buon grip su ogni terreno)

Con gli 8 rapporti del cambio è facile trovare la marcia giusta per ogni andatura muscolare

Ecco come si presenta senza batteria






IMPIANTO LUCI

La 049 viene consegnata con un impianto luci “standard”, cioè un fanale anteriore monoled bianco ed uno posteriore monoled rosso alimentati ciascuno da una coppia di pile AAA anche ricaricabili





La luce posteriore è ottima e ben visibile anche lateralmente; quella anteriore è sufficiente ma niente di più
Ma alla TCM propongono molte soluzioni opzionali per l’illuminazione della strada
Innanzitutto è presente l’attacco per la dinamo tangenziale per chi non vuole mai trovarsi con le pile scariche
(segnalo che ci sono dinamo di questo tipo ad alta efficienza, ma su una bipa il problema dell’attrito di questo componente è poco rilevante)



Si può scegliere (opzionale) una coppia di potenti fanali alimentati dalla batteria principale (che in questo caso alimenta anche la luce posteriore)



Ma in fase di ordine è possibile passare anche a fanali ancora più performanti

Per chi aggiunge il lucchetto ad arco viene fornita una luce integrata a led (alimentata dalla batteria principale) che rimane sempre accesa insieme al fanale posteriore, anche di giorno, per aumentare la propria visibilità anche in improvvise zone d’ombra






ANTIFURTO

La 049 non è dotata di antifurti di serie salvo la chiave di bloccaggio della batteria
Ha la forcella predisposta per il montaggio di un lucchetto ad arco (è negli optional)
Essendo montato sulla forcella, tale accessorio blocca la bipa per le brevi soste ed ostacola il furto della ruota anteriore

Assolutamente necessario dotarla del sistema preferito per poterla affrancare solidamente a qualche struttura fissa durante il parcheggio

Sul telaio è bulinato il numero di serie: molto utile per poterne rivendicare il possesso



ACCESSORI

Oooh qui si apre un capitolo consistente !

E’ disponibile un vasto catalogo di accessori fra cui cestini, seggiolini e anche gli impermeabili poncho con le giuste misure per le bici
E’ possibile ordinare la 049 con impianto frenante a dischi da 180mm

E’disponibile il lucchetto ad arco (dotato di luce “di posizione” sempre accesa)



Il portapacchi posteriore è robusto e sono presenti a catalogo adeguate borse di svariati tipi
Quella che mi è piaciuta di più è questa che ha due bisacce laterali apribili al bisogno





E’ anche possibile sostituire il portapacchi con uno che integra l’attacco per due grosse borse (lo montano sulle bipa per i postini)



La cosa più interessante ed esclusiva di questo modello è, però, l’attacco per borse posto nella parte interna del manubrio e realizzato dal triangolo di rinforzo del tubo sterzo
Su tale attacco possono essere fissate borse e cesti di varie capacità anche a sgancio rapido
Prevengo subito la domanda che mi sono posto immediatamente anch’io quando ho visto uno degli accessori montato: “ma non ci si sbatte con le ginocchia?” e la risposta è no anche perché non gira con il manubrio
Il vantaggio di questa soluzione è che il carico, appunto, non è attaccato al manubrio e non ne impedisce la manovrabilità ed il suo baricentro si sposta verso il centro della bipa












CERTIFICAZIONI, GARANZIA E PREZZI

Come tutta la gamma della TCM, la 049 è certificata per le norme europee su robustezza bici da turismo, Epac e compatibilità elettromagnetica
Le batterie sono anch’esse certificate a norma UN38.33

La garanzia è di 2 anni
Sulla batteria la garanzia è di 2 anni con formula a scalare

Il prezzo di listino, al momento del test, è di 1450€ e la batteria di ricambio costa 370€
Se si acquista una seconda batteria entro il 2.o anno, viene scontata del 30%
La batteria è la stessa montata sulle Dolomites/Atlas e sulle Scoobì


CONSIDERAZIONI SULL’UTILIZZO

La Frisbee 049 è ben adatta all’uso in città
Confortevole e robusta per andare al lavoro o per fare la spesa caricando bene il portapacchi magari con borse laterali
Telaio aperto e scavalco basso consentono bene il trasporto di carichi voluminosi

Ma è anche ben utilizzabile per il turismo a lungo raggio: leggerezza, solidità e capacità di scalare sono i punti vincenti

E nelle gite fuoriporta non ci sono problemi se si incontrano sterrati o salite


Sufficiente nell’uso come “tender” del camper e per il trasporto in treno



NOTA

Tutti i dati sono ottenuti col mio peso a bordo: 75kg vestito e con gli accessori tipo navigatore satellitare e fotocamera

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"

emme51
Utente Attivo


Campania


723 Messaggi

Inserito il - 12/11/2014 : 08:17:53  Mostra Profilo Invia a emme51 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Complimenti Pix, ottimo test. grazie!!!

Frisbee euro 7 tour mmx, Original 5 muscolare & frame bag, Mtb Colnago Fantastic muscolare
Torna all'inizio della Pagina

Adriano Gecchelin
Utente Senior



1260 Messaggi

Inserito il - 13/11/2014 : 09:24:08  Mostra Profilo Invia a Adriano Gecchelin un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bella prova, una cosa che non riesco a capire è la mancanza di una guarnitura doppia che aiuterebbe in salita.. se io con l'hub avessi avuto una corona sola non avrei mai potuto fare le salite che ho fatto ..
Torna all'inizio della Pagina

Alibi
Utente Senior



1561 Messaggi

Inserito il - 13/11/2014 : 13:56:23  Mostra Profilo Invia a Alibi un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bella, bel muletto, mi da l'impressione di essere solida e tosta, un bel mezzo, uno di quelle bici da usare sempre, in ogni situazione atmosferica... a patto di fare attenzione a sterrati e piccoli guadi... la batteria e la centralina sarebbero troppo a rischio colpi e acqua, o sbaglio??

P.S. e l'ennesimo GRAZIE all'impegno di Pix!!!




Modificato da - Alibi in data 13/11/2014 13:56:56
Torna all'inizio della Pagina

ragmiche
Utente Normale


Toscana


56 Messaggi

Inserito il - 13/11/2014 : 16:30:54  Mostra Profilo Invia a ragmiche un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
A me invece proprio non piace, sarà ben usufruibile ma a guardarla...oibò, scusate, ciao
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 13/11/2014 : 19:16:44  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
grazie grazie

Questo modello non è pensato per salite o percorsi estremi altrimenti farebbe concorrenza interna alla Atlas che nasce per quello (e ha la doppia corona)


@Alibi: per gli sterrati, penso ti riferisca al fatto che la batteria è posizionata in basso
Ma prima di arrivare a picchiarci contro bisogna davvero trovare grossi massi ... e volerli scavalcare
Di contro, il baricentro basso ha effetti benefici sulla guidabilità



Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

gil
Utente Medio



234 Messaggi

Inserito il - 13/11/2014 : 21:36:18  Mostra Profilo Invia a gil un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un test su quella fascia a sud del Garda avrebbe un grandissimo rilievo.
Torna all'inizio della Pagina

checo
Utente Medio



492 Messaggi

Inserito il - 14/11/2014 : 14:44:27  Mostra Profilo Invia a checo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ragmiche ha scritto:

A me invece proprio non piace, sarà ben usufruibile ma a guardarla...oibò, scusate, ciao

manco a me piace o meglio fino al movimento centrale va anche bene, design classico ma poi ...
la batteria messi li è un pugno in un occhio, almeno l'avessero fatta nera...
poi il rinforzo sullo sterzo nemmeno si può vedere, era ben piu elegante inclinare leggermente di piu il tubo e farlo arrivare a metà scatola sterzo in modo da avere due rinforzi triangolari sopra e sotto e una linea decisamente piu bilanciata.

che possa funzionare bene ok, ma anche l'occhio vuole la sua parte e su questo la tcm ha molto da imparare....

Modificato da - checo in data 14/11/2014 14:45:25
Torna all'inizio della Pagina

claudio02
Utente Master




6310 Messaggi

Inserito il - 14/11/2014 : 15:00:51  Mostra Profilo Invia a claudio02 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
il pixtest è fatto egregiamente.

la bipa adesso bisogna comprarla.

Una persona pessimista fa si di creare delle energie che andranno nella direzione delle sue paure piu profonde, fino alla loro realizzazione. Il pessimismo sincronizza anche i semafori.
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 14/11/2014 : 19:34:46  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Checo, scusami, ma se facevano il tubo a metà del cannotto sterzo non ci sarebbe potuto più stare il cesto o la borsa e questa soluzione è una caratteristica specifica di questo modello

Poi, altrettanto, è noto che alla TCM non sacrificano mai la funzionalità all'estetica

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

paolorighetti
Utente Medio



Emilia Romagna


397 Messaggi

Inserito il - 14/11/2014 : 21:50:06  Mostra Profilo Invia a paolorighetti un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il 52° test a 5 stelle: congratulazioni, e grazie Pix.
Questa Ditta mi sembra molto seria, sia per l'attenzione al cliente - vedi i numerosi accessori disponibili - sia per le trovate intelligenti come le opzioni di marcia selezionabili grazie all'elettronica, sia per la robustezza sotto ogni aspetto. E mi pare sorprendente il peso: con quel po' po' di telaio e di gomme pesa solo 22,8 kg, cioè solo 1,8 kg in più della mia bipa che è una ex bici da corsa kittata con il Bafang BPM.

- Merida Crossway 10 elettrificata by Alcedo con kit Bafang BPM
- City Bike marca Windors elettrificata by Alcedo con kit Bafang BPM
- mtb con motore Bafang bbs01

Torna all'inizio della Pagina

Mister D
Utente Medio


Trentino - Alto Adige


313 Messaggi

Inserito il - 17/11/2014 : 13:46:24  Mostra Profilo Invia a Mister D un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Pix per l'ottimo test!
Sono sempre molto interessato alla scorrevolezza della bipa
a motore spento. Mi sembra di capire che la 049 richieda un
discreto sforzo per essere guidata senza assistenza.
Quale sarà il fattore che determina la pesantezza della pedalata da "spenta"?
Pedivelle da 165mm anzichè le consuete 170/175mm, pneumatici
di sezione larga, rapporti piuttosto lunghi o un insieme di tutte queste
cose? Ero un amante, sulle vecchie citybike, del pacco pignoni Shimano
con il "Megarange", cioè il pignone da 34 denti nettamente sproporzionato
rispetto agli altri ingranaggi presenti, ma utilissimo per alleggerire
la pedalata su rampe o viadotti, insomma dove serviva, senza dover imprimere
sui pedali una pressione eccessiva. Non sarebbe una cosa malvagia reintrodurre
il pignone sovradimensionato anche per le bipe non studiate per la salita: in
fondo può sempre capitare di averne bisogno e può venire voglia di una escursione
collinare o montana impegnativa, soprattutto quando la buona qualità costruttiva
lo permetterebbe.

Un saluto da Marco!
Torna all'inizio della Pagina

checo
Utente Medio



492 Messaggi

Inserito il - 17/11/2014 : 15:17:04  Mostra Profilo Invia a checo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
pixbuster ha scritto:

Checo, scusami, ma se facevano il tubo a metà del cannotto sterzo non ci sarebbe potuto più stare il cesto o la borsa e questa soluzione è una caratteristica specifica di questo modello

Poi, altrettanto, è noto che alla TCM non sacrificano mai la funzionalità all'estetica

si infatti i cesti di solito si mettono sul davanti
poi non dico di fare bici di design che sacrifichino l'usabilità si può fare una bici usabile e funzoinale eppure bella
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 17/11/2014 : 22:05:58  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao MisterD
Grazie per l'apprezzamento
La differenza di scorrevolezza a motore disattivato rispetto ad altre bipa anche della stessa TCM è intorno ai 20W (136 contro 110-115 W)
E temo che sia principalmente dovuta al tipo di pneumatico
I rapporti sono adeguati anche ad una marcia solo muscolare (la prova l'ho fatta con una cadenza di 73ped/min in terza) e le pedivelle più corte (di 5mm) fanno solo diminuire il rendimento dei muscoli in chi ha le gambe lunghe perciò non entrano nel calcolo dei watt per viaggiare a 18km/h

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

cvillo
Nuovo Utente


Trentino - Alto Adige


1 Messaggi

Inserito il - 13/10/2016 : 14:24:21  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Grazie per l'ottima recensione, meglio di così non é proprio possibile. A fronte di detta recensione ho appena comperato questa ebike che dovrei ricevere fra un ora. Ho dovuto infatti sostituire la mia vecchia Frisbee Euro 7 acquistata nel 2008.
Complimenti ed un caro saluto da Bolzano

cvillo
Torna all'inizio della Pagina

pracco
Nuovo Utente


Friuli-Venezia Giulia


1 Messaggi

Inserito il - 06/11/2017 : 21:14:18  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Allego Manuale d’uso e manutenzione, se dovesse servire. Io lo cercavo su Internet, ma non ho trovato nulla. Allora eccolo qui!

Allegato: Frisbee 049 e-bike.pdf
1626,37 KB
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 06/11/2017 : 21:31:28  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

andrea28
Utente Medio



Lombardia


353 Messaggi

Inserito il - 07/11/2017 : 14:03:55  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Complimenti anche da parte mia: gran bel lavoro.
Mi piacerebbe che potessi fare un simile test ad una bipa con Bosch CX......

Atala B-cross cx 500 Marzo '18
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 07/11/2017 : 18:15:51  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Andrea28 ... appena riesco a farmene dare una lo faccio sicuramente

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

giordano5847
Utente Master



Lombardia


2880 Messaggi

Inserito il - 07/11/2017 : 18:29:30  Mostra Profilo Invia a giordano5847 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
I complimenti per il report sono scontati ma, questa ditta non aveva inventato un sistema per smontare il copertone e camera senza smontare la ruota?

Fuggi quello studio del quale la resultante opera more coll'operante d'essa. (Leonardo)

Modificato da - giordano5847 in data 07/11/2017 18:30:31
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 07/11/2017 : 18:59:06  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Si Giordano ed è applicabile come optional sulla Atlas (ce l'ho e funziona alla grande)
Non so se è montabile anche sulla 049 ma teoricamente non ci dovrebbero essere difficoltà

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

giordano5847
Utente Master



Lombardia


2880 Messaggi

Inserito il - 07/11/2017 : 19:11:18  Mostra Profilo Invia a giordano5847 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
pixbuster ha scritto:

Si Giordano ed è applicabile come optional sulla Atlas (ce l'ho e funziona alla grande)
Non so se è montabile anche sulla 049 ma teoricamente non ci dovrebbero essere difficoltà

Non capisco perchè non lo montino su tutte le loro bici visto che funziona e dovrebbe essere un valore aggiunto. Come optional un cliente potrebbe anche non saper che esista, il concessionario non proporlo e, comunque, queste bici le monteranno in serie e non credo che le facciano su ordine dettagliato (un po' come le autovetture).

Fuggi quello studio del quale la resultante opera more coll'operante d'essa. (Leonardo)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,95 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.