Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility

Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Links | FAQ |Ricerca Avanzata | le biciclette provate da noi ] mago job
Ultime novità: * per evitare lo spam, l'iscrizione attende l'approvazione degli Amministratori, un po' di pazienza per favore

attenzione che la mail automatica di conferma iscrizione non sempre funziona, provare ad accedere lo stesso o scrivere in amministrazione

* per comunicazioni scrivere a postmaster@jobike.it o contattare uno degli amministratori (job o pixbuster)

* qui tutti i modelli testati da noi a confronto

Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Discussioni
 Pro e Contro
 storage batteria
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Paolo Tuzzo
Utente Medio


Lombardia


164 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 10:26:11  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Buongiorno a tutti, mi chiedevo se esiste un sistema "automatico" per tenere le batterie in storage alla tensione corretta.In pratica un qualcosa che monitora la batteria e che se scende sotto una certa tensione, regolabile, dia alla batteria quella carica per riportarla alla giusta tensione di storage.Ad esempio ho delle batterie da 48v che devono stare in storage a 48,1v se l'aggeggio legge che va a 48,1v eroga la carica sufficiente a portarla a 48,2, in modo da tenerla sempre alla tensione di storage ottimale. Esiste sto coso? E' un'idea stupida?
Grazie e ciao

docelektro
Utente Medio



Piemonte


228 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 10:40:30  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di docelektro  Rispondi Quotando
esiste solo per quelle al piombo. Non mi risulta per quelle moderne.

Per le litio usate nei tosaerba e motoseghe elettriche c'è un circuito che ogni tot giorni dà una controllata e se serve carica ma è tutta roba fatta con odiosi processori programmati.

la felicità è una merce rara che si deve tenere stretta e non fare vedere agli altri perchè saranno sempre invidiosi [A.Petrucci *1970+1985]
Torna all'inizio della Pagina

Paolo Tuzzo
Utente Medio


Lombardia


164 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 11:04:10  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Secondo il mio modesto parere anche solo in questo forum ci sono le competenze in grado di mettere insieme un "coso" del genere, si tratta di mettere insieme una serie di cose che già esistono. Serve un coso che dia il consenso per il passaggio della corrente se scende sotto una certa soglia.Non sono un elettronico non ne capisco nulla, ma ho potuto constatare che qui c'è gente che ne capisce e che secondo me sarebbe perfettamente in grado di accroccare un aggeggio del genere.
Se lo fa qualcuno credo che ne venderà un buon numero, penso a quelli che ne capiscono meno di me, che sarebbero sollevati dal pensiero di tenere in storage una batteria al litio o a quelli che abbandonano le batterie in garage e poi si accorgono che non funzionano più.basta dire collega qua la batteria e scordatela, tra tre mesi quando ti serve premi quà e lui te la carica.due pulsanti e due lucine un pulsante storage e un pulsante carica. Ciao Paolo
Torna all'inizio della Pagina

Steu851
Utente Master



Lombardia


3850 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 11:34:52  Mostra Profilo Invia a Steu851 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
le litio hanno un'autoscarica insignificante, dopo 6 mesi le trovo allo stesso livello di carica di quando le ho messe da parte, ritengo un 'manutentore' inutile.
Le batterie Lipo dei droni Dji dopo una settimana di non uso si portano automaticamente alla tensione di storage

Stefano da Brugherio (MB)

E-MTB: Haibike Xduro AllMtn 3.0 2020
E-MTB moglie : Haibike Sduro AllMtn 7.0 2017
Util-Ebike: Libellula versione 2.6 con step-up e centralina sine wave

Modificato da - Steu851 in data 15/01/2021 11:37:39
Torna all'inizio della Pagina

giordano5847
Utente Master



Lombardia


3446 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 12:06:06  Mostra Profilo Invia a giordano5847 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
A mezza carica e al fresco stanno bene. L'inverno aiuta chi non usa la bici con il freddo

Fuggi quello studio del quale la resultante opera more coll'operante d'essa. (Leonardo)
Torna all'inizio della Pagina

Paolo Tuzzo
Utente Medio


Lombardia


164 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 12:56:43  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ok perfetto, quindi non serve.Meglio così.
ciaoo
Paolo
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


32432 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 13:26:59  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ho sempre immagazzinato le batterie al 60% della carica e in frigorifero, controllo ogni mese ma di solito la tensione non scende, c'è solo il BMS che preleva una leggerissima corrente per la scheda ma è poca roba: Se le Liion avesssero avuto un'autoscarica elevata vedrai che qualcuno avrebbe già messo in commercio un "battery trainer" come quelli che si usano per le batterie al piombo!
Torna all'inizio della Pagina

andrea 104KG
Utente Master


Marche


10114 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 17:35:06  Mostra Profilo Invia a andrea 104KG un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
E' un pò che ci penso, ma non per tenerle a 3,7-3,8v ma secondo me sarebbe utile per tenerle a 3,2 fermando praticamente del tutto il deterioramento.
Leggo di fissati che tengono le batterie al centesimo di volts vicine al 60%.
Il limite più è basso e meno la batteria si rovina col tempo, viene fissato al 60% circa solo per lasciare un certo margine all'autoscarica, altrimenti più sono scariche più si conservano meglio. Per cui un mantenitore di carica che le tenesse a 3,2v per me sarebbe utilissimo, uno che le mantiene a 3,7v inutile...

Modificato da - andrea 104KG in data 15/01/2021 18:06:05
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom2
Utente Master


Campania


3315 Messaggi

Inserito il - 15/01/2021 : 18:35:42  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Tutte le celle che ho preso su nkon
Panasonic, vtc6, erano a 3.45 volt.
Da quello che ho capito :
Una 10s andrebbe conservata a 35v
Una 13s a 47v.
Basta controllare una volta al mese e nel caso metterla in carica per una quindicina di minuti.
Non mi sono mai interessato più di tanto alla questione in quanto la bici la uso tutti i giorni. Al massimo sta ferma 3 giorni se diluvia.

Modificato da - Sergiom2 in data 15/01/2021 18:38:46
Torna all'inizio della Pagina

Paolo Tuzzo
Utente Medio


Lombardia


164 Messaggi

Inserito il - 16/01/2021 : 10:43:41  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
andrea 104KG ha scritto:

E' un pò che ci penso, ma non per tenerle a 3,7-3,8v ma secondo me sarebbe utile per tenerle a 3,2 fermando praticamente del tutto il deterioramento.
Leggo di fissati che tengono le batterie al centesimo di volts vicine al 60%.
Il limite più è basso e meno la batteria si rovina col tempo, viene fissato al 60% circa solo per lasciare un certo margine all'autoscarica, altrimenti più sono scariche più si conservano meglio. Per cui un mantenitore di carica che le tenesse a 3,2v per me sarebbe utilissimo, uno che le mantiene a 3,7v inutile...


Vedi che l'idea non è malsana? trattandosi,o meglio, dovrebbe essere, un apparecchietto con voltaggio regolabile sarebbe utile comunque, Io lo comprerei,e credo non solo io. Potrebbe diventare una fornitura standard insieme al caricabatterie.Chissà se c'è qualcuno che sa farlo?
ciao
Paolo
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


32432 Messaggi

Inserito il - 16/01/2021 : 10:57:47  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Si, ma ti ripeto che a me non è mai capitato di dover "rabboccare" una batteria tenuta in "storage", talvolta con inverni inclementi le ho tenute in frigo per mesi e non sono mai calate di più di 1V sui 48V iniziali, quindi perchè collegarci un apparecchietto di mantenimento?

Oltretutto una batteria al Litio che scende di tensione durante il periodo di "storage" ha un problema, quindi è meglio che emerga e che venga eliminato anzichè fare rabbocchi.
Torna all'inizio della Pagina

Paolo Tuzzo
Utente Medio


Lombardia


164 Messaggi

Inserito il - 16/01/2021 : 12:18:07  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Barba 49 ha scritto:

Si, ma ti ripeto che a me non è mai capitato di dover "rabboccare" una batteria tenuta in "storage", talvolta con inverni inclementi le ho tenute in frigo per mesi e non sono mai calate di più di 1V sui 48V iniziali, quindi perchè collegarci un apparecchietto di mantenimento?

Oltretutto una batteria al Litio che scende di tensione durante il periodo di "storage" ha un problema, quindi è meglio che emerga e che venga eliminato anzichè fare rabbocchi.

Si infatti servirebbe a chi, come Andrea104 volesse tenerle al limite dei 3.2 v in modo da azzerare o quasi il deterioramento. Anche io ho potuto constatare che le mie batterie non si scaricano in storage, ma non mi dispiacerebbe tenerle ad uno stato di carica più bassa quasi in animazione sospesa.
ciao
Paolo
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


32432 Messaggi

Inserito il - 16/01/2021 : 12:34:14  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Guarda che non servirebbe a niente, mantenere una cella a 3,45v oppure a 3,2V è assolutamente ininfluente se la cosa è fatta a 4-5°C di temperatura...

Se i costruttori le inviano a 3,45V ci sarà un buon motivo, e non è certo quello di evitare che si scarichino mentre sono immagazzinate perchè le LiIon senza il BMS non hanno praticamente alcuna autoscarica.
Torna all'inizio della Pagina

Sergiom2
Utente Master


Campania


3315 Messaggi

Inserito il - 17/01/2021 : 20:56:39  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Sarebbe bello sapere quanto degradimento c'è nel tempo anche stoccandole con cura.
Sicuramente calano di autonomia ma di quanto?
Non vanno certo in ibernazione...
Sono convinto che più si usano e più durano.
Tenerle per 6 mesi ferme non le fa ringiovanire.
Ma, chissenefrega...
Quando non sono più efficienti si cambiano....
Torna all'inizio della Pagina

Barba 49
Utente Master



Toscana


32432 Messaggi

Inserito il - 18/01/2021 : 10:44:56  Mostra Profilo Invia a Barba 49 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Quando si acquista una batteria al Litio occorre decidere di che morte morirà, se la usi continuamente perchè nella tua zona non fa mai un freddo tale da dove smettere di andare in bici è ovvio che raggiungerà abbastanza veolcemente il numero massimo di cicli previsto e non morirà certo a causa del degrado elettrochimico...

Se invece a causa del clima sarai costretto a fare una lunga sosta invernale l'unico modo per rallentare molto il decadimento è l'ibernazione, se lasci la batteria completamente carica a 20°C si danneggia MOLTO di più rispetto a lasciarla semicarica a 4-5°C, ci sono le apposite tabelle (più volte pubblicate) che lo dimostrano.

Le batterie al Litio poi non è che diminuiscono come autonomia quando invecchiano, sarebbe bello ma non è così, purtroppo aumenta la loro resistenza interna quindi diminuisce la corrente che riescono ad erogare, aumenta molto il drop sotto sforzo e aumenta moltissimo l'effetto Peukert, ovvero la differenza tra energia immagazzinata durante la ricarica ed energia restituita su strada, quindi ad un cerrto punto le devi buttare!
Torna all'inizio della Pagina

olileo
Utente Normale


Lombardia


98 Messaggi

Inserito il - 14/02/2021 : 18:15:31  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Nell'aeromodellismo elettrico, che utilizza batterie lipo, si usano normalmente dei caricabatterie che hanno la funzione storage. Essa serve per immaganizzare le batterie con una carica al 50% per lunghi periodi e quindi per preservarle. E' noto infatti che queste batterie generalmente da 2 a 6 celle con anche 30-40 C di scarica, se la cella ha una tensione inferiore ai 3v circa, la stessa si rovina ed ha la caratteristica di gonfiarsi. Anche nel volo, oggi esiste la telemetria che da' l'indicazione in tempo reale dello stato di carica della batteria, mentre prima si usava il cronometro sulla radio, che indicava il tempo di volo, con una soglia di sicurezza oltre la quale, il motore non si alimentava piu', ma rimaneva attiva l'alimentazione parziale ( data dal dispositivo BEC integrato nel regolatore di corrente), che dava corrente ai servocomandi per azionare le superficie mobili : alettoni, timone, elevatore. E questo rappresenta una grandissima sicurezza per il volo. Nelle bici elettriche, il concetto e' molto diverso, in quanto l'autonomia non e' neppure paragonabile con i tempi di volo, percui il controllo dello stato di carica, puo' anche essere differito nel tempo, e per un periodo molto piu' lungo. Quindi non vi e' la necessita' di un dispositivo di immaganizzamento di una batteria per bici, ma e' sufficente tenerla caricata al 50% ( non seguendo le indicazioni dei led, ma effettuando la misura direttamente con il tester sui contatti della batteria)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility © 2000-06 jobike Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,37 secondi. Versione 3.4.06 by Modifichicci - Herniasurgery.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.