Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * è cambiata la denominazione del forum, leggere qui le motivazioni

* per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (elle, job, pixbuster)

* registro bici rubate

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Prove e collaudi
 Pix test n. 14 – Gazelle Chamonix
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 00:23:23  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Questo test è contestuale a quello fatto sulla Gazelle EasyGlider ; essendo i modelli molto simili molte cose sono ripetute uguali, ma l'ho fatto per maggior comprensibilità di chi è interessato ad uno solo dei modelli
Questa parte si completa con delle considerazioni comparative

Per prezzi e ulteriori informazioni riferirsi all'importatore italiano www.noord.it Vicenza

Questa è la Gazelle modello CHAMONIX

Immagine:

299,15 KB

Immagine:

264,19 KB

Immagine:

146,02 KB

Questa bipa viene fornita in tre modelli che differiscono solo nel numero dei rapporti del cambio:
CHAMONIX con cambio Nexus a mozzo e 7 rapporti (che è quella che ho provato)
ORANGE con lo stesso cambio ma a 8 rapporti e
MEDEO con tripla corona anteriore e cambio posteriore a 8 rapporti per un totale di 24 marce

Tutti e tre fanno parte della famiglia “Innergy” con motore hub anteriore


CICLISTICA

La prima impressione salendo in sella è di una bipa molto comoda e morbida, con posizione in sella di tipo “olandese” cioè a busto eretto e pochissimo peso scaricato sulle braccia
L’ammortizzazione funziona egregiamente per merito delle ruote di grande diametro, del buon ammortizzatore anteriore (regolabile e che non presenta gioco) e per la sella con cannotto ammortizzato
La capacità di assorbimento delle asperità è confermata anche dopo lunghi percorsi; la posizione in sella a busto verticale va invece valutata in base alle preferenze personali
La morbidezza dell’insieme non si addice molto ad un uso sportivo (che non è comunque il target di questa bipa)

Il telaio è ben “legato” senza tintinnii ne sbatacchiamenti di nessun tipo, anche sulle buche più severe

La stabilità in marcia è ottimale, anche a velocità elevate (provata fino a 47km/h senza alcun problema)
Non si innescano oscillazioni nel manubrio guidando senza mani, nonostante la presenza del motore nella ruota anteriore



Piega del manubrio e altezza sella sono regolabili con sistemi rapidi e senza necessità di attrezzi
L'inclinazione è regolabile finemente con un bel sistema di due viti “a cava esagonale” (brugole)
La sella è al gel e risulta accogliente (ma come per ogni sella è un dato molto personale)

Immagine:

123,4 KB

Immagine:

106,49 KB

le manopole sono di tipo ergonomico

Immagine:

100,77 KB

il cambio, come già detto, è uno Shimano Nexus a 7 rapporti inserito nel mozzo posteriore, con possibilità di cambiare da fermo

la manopola del cambio è a rotazione e posta sul lato destro del manubrio
Il numero della marcia inserita non è di facile lettura soprattutto se si guarda velocemente

i rapporti sono da pianura : in prima marcia a 66 pedalate al minuto si viaggia a 12.4km/h
a 25km/h si hanno 76 ped/min in 5.a , 66 in 6.a e 57 in 7.a

I freni sono degli Shimano RollerBrake alloggiati a fianco dei mozzi delle ruote e con il disco di dissipazione del calore che li fa assomigliare a dei freni a disco
la frenata rimane ottima anche in caso di lunghe discese ma è meno aggressiva (e forse un po’ più lunga) dei classici V-brake
la loro presenza complica lo smontaggio delle ruote e la loro manutenzione (peraltro rara) richiede un meccanico competente
La ruota anteriore ha anche il motore perciò prima dello smontaggio occorre staccare i collegamenti elettrici che sono alloggiati in una scatoletta posta sulla forcella


Immagine:

154,68 KB

Il cavalletto è del tipo monopiede

Immagine:

191,41 KB

il portapacchi è dotato di comodi elastici ed ha una portata di 25kg;
Sotto al piano di carico è alloggiata la batteria che comprende anche il fanale rosso posteriore
Viene fornita una piccola pompa che ha un suo alloggiamento specifico

Immagine:

159,88 KB

Ottima e dalla forte impressione di solidità tutta la componentistica

La bipa senza batteria pesa 24.5 kg e la batteria 2.6 kg per un peso totale di 27.1 kg

Curiosità: il campanello è a rotazione della parte più interna della manopola di sinistra; molto comodo e per nulla ingombrante sul manubrio



(il filmato è relativo alla EasyGlider, ma è identico)

PARTE ELETTRICA :

CENTRALINA

Il rivenditore è dotato di apposito software per poter cambiare (a richiesta) il livello di assistenza da 50% a 200% (con evidente effetto sull'autonomia)
Mi pare di avere capito che i livelli con cui viene fornita la bipa sono 50% in eco e 100% in boost

Per realizzare una sorta di antifurto, la centralina riconosce la batteria che viene montata e non si avvia se la batteria non è stata preventivamente registrata
Perciò se si cambia batteria si deve programmare (dal rivenditore) la centralina affinché la riconosca ; se ne possono memorizzare quattro contemporaneamente

MOTORE

E' un motore a mozzo (hub) anteriore con ruota libera tipo brushless
Risulta perciò indipendente dal rapporto del cambio inserito
Non dà mai la sensazione di una grande forza, ma è molto morbido nell’erogare la potenza e la sua spinta è regolare dall'avviamento fino ai 25 km/h a cui viene disinserito
La rumorosità è molto bassa in tutte le condizioni di utilizzo; aumenta leggermente con la velocità

CABLAGGI

Sono eseguiti con molta cura e nascosti all’interno del telaio; fa eccezione il cavo del motore che, a causa dell'ammortizzatore anteriore, risulta un po' troppo visibile


CRUSCOTTINO CON I COMANDI


E' realizzato specificamente per la Gazelle
E' monocromatico a cristalli liquidi quindi molto ben visibile con luce molto forte e ha una ottima retroilluminazione azzurra che si accende quando si attivano le luci

Immagine:

105 KB

Incorpora le funzioni di computer di viaggio con indicazione della velocità, dei km totali, di quelli percorsi nel viaggio e della media oraria

Ha un pulsante per l'accensione della centralina che attiva anche il display
Il pulsante sottostante accende le luci (che sono comunque ad accensione automatica)

Ha un pulsante per cambiare alternativamente il livello di assistenza da eco a boost con indicazione nel display del livello selezionato

L'ultimo pulsante serve a cambiare la visualizzazione dei dati del trip-computer e per azzerarlo

Nel display compare il simbolo di una batteria con le classiche lineette che si spengono mano a mano che la carica diminuisce; quando la batteria è quasi scarica, l'indicatore inizia a lampeggiare
La precisione dell'indicatore con l'effettiva carica restante è buona

Le scritte del display sono piuttosto piccole per una rapida lettura

I pulsantini hanno un azionamento piuttosto incerto e sono piuttosto piccoli ; in più il pulsante per il cambio di livello di assistenza non si raggiunge facilmente con il pollice senza spostare la mano sul manubrio

Il display è rimovibile (anche questo in funzione di antifurto)

Immagine:

112,46 KB

infatti, senza il pannellino, tutte le funzioni elettriche non si attivano (comprese le luci)

Il pannellino non sembra molto solido
Anche l'incastro per il fissaggio non è particolarmente robusto e ho qualche perplessità per questo sistema: bisogna ricordarsi sempre di portar via il pannellino per evitare che un ladro sciocco lo rubi lasciandoci senza assistenza elettrica e, per giunta, senza luci
Altrettanto una caduta accidentale della bipa potrebbe causare la rottura del pannello o anche solo del sistema di aggancio, lasciandoci ugualmente senza assistenza e senza luci

Il display e la centralina si spengono automaticamente dopo un certo periodo di inattività del motore


BATTERIA

Immagine:

106,12 KB

E’ una litio ioni–manganese 36V 7Ah 252Wh

Si estrae utilizzando la stessa chiave del lucchetto ad arco, sfilandola dalla parte posteriore del portapacchi
Non ha una vera e propria maniglia per il trasporto ma solo una cava per inserire le dita; funzionale visto il basso peso

Immagine:

106,96 KB

La batteria incorpora la luce posteriore
Premendo un pulsante posto al centro del fanale, si attiva la momentanea visualizzazione del livello di carica della batteria: si accende uno dei cinque led del fanale in corrispondente al livello di carica

Anche durante la carica si accende il led corrispondente al livello raggiunto; in questo caso l'indicazione è continua e non richiede di premere il pulsante

La ricarica può essere effettuata con la batteria a bordo o smontata; un coperchietto di gomma morbida protegge i contatti del connettore

Il caricabatteria ha dimensioni contenute
Il tempo di ricarica da batteria esaurita è stato intgorno alle 5 ore

Immagine:

107,28 KB


MODALITA’ DI ASSISTENZA

L'erogazione della potenza del motore avviene esercitando pressione sui pedali: più si spinge più il motore spinge
Il motore, essendo montato sulla ruota, risulta indipendente dal rapporto del cambio innestato
Si può perciò scegliere la cadenza di pedalata indipendentemente dalla velocità
Il “tiro” del motore è continuo fino ai 25 km/h quando viene staccato dalla centralina

La differenza fra il modo Eco e Boost è avvertibile


AVVIO DELL’ASSISTENZA

E' presente il controllo dello sforzo esercitato sui pedali, ma, per evitare il problema di avviamenti involontari quando da fermi si appoggia il piede al pedale, è stato introdotto un controllo tachimetrico che attiva l'assistenza solo quando rileva una velocità maggiore di zero
Questo sistema implica però che l'inizio dell'assistenza avviene dopo aver percorso un certo angolo con i pedali
Essendo l'avvio dell'assistenza molto dolce, mi è stato difficile misurare questo angolo ma direi che va da circa mezzo giro in prima marcia ad un quarto di giro in settima
Nelle partenze in piano non è fastidioso
Forse questa logica è stata implementata soprattutto per evitare gli spunti di corrente elevati che si hanno attivando l'assistenza fin da fermo

Sempre per l'indipendenza del motore dal cinematismo dei pedali, le partenze possono essere fatte con qualsiasi rapporto (ovvio che se si usa una marcia molto lunga si può aiutare poco con i pedali, ma la bipa parte lo stesso)

La potenza erogata dal motore non è molto elevata perciò le partenze non sono particolarmente agili
Nel mio solito test di accelerazione, esercitando uno sforzo sui pedali sensibile ma non forte, ho ottenuto un tempo di 11.99 secondi per percorrere i primi 50 metri


PENDENZE SUPERABILI

L'avvio dell'assistenza dopo un certo tratto di pedalata e i rapporti del cambio un po' lunghi non favoriscono le partenze in salita

Questa è la prova di partenza da fermo su rampa al 12% in Eco e in Boost



Ho dovuto spingere con decisione sui pedali per avviare la bipa a causa della prima marcia lunga
Si avverte la differenza nelle due modalità Eco e Boost ma lo sforzo iniziale è il medesimo

La spinta massima del motore è piuttosto leggera (stimo non più di 300W) e questo non consente di superare pendenze elevate
Il cavalcavia al 4%, a cui mi riferisco normalmente nelle mie prove, viene superato a circa 17km/h con uno sforzo un po' più che modesto
Ho percorso una salita al 10% in 1.a, a circa 11km/h con uno sforzo consistente (a 60 pedalate al minuto)
Il 15% l'ho superato con uno sforzo elevato
In tutte le prove ho inserito la modalità Boost


La rampa al 27% non sono riuscito a superarla nemmeno affrontandola già in movimento (ma voglio precisare che è una pendenza estrema che non si incontra praticamente mai sulle strade)




VELOCITA’ e AUTONOMIA

Una precisazione necessaria: lo sforzo sui pedali che definisco “modesto” è circa quello che mi servirebbe per andare a 18-20 all’ora su una muscolare da biciclaio e non da supermercato perciò intorno ai 50-70W

Per viaggiare a 23km/h lo sforzo richiesto è modesto
A 25km/ cresce un po'
L'intervento del controllo tachimetrico è piuttosto deciso appena un po' sopra i 25km/h

Su un percorso pianeggiante ho ottenuto una autonomia di 48 km in eco (in boost solo sui cavalcavia)
La velocità è stata di 24-25 km/h con una media oraria di 22.9 nei primi trenta km; dopo le prestazioni hanno cominciato a decadere e ho completato il percorso con una media finale di 21.2km/h

Dalle mie prove sembra che il dato di autonomia dichiarato sia piuttosto ottimistico a meno di non viaggiare a velocità molto modeste (diciamo 18km/h)

Quello che maggiormente non mi è piaciuto è la mancanza di riserva di potenza anche viaggiando a 22-23km/h: un lieve falsopiano o un po' di vento contrario abbassano drasticamente la velocità


PEDALABILITA’ AD ASSISTENZA DISINSERITA

[film scorrevolezza ruote]

La pedalabilità risulta buona, nonostante i piccoli attriti visibili nel filmato
Il peso di 24.5kg a batteria smontata penalizza ovviamente l'utilizzo in sola modalità muscolare


IMPIANTO LUCI

I fanali sono automatici (si accendono da soli quando c’è buio, ma si può forzare l’accensione e lo spegnimento col pulsante luci posto sul cruscottino)
L'accensione delle luci attiva anche la retroilluminazione del cruscottino

Il fanale anteriore è a unico led bianco e produce una BUONA illuminazione della strada con un fascio un po’ stretto ma ben allungato
Ho misurato un valore di illuminamento di 27 lux a 10 metri (il valore di riferimento previsto dalle norme tedesche è 10 lux, il valore minimo per il nostro codice della strada è 2 lux)

Questo fanale ha, nella parte inferiore, una comodissima rotellina per regolare l'altezza del fascio luminoso

Immagine:

150,28 KB

Sulla sospensione anteriore ci sono integrati due catadiottri bianchi ben efficaci

Il fanale posteriore è realizzato con cinque led rossi di cui due orientati ai due lati per una migliore visibilità laterale
Esso è integrato nella batteria

Immagine:

151,8 KB

come già detto, questi led vengono anche utilizzati come controllo dello stato di carica della batteria

L’alimentazione delle luci viene fornita dalla batteria e, nelle istruzioni, è dichiarato che anche quando la batteria è troppo scarica per il motore, rimane comunque abbastanza energia per alimentare i fanali a lungo
Rimane il fatto che non è possibile avere le luci accese se la batteria la si lascia a casa o si guasta
Direi che un sistema di illuminazione di scorta è altamente consigliabile

L'alimentazione tramite la batteria ha il vantaggio che i fanali emettono la medesima luce a qualsiasi velocità e da fermo


ANTIFURTO

E’ dotata di un solido lucchetto ad arco (la stessa chiave serve per estrarre la batteria)
Ma sul lato opposto alla chiave è possibile fissare una catena per ancorare la bipa ad una struttura fissa, con un perno che entra nello stesso lucchetto ad arco
Molto comodo perché si usa una sola chiave ma forse meno efficace contro i ladri a cui basta scassinare un’unica serratura

Immagine:

123,78 KB


COMPARAZIONI ovvero quello che è uguale e quello che è diverso

Cominciamo con le cose uguali

La comodità in sella è davvero elevata per entrambe e non temono le asperità della strada (anzi non le teme il nostro posteriore se adagiato sulla loro sella)
Uguale è la posizione in sella a busto verticale
Uguale è la frenata
Uguale è il peso della bipa
Uguale è la necessità di un piccolo ma costante sforzo per marciare
Uguale è anche la buona scorrevolezza ad assistenza disinserita
Anche il campanello è uguale in entrambe

Ma i due modelli differiscono sostanzialmente nella capacità di superare le salite: ottima (anche se richiede uno sforzo costante) sulla EasyGlider che è in grado di farci superare ogni pendenza in cui possiamo imbatterci, scarsa sulla Chamonix con cui si supera agevolmente solo un modesto 4-5%

Anche le velocità “di crociera” sono diverse: a parità di sforzo applicato si viaggia più veloci con il motore a mozzo della Chamonix

Evidentemente mantengono entrambi i modelli a listino per soddisfare le esigenze di chi viaggia in pianura e di chi ha salite anche consistenti sul suo percorso

L'autonomia si allunga, con la Chamonix, viaggiando a velocità piuttosto basse mentre, sulla EasyGlider, si allunga viaggiando veloci (ma in questo caso bisogna mettere in conto un certo impegno muscolare)

Lo scatto al semaforo è migliore sulla EasyGlider, che ha un avviamento immediato, ma si rivela più efficace sulla Chamonix che ha un allungo decisamente migliore e che non richiede un uso tempestivo del cambio ne sforzi elevati sui pedali

Poi ci sono le differenze minori come la regolazione rapida dell'inclinazione della sella che manca sulla Chamonix e l'impianto luci che è più affidabile sulla EasyGlider perchè alimentato indipendentemente, ma più efficace sulla Chamonix perchè fornisce intensità maggiore e la mantiene anche a mezzo fermo

Anche il pannellino di comando è divero: ben retroilluminato e comprendente il trip-computer sulla Chamonix; più robusto e più sicuro da azionare sulla EasyGlider

C'è una differenza notevole nell'altezza minima da terra delle parti meccaniche: 28 cm nel caso di motore a mozzo e 22 con il motore Panasonic centrale che sporge nella parte inferiore

Il prezzo è elevato e molto simile per entrambe ma giustificato da una componentistica e da una cura nella realizzazione di livello elevato
E' invece diverso il prezzo della batteria di ricambio: più cara quella della Chamonix che però comprende anche la logica antifurto e il fanale posteriore


CONSIDERAZIONI SULL'UTILIZZO

Il target, a mio parere, è un ciclista tranquillo che usa la bipa per corti spostamenti urbani e che apprezza il grado di finitura elevato di questi modelli o per chi ama tranquilli e comodi giri “fuori porta”
Il confort molto elevato le rendono interessanti soprattutto in presenza di strade non molto levigate
Le lunghe percorrenze o le velocità elevate non sono fatte per questi modelli

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"

Dasti
Utente Master



Liguria


20910 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 00:46:17  Mostra Profilo Invia a Dasti un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Complimenti e grazie Pix, due prove davvero complete.

Road Bike 28" Olmo Supergentleman.
Road Bike 28" Olmo "recycled".
Road Bike 28" aluminium Ks Cycling (in fase di elettrificazione con Cute Q-100).
City Bike aluminium 28" MBM Voyager, Cute Q-100, LiPoly 8s 4P 28.8V 20Ah, G.T.Power Analyzer.
Classic Bike 28" WEG Classic, Cute Q-128SX.
MTB full suspension aluminium 26" Sobim Diamond , Cyclone, LiFePO4 Yesa 24V 20Ah (dal 03/10/2007), Watt's up.
Folding Bike aluminium 20" Dahon Vitesse D7, Cyclone, LiFePO4 Jimmy Wu 24V 15Ah.
Folding Bike aluminium 20" Diamond Minivelo.
Folding Bike 16" Dahon Dream-HT660, Cyclone.
Tai nasha no karosha (Live Long And Prosper, Lunga Vita e Prosperità)

Torna all'inizio della Pagina

luigino71
Utente Medio


Lazio


177 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 01:28:05  Mostra Profilo Invia a luigino71 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Complimenti per le prove, talmente complete che mi sono fatto un'idea migliore delle bici anche senza provarle. Una prima idea me la ero fatta dal venditore quando mi ero interessato a queste bici un mese fa.

Le bici dalla tua prova sono bellissime ma punto il dito contro il peso senza batterie che mi sembra veramente troppo elevato. Oltre 4 chili più della mia Italwin. Le tante finiture sotto tutti gli aspetti fanno perdere secondo me quell'idea di scorrevolezza che vorrei sentire sempre in una bici, soprattutto di questo livello. Ovviamente è solo una mia impressione personale.
A questo punto se arrivano da Fashion motors spero di provarle.
Grazie ancora.

Prestige ITALWIN
2500 km (In riparazione ma defunta)
Gazelle Easy Glider
2000 Km
Torna all'inizio della Pagina

jumper
Utente Master




3304 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 03:28:20  Mostra Profilo Invia a jumper un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie mille Pix, come sempre prova impeccabile e dettagliatissima!!

Torna all'inizio della Pagina

job
Amministratore

fondatore



Friuli-Venezia Giulia


6709 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 12:11:13  Mostra Profilo Invia a job un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grande Pix, con queste schede, rendi superflue 1000 domande sul prodotto e il consumatore puo' già capire cosa aspettarsi.

Concordo con il tuo giudizio sulle due biciclette. Sembrano studiate molto attorno al comfort e all'eleganza e a permettere che l'utente sia il più spensierato possibile nell'utilizzo. Bella ad esempio, la possibilità di regolare manubrio e sella senza attrezzi . Le bici ideali di chi gira nella city in giacca e cravatta e ha bisogno anche di mostrarsi in pubblico con una certa immagine (vedi manager, politici, ecc) .




"carrarmatino" Flyer T4 30/9/2006 (22/5/2011 sostituito motore)
"lancillotto" Brompton P6R + nano motor 14/12/2007
"piccola peste" Dahon Speed Pro TT 14/10/2008
"frankenstein" Trek liquid 25 + kit ezee 21/11/2008 dismessa il 28/02/2010
"jobbent" Tw-bents Adventure Plus 08/05/2009 elettrificata con ezee 350W dal 28/02/2010
"the tractor" surly pugsley 27/08/2009 + Cyclone 500 13/11/2009
"the lift" haybike eq xduro fs 12/10/2011
Torna all'inizio della Pagina

jumper
Utente Master




3304 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 12:48:55  Mostra Profilo Invia a jumper un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Mi sembrano due delle bici piu' rifinite e ricercate finora vista, comprese anche le snob svizzere.
La cura dei particolari mi sembra elevatissima, talvolta eccessiva (display)
Comprensibile la filosofia di assistenza "con sensore sforzo", visto il target a cui si rivolge, e le bici con cui competono, anche se non condivido la scelta.

Non so.. e' una bici "in livrea" a cui e' difficile fare critiche, ma non avrei visto male una gestione ben piu' performante e una batteria ben piu' capiente, tutte cose che con l'evidente impegno dei progettisti nell'ottimizzare i particolari, sicuramente si sarebbero ottenute a poco o niente in piu' come costo.

Torna all'inizio della Pagina

gigi35
Utente Master



Emilia Romagna


2979 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 22:02:34  Mostra Profilo Invia a gigi35 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
sempre bravissimo pix,belle le bici,nei filmati invece di parlare dovresti gridare un po' altrimenti si fa fatica a sentire quello che dici.

collaboratore video
Torna all'inizio della Pagina

robcam
Utente Medio



Sicilia


211 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 22:53:42  Mostra Profilo Invia a robcam un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grandissimo ed accuratissimo lavoro, Pix ! Credo che da NESSUNA parte (web, riviste, etc) esistano report così completi.

Con sincera ammirazione, Roberto

Queridoo pieghevole ed Esso Pininfarina pieghevole entrambe motorizzate Besbike (ex - Frisbee Euro7 Südtirol ,rubata, sigh!)
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 13/08/2009 : 23:31:19  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie grazie a tutti ... ma sono o non sono l'inviato speciale del Forum ?

Ehm mi sono dimenticato di inserire il filmatino della scorrevolezza delle ruote: ho provveduto ora a correggere


Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

antonio
Utente Senior



Marche


1414 Messaggi

Inserito il - 14/08/2009 : 10:09:59  Mostra Profilo Invia a antonio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Complimenti e grazie per il test molto dettagliato. Non ho capito solo quando in conclusione dici che non sono bici adatte a lunghe percorrenze, sembrerebbe il contrario visto che sono biciclette molto confortevoli e silenziose.

04.10.2007 FLYER serie S urban - telaio numero HE 706308
31.08.2009 FLYER I:SY urban - telaio numero HE 909280
26.11.2009 BROMPTON ML6-12% -numero di serie 0910125879
19.01.2011 BROMPTON ML2 +8% -numero di serie 0910125889

Torna all'inizio della Pagina

Sjoroveren
Utente Senior



1461 Messaggi

Inserito il - 14/08/2009 : 21:52:09  Mostra Profilo Invia a Sjoroveren un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La versione da uomo della Easy Glider mi sembra molto interessante, e forse più adatta a spostamenti estraurbani, poi sui rapporti troppo corti penso si possa fare come sulla Proconnect, 2 pignoncini ad hoc e si pedala in scioltezza senza affaticare di più il motore, anzi probabilmente ne guadagnerebbe anche l'autonomia.

Il prezzo mi pare piu che onesto, viste le finiture, superiori certamente a quelle della mia 905 Se che in realtà costa pure di più...... poi l'assistenza e la disponibilità del concessionario sembrano fuori discussione, non esattamente il mio tipo ideale di bici, ma ha molte freccie al suo arco.

Complimenti a Pix per i test che ci regala, veramente professionali e ben fatti, fai fare la figura dei polli a molti che dovrebbero fare questo per professione

Raleigh Dover DD 35-12-32/11
Torna all'inizio della Pagina

pixbuster
Amministratore

fondatore



Veneto


11787 Messaggi

Inserito il - 14/08/2009 : 23:22:28  Mostra Profilo Invia a pixbuster un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Antonio, principalmente è l'autonomia che, a mio parere, non le rende adatte (salvo avere due batterie che diventano però fastidiose da portare ... e costose)
Poi ci sono le non elevate velocità medie e, sempre a mio parere, la posizione in sella verticale che è comoda per i primi chilometri ma a lungo andare affatica la schiena
Ma, ripeto, queste (come tutte le considerazioni) sono mie opinioni e siamo qui per discuterne

Pix su Frisbee Atlas, su pieghevole 20" Kawasaki con kit Bafang centrale e su Cargo muscolare "artigianale"
Torna all'inizio della Pagina

antonio
Utente Senior



Marche


1414 Messaggi

Inserito il - 15/08/2009 : 23:30:22  Mostra Profilo Invia a antonio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
pixbuster ha scritto:

Antonio, principalmente è l'autonomia che, a mio parere, non le rende adatte (salvo avere due batterie che diventano però fastidiose da portare ... e costose)
Poi ci sono le non elevate velocità medie e, sempre a mio parere, la posizione in sella verticale che è comoda per i primi chilometri ma a lungo andare affatica la schiena
Ma, ripeto, queste (come tutte le considerazioni) sono mie opinioni e siamo qui per discuterne

Grazie per la spiegazione che non avevo afferrato, condivido sopratutto per quello che riguarda la posizione.

04.10.2007 FLYER serie S urban - telaio numero HE 706308
31.08.2009 FLYER I:SY urban - telaio numero HE 909280
26.11.2009 BROMPTON ML6-12% -numero di serie 0910125879
19.01.2011 BROMPTON ML2 +8% -numero di serie 0910125889

Torna all'inizio della Pagina

illacustre
Utente Normale


Veneto


70 Messaggi

Inserito il - 05/08/2010 : 12:05:56  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di illacustre Invia a illacustre un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Gazelle (scusate un pò di orgoglio da olandese sfegatato (-_-) ha sempre fatto delle bici molto belle, ben rifinite e lontane da certe "cinesate" che delle volte si incontrano. Anche Sparta come Gazelle, ma penso che ne saranno molti altri, offre la possibilità di programmare la bici per le proprie esigenze, secondo me, determina anche qualche problema per fare un test, si possono sconvolgere i risultati della stessa bici, cambiando semplicemente la programmazione. Molto interessante la possibilità di adattare intervento del motore alla propria condizione fisica intervenendo in base alla frequenza cardiaca, senza grossi investimenti, permettendo l'utilizzo anche a soggetti con problemi cardiaci.
Bellissimissima la possibilità di passare dal rivenditore prima di partire per programmare la bici per l'utilizzo in montagna, una volta tornato a casa, farla riprogrammare per la pianura.
Io ho portato una Suedtirol in Olanda, ho fatto caso di quanti anziani utilizzavano in coppia le bici, stando sempre uno accanto all'altro, sulle piste ciclabili, per sorpassarli bisognava sempre dare un colpetto di campanello, e si spostavano educatamente.
Qui sarebbe il paradiso con tante piste ciclabili (non miste con pedoni) La grandissima differenza in Olanda è il fatto che anche i ciclisti devono rispettare il codice della strada, come le macchine, quindi un ciclista che và in zona pedonale, o contromano si becca la multa come l'automobilista, a me sembra corretto!


Negozio Frisbee a Castelletto di Brenzone, Lago di Garda
Torna all'inizio della Pagina

Fede77
Utente Medio


Veneto


201 Messaggi

Inserito il - 05/08/2010 : 19:38:40  Mostra Profilo Invia a Fede77 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
illacustre ha scritto:

...lontane da certe "cinesate" che delle volte si incontrano.

Bellissimissima la possibilità di passare dal rivenditore prima di partire per programmare la bici per l'utilizzo in montagna, una volta tornato a casa, farla riprogrammare per la pianura.




Scusami tanto, ma a parte che "certe cinesate" come le definisci tu, ti fanno la bellezza di 40 km in piano senza una pedalata, ti superano un cavalcavia a 22 km/h e vengono usate dal 2005 senza un minimo problema....come quella del sottoscritto. Ma come si fa a definire bellissimissima la menata di andare ogni volta dal rivenditore per riprogrammere la centralina? Metti che questo fallisca fra uno-due anni...tocchiamo ferro, o meglio altre cose ;) cosa fai? Meglio fare un motore ed una bella batteria che compensi un po' tutto no?

48 km in piano e in modalità eco, con ultimo modello di batteria e pedalando fanno prorpio pena, se penso che con poco più di 100 € di batterie al piombo mi faccio con la mia 40 km...senza dare una sola pedalata. Mah...

Comunque per il resto sembra una bella bici super-tecnologica, con certi "tocchi di modernità" però problematici e complicati da gestire, a lungo andare, come i freni roller, il discorso registrazione batteria ogni volta che ne prendi una nuova e il fanale incorporato in questa che complica i cambi fai da te...

Per finire un super-complimento a pix che è proprio una colonna portante ed importante nel mondo e-bike!!!


federico
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,71 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.