Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Prove e collaudi
 Pix test n.15 - Dinghi Zen
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 28/09/2009 : 23:35:54  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Mi è stato affidato un esemplare di preserie della nuova Dinghi in alluminio
Sono andato a Bolzano a ritirarla e sono tornato in treno, mettendo subito alla prova la sua leggerezza
Poi ho percorso con lei circa 700km in condizioni varie
Ed ecco il mio report

Questa è la Dinghi versione ZEN

Immagine:

303,66 KB

E’ la versione leggera della Dinghi
Senza batteria pesa 18 kg e viene fornita con la batteria al Litio da 37V 10Ah che pesa 5 kg, per un peso totale di 23 kg

E’ adatta ad essere trasportata in automobile ma ancora di più in treno o in camper; anche il sollevamento per superare scale è agevole
Appena ritirata l’ho subito portata in treno senza particolari difficoltà nel superare i gradini di accesso, ne per appenderla ai ganci

Immagine:

109,25 KB

Viene fornita senza alcun accessorio per permettere al Cliente di equipaggiarla come meglio crede (sacrificando un po’ di peso) o di lasciarla così per avere il massimo della leggerezza; sono comunque presenti gli attacchi per parafanghi, portapacchi e lucchetto ad arco


Qui c’è la SCHEDA con tutte le caratteristiche

Immagine:

292,74 KB

CICLISTICA

La ZEN si presenta essenziale (da cui il nome)

La posizione in sella è di tipo “turistico” cioè con il busto leggermente inclinato in avanti

Il telaio e la forcella sono in alluminio Al 7000 a tubi estrusi e rinforzati
Risulta molto “legato” e ben equilibrato nella distribuzione dei pesi; buona la stabilità (si marcia agevolmente senza mani)
Il peso contenuto e la geometria del telaio la rendono particolarmente agile
Il sollevamento è agevole e, tenendola nella parte bassa del tubo sella, equilibrata

Il cambio è uno Shimano Tourney a 7 rapporti: non rapidissimo ma sufficientemente preciso

La corona anteriore è da 46 denti, ma si possono montare corone fino a 56 denti (a richiesta)

Con la corona da 46, il pacco pignoni consente di viaggiare a 25 km/h con una cadenza di 67 pedalate al minuto in settima marcia o a 9 km/h e una cadenza di 60 pedalate al minuto in prima


Il comando del cambio è uno Shimano Revoshift montato a sinistra

Immagine:

106,8 KB

La stabilità nella marcia è ottimale e sulla mia discesa campione (che non ha traverse e che termina con una leggera salita) ho raggiunto i 50,0 km/h senza problemi ne instabilità

I pneumatici (del tipo Ballon) assorbono meno bene dei BigApple le asperità del terreno ma mi sembrano più scorrevoli

Immagine:

104,2 KB

I freni sono V-brake: potenti e non soffrono particolarmente sulle lunghe discese (i pattini però potrebbero essere migliorati)

Il peso inferiore rende la bipa molto più maneggevole : ho percorso degli sterrati via via più sconnessi mantenendo sempre un controllo sensibilmente elevato

liscio


Immagine:

190,5 KB

ruvido

Immagine:

159,77 KB

difficile e in salita

Immagine:

211,5 KB

Immagine:

181,52 KB

su quest’ultimo tratto ho avuto problemi di slittamento della ruota posteriore, ma sempre controllabili anche se con un po’ di attenzione

Se si estrae la batteria, non rimangono carenature o bloccaggi voluminosi e può essere usata come normale bicicletta muscolare

Immagine:

301,54 KB

Ne risulta una bici molto agile e molto robusta (è dimensionata per sostenere il peso delle batterie al piombo e un portapacchi con portata 25 kg)
Il peso del motore non disturba la maneggevolezza
Non mi piace il gancio di fissaggio della batteria vicino al manubrio che rimane troppo visibile

Il cavalletto è del tipo “monopiede” e non consente la rotazione completa dei pedali quando è estratto

Immagine:

162,63 KB



Passiamo alla PARTE ELETTRICA



CENTRALINA

La velocità raggiungibile prima del taglio della potenza, è circa 26.5km/h ;il distacco dell’assistenza avviene in modo graduale da circa 25 all’ora e a 27 ci si trova a fare tutto lo sforzo con i pedali

La velocità minima a cui si può viaggiare in pianura è circa 9 km/h


BATTERIA

La ZEN viene fornita con una batteria Li-Mn da 37V 10Ah

Immagine:

114,08 KB

Sulla batteria non è presente alcun indicatore
C’è la chiave per l’accensione che funge anche da blocco antifurto per l’estrazione della batteria stessa e il connettore di ricarica accessibie a batteria montata ed estratta

Immagine:

48,05 KB

Ho fatto un test sulla capacità della batteria è mi è risultata 10.84 Ah con una corrente di scarica pari a 2.3A: maggiore del valore di targa

E’ possibile montare tutti i tipi di batteria disponibili per la serie Dinghi (Piombo da 36V 14Ah; Litio di altre capacità)



COMANDI e REGOLAZIONE DELL’ASSISTENZA

La regolazione dell’assistenza fornita dal motore è ottenuta tramite “manettino” consentendo di regolarla in modo continuo da “nessuna assistenza” a “pedalata senza apporto muscolare”
Il manettino (montato sul lato destro del manubrio) è del tipo “split” , cioè ruota solo la parte più interna
Ovviamente il motore marcia soltanto se si fanno ruotare i pedali e il manettino regola il valore di assistenza che fornisce il motore

Immagine:

104,71 KB

Non è presente alcun cruscottino, ma sulla stessa manopola del regolatore sono presenti tre spie:
arancio - funzionamento del motore (segnale dal PAS ricevuto)
verde - centralina alimentata e batteria carica; si accende quando si ruota la chiave sulla batteria
rossa - segnala la “riserva” della batteria; quando si accende rimane carica sufficiente per percorrere una decina di km

La molla di richiamo del manettino è leggera, così non ci si stanca a tenere la regolazione voluta per molto tempo
Ma io preferisco avere addirittura un valore “prefissabile” così ho spinto la parte fissa contro a quella mobile neutralizzando la molla di richiamo: così posso fissare una posizione della regolazione e mi rimane lì

Lato negativo della manopola: la regolazione avviene in un arco molto piccolo della rotazione
Se questo è utile per regolare molto rapidamente l’erogazione, è molto scomodo per fissare il valore voluto (che a parer mio è lo scopo principale)

Manca un indicatore di carica della batteria e, come però tutte le Dinghi, non ha indicazioni sull’assorbimento di corrente


MOTORE

E’ un hub posteriore, geared, da 250W a 36V, brushless, specifico per questo modello

In marcia la sensazione è di una ottima spinta e di una guida briosa

Durante la marcia il motore è abbastanza silenzioso
Ma in partenza, ai bassi regimi, passa da una fase in cui il rumore è sensibilmente elevato



CABLAGGI

Sufficientemente nascosti all’interno del telaio; un po’ più esposti nella parte che dalla centralina (posta dietro al movimento centrale) va al motore
Non è presente un connettore nelle vicinanze del motore ma la sostituzione del copertone è abbastanza agevole sganciando la ruota dal telaio solo dalla parte opposta all’uscita del cavo


AVVIO DELL’ASSISTENZA

La Zen, come tutte le Frisbee/Dinghi, è dotata di un sensore di rotazione montato sul pacco pignoni che rileva la pedalata ; non essendo montata direttamente sui pedali, la ruota con i magnetini fa partire l’assistenza sempre dopo mezzo giro di ruota
Se si viaggia in 7.a marcia questo corrisponde a circa 1/6 di giro di pedale
Se si è in prima marcia, l’attacco del motore avviene dopo circa 1/2 giro di pedale


Dal lato opposto al pacco pignoni è presente il sensore di rotazione per il controllo della velocità


PENDENZE SUPERABILI

La sensazione è che si arrampichi con molta disinvoltura ed è confermata dai rilievi strumentali

Il cavalcavia al 4% viene superato a velocità elevata (23.8 km/h nel punto di massima pendenza) e con minimo apporto muscolare (ovviamente con il manettino al massimo; se si vuole risparmiare carica della batteria è opportuno ridurre l’assistenza e aumentare l’apporto muscolare)



Questa è la prova di partenza da fermo su rampa al 12% che viene superata agevolmente



La prova sulla rampa al 27% viene superata (con uno sforzo sensibile applicato ai pedali) partendo dal tratto al 10%, ma non viene superata partendo da fermo sul tratto a pendenza più forte
(come ho già fatto altre volte, voglio precisare che questa è una pendenza estrema e che è assai difficile incontrarla sulle strade: su una tale pendenza una automobile generalmente non è in grado di ripartire; ci riescono solo le fuoristrada dotate di marce ridotte)
Sul 27% ci sono problemi di ribaltamento: se si spinge troppo sui pedali la ruota anteriore si alza




VELOCITA’ e AUTONOMIA

La velocità raggiungibile con un modesto apporto muscolare è sui 26km/h

(Nota: per “modesto apporto muscolare” intendo quello necessario su una bicicletta muscolare di qualità media per viaggiare a 18-20km/h)


Riporto i dati di tre tipi di prove eseguite in modalità di assistenza diverse su percorsi pianeggianti ma con un tratto collinare (circa 300 metri di dislivello totale)


Regolatore al massimo; apporto muscolare minimo (pedali mantenuti in rotazione senza applicare sforzo, salvo in partenza)
Velocità di marcia 25-26 km/h ; velocità media su tutto il percorso 24.8 km/h ; autonomia 61 km
Regolatore al massimo; apporto muscolare modesto; la velocità è stata determinata dall’intervento del controllo tachimetrico
Velocità di marcia 26-27 km/h; velocità media su tutto il percorso 25.4 km/h ; autonomia 79 km

Regolatore parzializzato; apporto muscolare modesto
Velocità di marcia 24-25 km/h ; velocità media su tutto il percorso 23.4 km/h ; autonomia 103 km

Questo è un confronto con la Frisbee Südtirol

Immagine:

83,1 KB

Si nota che è leggermente più lenta ma che supera il tratto di salita a velocità maggiore (il tratto a pendenza maggiore è al 13%)


ACCELERAZIONE

Ho fatto le mie consuete prove di accelerazione su un tratto di 50 metri partendo da fermo e senza aiutare con i pedali
Ho impiegato 10.33” e la velocità di uscita è circa 26km/h: è il miglior tempo che ho misurato rispetto alle altre Frisbee che ho sperimentato



PEDALABILITA’ AD ASSISTENZA DISINSERITA

Buona scorrevolezza; il motore è dotato di ruota libera perciò non ostacola, se non minimamente, la rotazione della ruota
Il peso contenuto e la geometria del telaio consentono una buona pedalabilità
I rapporti del cambio sono adeguati anche ad una marcia turistica senza assistenza

Togliendo la batteria risulta praticamente una bici “normale” con le gomme un po’ grosse


IMPIANTO LUCI

Sull’esemplare di preserie che ho avuto in prova era presente solo il fanale anteriore alimentato da una dinamo convenzionale, ma non è la dotazione che verrà fornita sugli esemplari in vendita


ACCESSORI

Sono disponibili parafanghi, portapacchi, lucchetto ad arco, borse anteriori e posteriori a bisaccia con i relativi attacchi e corone con diverso numero di denti


CONSIDERAZIONI SULL’UTILIZZO

Bipa adatta ad un uso generale

La notevole autonomia la rende adatta alle escursioni e la potenza del motore le consente di superare bene i percorsi collinari

Con il suo basso peso è molto adatta ad essere trasportata sui portabici delle automobili (senza batteria pesa praticamente come una normale bici turistica) e come tender sui camper
Lo sgancio rapido della ruota anteriore le consente di essere caricata anche all’interno di una automobile (diciamo in quelle normalmente definite “berline compatte”)

La componentistica non è di livello molto elevato per cui, in un uso intenso tipo “pendolare” è forse meglio scegliere la sorella maggiore Frisbee

Ottima per il trasporto in treno negli appositi scompartimenti

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"

elle
Amministratore

fondatore




17605 Messaggi

Inserito il - 28/09/2009 : 23:49:03  Mostra Profilo Invia a elle un Messaggio Privato  Rispondi Quotando


mille grazie pix - davvero molto interessante

sorprendente l'effetto nuda... domanda tecnico-stilistica: ma non sarebbe bastata col litio una scatola batteria grande un terzo? --- come intendi la scelta di riproporre la ruota da 24, dopo una escursione della gamma TC nelle 26?

hai un'idea della fascia di prezzo in cui compete?

l.

giant lafree, 2006 - brompton M3L, 2007 - flyer T8, 2008 - xootr swift, 2009 - specialized tricross, 2012 - tag egolite, 2014
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


28341 Messaggi

Inserito il - 28/09/2009 : 23:49:56  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Complimenti, un test completo, come sempre. Molto leggera ed essenziale la bici, e dotata di buona autonomia, grazie Pix...
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 29/09/2009 : 00:01:29  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Barba, mi diverto moltissimo a fare queste prove .... e risparmio la mia bipa

Per Elle:
La scatola credo la lascino per uniformità stilistica con le altre batterie utilizzabili
E le ruote da 26 le pensano per le versioni adatte alle persone di più alta statura (nella gamma Frisbee c'è la Tour e in quella Dinghi c'è la Ixelle)



Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 29/09/2009 : 00:05:26  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ops, Elle, non ho risposto alla tua domanda sul prezzo

E' a listino a 1300 euro con la litio 37V 10Ah

(ma questa indicazione c'è in fondo alla scheda tecnica)

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

dido
Utente Medio




438 Messaggi

Inserito il - 30/09/2009 : 07:59:04  Mostra Profilo Invia a dido un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Complimenti pix.

Primus nine Italicus, che ha generato una progenia che si sta allargando giorno dopo giorno.
CHE IL NINE SIA CON VOI
Torna all'inizio della Pagina

giannitos
Nuovo Utente


Toscana


18 Messaggi

Inserito il - 30/09/2009 : 12:49:28  Mostra Profilo Invia a giannitos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sono davvero impressionato, della bipa e della prova.
Come faccio a trovare i Pix-test precedenti ?




Staiger Sinus B2 G-9 con motore Bosch
Torna all'inizio della Pagina

elle
Amministratore

fondatore




17605 Messaggi

Inserito il - 30/09/2009 : 14:44:28  Mostra Profilo Invia a elle un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
cerca / pix test / frase esatta / solo nell'oggetto

l.

giant lafree, 2006 - brompton M3L, 2007 - flyer T8, 2008 - xootr swift, 2009 - specialized tricross, 2012 - tag egolite, 2014
Torna all'inizio della Pagina

pukki
Utente Attivo


Lombardia


531 Messaggi

Inserito il - 30/09/2009 : 22:34:57  Mostra Profilo Invia a pukki un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Se nn c'eri Tu Pix io la bipa nn l'avrei neanche presa!!Senza togliere niente ai ragazzi che come te mi hanno dato una opinione e una mano a prenderla.Grazie a Tutti.Ciao

Ex Frisbee Euro 7 Tour
Torna all'inizio della Pagina

giannitos
Nuovo Utente


Toscana


18 Messaggi

Inserito il - 01/10/2009 : 09:15:43  Mostra Profilo Invia a giannitos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie a Elle per le istruzioni per l'uso del Cerca.

Pixbuster: la scheda qui e anche nel test Frisbee Sudtirol si leggono parzialmente (e non credo sia un problema di visualizzazione). Potresti pubblicarle intere ? chiedo troppo ?

Staiger Sinus B2 G-9 con motore Bosch
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 01/10/2009 : 23:15:57  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
giannitos ha scritto:
Pixbuster: la scheda qui e anche nel test Frisbee Sudtirol si leggono parzialmente (e non credo sia un problema di visualizzazione). Potresti pubblicarle intere ? chiedo troppo ?


Ma dai Giannitos: la tua è una utilissima segnalazione
Ti chiedo se gentilmente mi aiuti a capire meglio
Non si vede tutta la scheda?
Oppure è troppo piccola e non si legge?
La scheda termina alla voce 44 "prezzo"
Se mi dici qualcosa aggiusto il tiro

Comunque questo è il file excel che ho "fotografato"

Allegato: Dinghi ZEN-scheda valutazione.xls
38,89 KB

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

elle
Amministratore

fondatore




17605 Messaggi

Inserito il - 01/10/2009 : 23:39:00  Mostra Profilo Invia a elle un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
pix, guarda le righe 12 e qualcun'altra: il margine destro è tagliato (non ostacola la comprensione ma certo se il rigo si completa o va a capo è meglio)

l.

giant lafree, 2006 - brompton M3L, 2007 - flyer T8, 2008 - xootr swift, 2009 - specialized tricross, 2012 - tag egolite, 2014
Torna all'inizio della Pagina

giannitos
Nuovo Utente


Toscana


18 Messaggi

Inserito il - 02/10/2009 : 12:21:57  Mostra Profilo Invia a giannitos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ora che vedo l'originale mi rendo conto che il taglio è minimo e non inficia la comprensione: magari la segnalazione può esserti utile per le prossime schede ...

Staiger Sinus B2 G-9 con motore Bosch
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 02/10/2009 : 22:55:39  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ops mi era sfuggito: grazie della segnalazione

Modifico immediatamente per maggior comprensione .... dei posteri

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

giannitos
Nuovo Utente


Toscana


18 Messaggi

Inserito il - 03/10/2009 : 11:55:14  Mostra Profilo Invia a giannitos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Pix e ...ai posteri l'ardua sentenza !

Staiger Sinus B2 G-9 con motore Bosch
Torna all'inizio della Pagina

bootleg
Nuovo Utente


Lazio


12 Messaggi

Inserito il - 26/11/2009 : 22:04:56  Mostra Profilo Invia a bootleg un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Pix un chiarimento riguardo il sistema di dosaggio dell'assistenza (manettino):
a quanto ho capito non c'è un selettore per regolare l'assistenza ma c'è questo sistema a manettino, tipo motorino (?);
se metto il manettino al "minimo" non ho assolutamente assistenza, e questa aumenta poi facendolo ruotare, o ho almeno un'assistenza minima ?
su una lunga percorrenza non risulta particolarmente scomodo per la mano destra, che deve sempre essere in tensione per tenere il manettino sul livello di assistenza voluto ?

grazie per i chiarimenti che mi potrai dare (la tua sudtirol funziona allo stesso modo ?).
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 26/11/2009 : 22:38:29  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bootleg, quando il manettino è a zero non c'è assolutamente assistenza
Ruotandolo di un certo angolo l'assistenza inizia e aumenta via via fino al massimo
Praticamente quando è a zero è come avere staccato la chiave (rimane un leggero consumo della centralina e di led che restano accesi)
Sui lunghi percorsi più che faticoso è noioso (del resto sulle moto si usa così anche per lunghi viaggi)
Ma io uso un trucco per poter spostare la mano destra in varie posizioni o anche per toglierla dal manubrio senza che l'assistenza venga meno: dato che la manopola è divisa in due parti e la parte rotante è quella verso il centro del manubrio, tengo forzata la parte fissa contro quella rotante in modo da neutralizzare l'effetto della molla di richiamo senza però impedire una facile rotazione (tieni conto che comunque appena si toccano i freni l'assistenza cessa)
Se guardi il mio test della Sudtirol, c'è una foto delle tacche che mi sono fatto e si vede bene lo spazio in cui l'assistenza non c'è (è quello fino alla prima tacca)

Come ti ho già implicitamente risposto: sulla Sudtorol è uguale salvo che c'è un selettore che fissa un livello di assistenza indipendente dalla posizione del manettino (livello che ti fa marciare in piano a circa 20-21 all'ora)


Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

brunos
Utente Normale



88 Messaggi

Inserito il - 09/05/2010 : 23:11:27  Mostra Profilo Invia a brunos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
leggo per uso intenso consigliabile frisbee, esistono con telaio in alluminio?, l'autonomia 100km mi sembra ottima rispetto ad altre bici, vale anche per frisbee con stessa batteria?
Torna all'inizio della Pagina

Irpino
Nuovo Utente


Campania


47 Messaggi

Inserito il - 10/05/2010 : 13:31:55  Mostra Profilo Invia a Irpino un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
[quote]brunos ha scritto:

leggo per uso intenso consigliabile frisbee, esistono con telaio in alluminio?, l'autonomia 100km mi sembra ottima rispetto ad altre bici, vale anche per frisbee con stessa batteria?
[/quote

Mi permetto di risponderti perchè possessore di una Dinghi SportZen con batteria a litio 10 Ah. Credo che l'autonomia della Frisbee, anche se equipaggiata con la stessa batteria al litio, non può essere la stessa. Esiste la versione Export della Euro 7 2010 che monta gli stessi pneumatici ad alta scorrevolezza e la stessa batteria della Dinghi Zen, ma il telaio, pur modificato e migliorato rispetto alle altre Frisbee, non è di alluminio ed il peso superiore di circa 8 kg non favorisce l'autonomia La Frisbee euro 7 Export è a mio parere un'ottima e-bike e la sua peculiarità è il confort non l'autonomia, volendo migliorarla basterebbe montare un pacco batteria litio da 20 Ah. Il costo totale lieviterebbe sensibilmente credo si arriverebbe a superare i 2000 euro ma a questo punto si arriverebbe ad ottenere l'autonomia di uno scoteer 4 tempi
Torna all'inizio della Pagina

brunos
Utente Normale



88 Messaggi

Inserito il - 10/05/2010 : 15:21:25  Mostra Profilo Invia a brunos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
il peso di 8 kg in più a parte il telaio in acciaio da cosa sono costituiti? un venditore mi avrebbe sconsigliato la batteria al litio in quanto suopi clienti hanno avuto problemi, è una cosa generalizzata? e in ultimo per attrezzare la zen con parafanghi e portapacchi di quanto salirebbe il peso? grazie.
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 10/05/2010 : 22:02:31  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Effettivamente le Dinghi Zen/Sport hanno peso minore ed una centralina ottimizzata che (a fronte di una piccola perdita di velocità ma che rimane pur sempre elevata) le fanno ottenere percorrenze un pò maggiori degli altri modelli

Pesi:
la Zen pesa 18kg + 4.5kg di batteria 37V 10Ah
La Sport pesa 19kg + 4.5kg di batteria 37V 10Ah (questa versione è la Zen con parafanghi e accessori)
La Frisbee pesa 23kg + 5kg di batteria 37V 10Ah dotata di indicatore di carica, amperometro e diagnostica


Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

carlo n
Utente Master




3481 Messaggi

Inserito il - 11/05/2010 : 00:01:51  Mostra Profilo Invia a carlo n un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ho deciso di contattare il maestro italiano di Zen Fausto Guareschi

Immagine:

16,1 KB

per chiedergli se non sia il caso di intraprendere un'azione legale
contro l'uso del tutto arbitrario del termine Zen per tale attrezzo

Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11840 Messaggi

Inserito il - 11/05/2010 : 22:37:47  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ahaahh Carlo, hai una vera idiosincrasia per certi termini ... come anche ((((Bi.P.A))) (lo scrivo molto sottovoce) !

Cercherò di non usarli quando mi rivolgo a te

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

brunos
Utente Normale



88 Messaggi

Inserito il - 26/05/2010 : 09:58:48  Mostra Profilo Invia a brunos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
per quanto riguarda la zen, all'accensione della spia rossa, 10km autonomia,si corre il rischio di deterioramento batteria, perciò converrebbe procedere a pedali?, sulle frisbee è previsto un indicatore di carica?
Torna all'inizio della Pagina

Irpino
Nuovo Utente


Campania


47 Messaggi

Inserito il - 26/05/2010 : 11:22:41  Mostra Profilo Invia a Irpino un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
brunos ha scritto:

per quanto riguarda la zen, all'accensione della spia rossa, 10km autonomia,si corre il rischio di deterioramento batteria, perciò converrebbe procedere a pedali?, sulle frisbee è previsto un indicatore di carica?


Sui 10 km percorribili con la spia rossa accesa non ci conterei troppo e comunque è buona abitudine procedere di sole gambe, se non si vuole rischiare di danneggiare la batteria. Le Frisbee hanno, sulla batteria, delle spie che indicano sia lo stato di carica che l'assorbimento istantaneo delle ampere (se non sbaglio sono 5 led, due blu, due gialli ed uno rosso per ogni funzione)
Torna all'inizio della Pagina

brunos
Utente Normale



88 Messaggi

Inserito il - 06/06/2010 : 17:01:26  Mostra Profilo Invia a brunos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
venendo al prezzo della sport(a bologna mi chiedono 1450euro a far bene) vi sembra giustificato, ho visto cristal di worldimension che è al litio e in alluminio e chiedono 1000 euro.
Torna all'inizio della Pagina

Irpino
Nuovo Utente


Campania


47 Messaggi

Inserito il - 08/06/2010 : 19:02:27  Mostra Profilo Invia a Irpino un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
brunos ha scritto:

venendo al prezzo della sport(a bologna mi chiedono 1450euro a far bene) vi sembra giustificato, ho visto cristal di worldimension che è al litio e in alluminio e chiedono 1000 euro.


Io l'ho pagata 1300 euro da un listino di 1500 euro. Credo che questo momento non sia il più adatto per gli acquisti Personalmente sono molto soddisfatto della mia Dinghi SportZen
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,93 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.