Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Prove e collaudi
 Pix test n.13 - Gazelle EasyGlider
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11745 Messaggi

Inserito il - 12/08/2009 : 23:28:17  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il nostro FelicettoGiramondi mi ha messo molto gentilmente a disposizione una Gazelle EasyGlider ed una Chamonix per un test prolungato
Sono andato a Vicenza da lui e ho incontrato l’altrettanto gentile e competente Matteo, responsabile delle vendite;
sono tornato, in treno, con la EasyGlider;
dopo un paio di giorni di prove sono tornato a Vicenza, in sella, e sono rientrato in treno con la Chamonix;
stesse prove e poi, sempre in sella, sono tornato a restituire anche quest’ultima
Con ognuna delle due ho fatto circa 200 km ed ecco qui il mio report

Premetto che, per ognuna delle bipa, mi hanno fornito una batteria di scorta che mi ha permesso di fare le prove di autonomia … senza dover girare mille volte intorno all’isolato, non sapendo quando sarei rimasto a secco

Per prezzi e ulteriori informazioni riferirsi all'importatore italiano www.noord.it Vicenza

Questa è la Gazelle modello EASY GLIDER

Immagine:

299,66 KB

Immagine:

249,78 KB

Immagine:

148,47 KB


CICLISTICA

La prima impressione salendo in sella è di una bipa molto comoda e morbida, con posizione in sella di tipo “olandese” cioè a busto eretto e pochissimo peso scaricato sulle braccia
L’ammortizzazione funziona egregiamente per merito delle ruote di grande diametro, del buon ammortizzatore anteriore (regolabile e che non presenta gioco) e per la sella con cannotto ammortizzato
La capacità di assorbimento delle asperità è confermata anche dopo lunghi percorsi; la posizione in sella a busto verticale va valutata in base alle preferenze personali
La morbidezza dell’insieme non si addice molto ad un uso sportivo (che non è comunque il target di questa bipa)

Il telaio è ben “legato” senza tintinnii ne sbatacchiamenti di nessun tipo, anche sulle buche più severe

La stabilità in marcia è ottimale, anche a velocità elevate (provata fino a 50km/h senza alcun problema)
Non si innescano oscillazioni nel manubrio guidando senza mani

Piega del manubrio, altezza sella e inclinazione sella sono regolabili con sistemi rapidi e senza necessità di attrezzi
La sella è al gel e risulta accogliente (ma come per ogni sella è un dato molto personale)

Immagine:

122,64 KB

Immagine:

130,59 KB

le manopole sono di tipo ergonomico

Immagine:

115,39 KB

il cambio è uno Shimano Nexus a 8 rapporti inserito nel mozzo posteriore, con possibilità di cambiare da fermo

Immagine:

155,86 KB

i rapporti sono piuttosto corti : in prima marcia a 66 pedalate al minuto si viaggia a 6.2km/h e in 8.a , sempre a 66 ped/min, si marcia a 23km/h

I freni sono degli Shimano RollerBrake alloggiati a fianco dei mozzi delle ruote e con il disco di dissipazione del calore che li fa assomigliare a dei freni a disco
la frenata rimane ottima anche in caso di lunghe discese ma è meno aggressiva (e forse un po’ più lunga) dei classici V-brake
la loro presenza complica lo smontaggio delle ruote e la loro manutenzione (peraltro rara) richiede un meccanico competente

Il cavalletto è del tipo monopiede e, insolitamente, consente la rotazione completa dei pedali quando è estratto

Immagine:

212,43 KB


il portapacchi è dotato di comodi elastici ed ha una portata di 25kg

Immagine:

174,99 KB

Ottima e dalla forte impressione di solidità tutta la componentistica

La bipa senza batteria pesa 24.4 kg e la batteria 2.8 kg per un peso totale di 27.2 kg

Nota negativa: il sollevamento (per cui anche il trasporto in treno) è molto difficoltoso per via del peso complessivo e soprattutto per la mancanza totale di punti di appiglio nella zona centrale del telaio

Curiosità: il campanello è a rotazione della parte più interna della manopola di sinistra; molto comodo e per nulla ingombrante sul manubrio




PARTE ELETTRICA :

MOTORE

La motorizzazione è la Panasonic che integra il movimento centrale, su cui misura lo sforzo esercitato sui pedali, e che agisce sulla catena, sfruttando così i rapporti del cambio

Immagine:

131,03 KB

Non dà mai la sensazione di una grande forza, ma è molto morbido nell’erogare la potenza

La rumorosità è molto bassa soprattutto alle basse velocità; diventa un pochino più sensibile verso i 23km/h e, sulle salite, si sente il rumore variare in funzione della diversità di spinta che si esercita nel giro dei pedali (è un suono tipo woon woon woon … che aiuta ad imparare ad eseguire una pedalata “rotonda” cioè non solo spingendo in giù ma anche in avanti e indietro)


CABLAGGI

Sono eseguiti con molta cura e il più possibile nascosti all’interno del telaio

Immagine:

100,76 KB


CRUSCOTTINO CON I COMANDI

E’ il classico cruscottino Panasonic

Immagine:

97,5 KB

i tre led superiori segnalano lo stato di carica della batteria; il pulsante giallo “Power” serve ad accendere e a spegnere l’assistenza
I tre led inferiori si accendono in sequenza premendo il pulsante “Mode” e indicano il livello di assistenza selezionato
I pulsanti hanno un azionamento sicuro e facilmente raggiungibile con il pollice della mano sinistra senza staccare la mano dal manubrio


BATTERIA

Immagine:

139,27 KB

E’ una litio ioni–manganese 26V 10Ah 260Wh prodotta dalla Panasonic, ma l’involucro è diverso da quelle usate ad esempio sulle Flyer

Immagine:

77,94 KB

Infatti questa batteria è alloggiata in un semiguscio che la raccorda alla carrozzeria

Immagine:

117,91 KB

L’involucro è facilmente smontabile con un gancio a scatto

Immagine:

108,56 KB

In effetti la seconda batteria mi è stata data senza questo involucro, per diminuire gli ingombri, e le operazioni per la sostituzione sono state comunque rapide e facili

Sulla batteria è presente un indicatore a 5 led per il controllo dello stato di carica, che si è rivelato ben lineare nell’indicazione
Per attivare l’indicazione è necessario premere il pulsante posto a lato dei led: giusta soluzione per evitare inutili consumi dato che l’indicazione è invisibile stando in sella ed è riportata sui led del cruscottino (sempre in funzione ad assistenza attivata)

La ricarica può essere effettuata con la batteria montata sulla bipa attraverso uno sportellino morbido posto a lato dell’involucro della batteria stessa

Immagine:

107,12 KB

Si può poi caricare la batteria nel suo semiguscio, a batteria estratta oppure, a semiguscio staccato, sulla batteria stessa
Questi connettori sono fra loro diversi ed il caricabatteria è dotato dei raccordi necessari
Esso è piuttosto ingombrante da portare a bordo

Il tempo di ricarica da batteria esaurita è stato un po’ meno di 6 ore

Immagine:

98,05 KB


MODALITA’ DI ASSISTENZA

L’erogazione della potenza del motore è bene illustrata in questo grafico contenuto nelle istruzioni di uso

Immagine:

69,89 KB

La differenza fra il modo Eco (potenza fornita pari al 50% di quella muscolare impiegata) e Normale (100%) è avvertibile; molto meno fra il modo Normale e Boost (130%)

Il controllo della velocità è in realtà un controllo della cadenza della pedalata (non c’è alcun sensore sulle ruote o comunque a valle del cambio)
La cadenza a cui non si percepisce più la spinta del motore mi è sembrata verso le 66 pedalate al minuto (6 km/h in 1.a - 23km/h in 8.a)
Questo implica che non si riesce a raggiungere la velocità massima con un rapporto inferiore e una pedalata agile, ma che velocità e cadenza sono legate in modo fisso dai rapporti del cambio (a meno di non sobbarcarsi tutto lo sforzo necessario senza più assistenza)


AVVIO DELL’ASSISTENZA

Essendo presente il controllo dello sforzo esercitato sui pedali , l’avvio dell’assistenza inizia a mezzo fermo non appena si spinge su un pedale; ne risulta un avvio immediato e una immediata spinta nelle partenze in salita
La notevole sensibilità di questo controllo e la mancanza del cut-off sui freni, richiede che, quando si è fermi ad esempio ad un semaforo, si tengano entrambi i piedi staccati dai pedali per evitare scatti in avanti indesiderati della bipa o consumi inutili di energia nel caso si tengano tirati i freni

Poiché il motore scarica la sua potenza attraverso il cambio, è importante partire con un rapporto corto altrimenti l’accelerazione risulta troppo debole; per questa caratteristica risulta molto indicato il cambio a mozzo azionabile a mezzo fermo come quello installato

Nella tipica ripartenza da un semaforo, a mio parere, il modo d’uso migliore è inserire la terza marcia
In questo modo la bipa parte con decisione per il rapporto piuttosto corto ma richiede un certo sforzo sui pedali
Subito dopo bisogna passare alla marcia successiva perché altrimenti l’assistenza, raggiunte circa le 66 pedalate al minuto, non consente più di accelerare con uno sforzo ragionevole; occorre quindi riprendere a spingere sui pedali per arrivare nuovamente a quella cadenza e così via fino alla velocità di crociera
Se invece si parte in prima, si raggiungono le 66 pedalate al minuto molto rapidamente con una velocità di circa 6 km/h e ci si trova in pieno incrocio con la bipa che sembra non volerne più sapere di accelerare

Con il mio solito test di accelerazione, esercitando uno sforzo sui pedali sensibile ma non forte, ho ottenuto un tempo di 11.2 secondi per percorrere i primi 50 metri


PENDENZE SUPERABILI

L’avvio immediato dell’assistenza favorisce le partenze da fermo in salita e il motore centrale asservito al cambio favorisce il superamento di forti pendenze

Questa è la prova di partenza da fermo su rampa al 12%



Anche in modalità ECO (minore assistenza), la partenza – purchè eseguita in prima marcia – è agevole senza richiedere sforzi da polpacci allenati

Anche la rampa al 27% viene superata con partenza da fermo, con qualche problema di equilibrio per la molto bassa velocità
Voglio precisare che questo è un valore di pendenza molto elevato, in cui ci si imbatte molto difficilmente



lo sforzo necessario è, in questo caso, consistente

La poca potenza di picco del motore con la contropartita dell’asservimento al cambio, implica basse velocità di percorrenza delle salite
La strategia migliore è quella di lasciar calare la velocità e scalare rapporti per mantenere una cadenza di pedalata piuttosto lenta (verso le 50 pedalate al minuto); così facendo lo sforzo in salita rimane molto basso anche per pendenze consistenti
Questo implica che le velocità di percorrenza delle salite sono piuttosto basse, simili a quelle ottenibili con una bici muscolare, ma con sforzo assai minore
Chiaramente in questo caso l’autonomia si riduce drasticamente (in salita bisognerebbe calcolare l’autonomia in tempo e non in chilometri)
Sul mio solito cavalcavia al 4% ho ottenuto una velocità di 17km/h in 5.a con uno sforzo appena maggiore a quello in pianura



VELOCITA’ e AUTONOMIA

Una precisazione necessaria: lo sforzo sui pedali che definisco “modesto” è circa quello che mi servirebbe per andare a 18-20 all’ora su una muscolare da biciclaio e non da supermercato

Nelle mie prove ho ottenuto una autonomia di 95km su strade pianeggianti in modalità ECO e con una velocità di circa 23-24km/h Ho spinto con una certa energia sui pedali e l'ho fatto per ottenere una velocità media che reputo necessaria ad una bipa (la media è stata 22.7). Alla fine delle prove mi sono ritrovato un po' stanco
Se avessi voluto spingere di meno sui pedali (per non sudare nemmeno un po') avrei dovuto viaggiare a circa 20km/h e avrei “prosciugato” la batteria in meno chilometri

In modalità “boost” ho viaggiato con uno sforzo simile al caso precedente ottenendo velocità di 24-25km/h e una media di 23.8 ; in questa condizione l'autonomia è scesa a 75 km

Mi sembra, perciò, che i dati forniti dal Costruttore siano corretti (40-70km) se si lascia lavorare il motore e si spinge poco (ma così le medie orarie non sono … da primato)


PEDALABILITA’ AD ASSISTENZA DISINSERITA

Il posizionamento centrale del motore non ostacola la scorrevolezza della bipa anche se penalizza leggermente il percorso della catena perciò del movimento dei pedali
Anche la presenza della dinamo a mozzo crea un piccolo effetto frenante
La pedalabilità senza assistenza risulta comunque ottima
Il peso complessivo si fa avvertire sia in partenza che in salita


IMPIANTO LUCI

Il fanale anteriore è del tipo automatico (si accende da solo quando c’è buio, ma si può forzare l’accensione con un selettore)
E’ del tipo a unico led e produce una sufficiente illuminazione della strada con un fascio un po’ stretto ma ben allungato
Ha anche la funzione di “persistenza” perciò rimane acceso per un certo tempo anche a bici ferma, ma con una intensità molto inferiore a quella in marcia, utile solo per farsi vedere e non per illuminare
A velocità molto basse l’illuminazione è insufficiente, come con tutti i sistemi a dinamo (che in realtà è un alternatore)

Immagine:

112,25 KB

Sulla sospensione anteriore ci sono integrati due catadiottri bianchi ben efficaci
L’alimentazione viene fornita da una dinamo a mozzo Shimano

Immagine:

148,32 KB

che penalizza un poco la scorrevolezza della ruota anche a luce spenta



Il fanale posteriore è realizzato con un unico led rosso a luce fissa
E’ alimentato da due batterie stilo (AA)
E’ anch’esso del tipo automatico ma con un sensore di vibrazione per cui si accende non appena si muove la bici

Immagine:

151,5 KB

ha, come il fanale anteriore, il commutatore per poterlo mantenere acceso anche in assenza di vibrazioni
Al cessare del movimento rimane acceso per alcuni minuti

Immagine:

131,58 KB


ANTIFURTO

E’ dotata di un solido lucchetto ad arco (la stessa chiave serve per estrarre la batteria)
Ma sul lato opposto alla chiave è possibile fissare una catena per ancorare la bipa ad una struttura fissa, con un perno che entra nello stesso lucchetto ad arco
Molto comodo perché si usa una sola chiave ma forse meno efficace contro i ladri a cui basta scassinare un’unica serratura

Immagine:

147,62 KB



(questo test si completa, con alcune considerazioni comparative, nella prova della Gazelle Chamonix)


Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"

job
Amministratore

fondatore



Friuli-Venezia Giulia


6668 Messaggi

Inserito il - 12/08/2009 : 23:36:05  Mostra Profilo Invia a job un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ammazza, e tu a tarda sera pubblichi il "papello" che tutti aspettavamo?
Vado a leggere, per i commenti pero' a domani !

ps-ti dico già bravissimo anche senza leggere, difficile sbagliarsi con te

"carrarmatino" Flyer T4 30/9/2006 (22/5/2011 sostituito motore)
"lancillotto" Brompton P6R + nano motor 14/12/2007
"piccola peste" Dahon Speed Pro TT 14/10/2008
"frankenstein" Trek liquid 25 + kit ezee 21/11/2008 dismessa il 28/02/2010
"jobbent" Tw-bents Adventure Plus 08/05/2009 elettrificata con ezee 350W dal 28/02/2010
"the tractor" surly pugsley 27/08/2009 + Cyclone 500 13/11/2009
"the lift" haybike eq xduro fs 12/10/2011
Torna all'inizio della Pagina

job
Amministratore

fondatore



Friuli-Venezia Giulia


6668 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 12:17:58  Mostra Profilo Invia a job un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ah, ma il papello era in 2 puntate

allora passo a leggere la seconda parte:

il super test si conclude al termine della scheda 14, qui:

http://www.jobike.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=4945

e seguono i commenti

"carrarmatino" Flyer T4 30/9/2006 (22/5/2011 sostituito motore)
"lancillotto" Brompton P6R + nano motor 14/12/2007
"piccola peste" Dahon Speed Pro TT 14/10/2008
"frankenstein" Trek liquid 25 + kit ezee 21/11/2008 dismessa il 28/02/2010
"jobbent" Tw-bents Adventure Plus 08/05/2009 elettrificata con ezee 350W dal 28/02/2010
"the tractor" surly pugsley 27/08/2009 + Cyclone 500 13/11/2009
"the lift" haybike eq xduro fs 12/10/2011
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,33 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.